Scritto: Sabato, 17 Maggio 2014 17:50 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14

ESA Venus Express: una discesa infernale


Dopo otto anni in orbita, la sonda dell'ESA Venus Express ha completato le osservazioni scientifiche di routine e si sta preparando ad un tuffo ardito nell'infernale atmosfera del pianeta.

Ormai a corto di carburante, verrà guidata dal team di missione in un aerobreaking sperimentale che potrà fornire preziose informazioni supplementari sul campo magnetico di Venere, sul vento solare, la temperatura e la pressione.

Rate this item
(0 votes)

Dopo otto anni in orbita, la sonda dell'ESA Venus Express ha completato le osservazioni scientifiche di routine e si sta preparando ad un tuffo ardito nell'infernale atmosfera del pianeta.

Venere è sicuramente un mondo poco ospitale, ne sanno qualcosa i lander sovietici che, atterrati sulla superficie, furono schiacciati piuttosto rapidamente.
La sua temperatura superficiale supera i 450 gradi Celsius e l'atmosfera è piena di gas nocivi ma la sonda Venus Express ripeterà, in parte, l'impresa.

Ormai a corto di carburante, verrà guidata dal team di missione in un aerobreaking sperimentale che potrà fornire preziose informazioni supplementari sul campo magnetico del pianeta, sul vento solare, la temperatura e la pressione.

Lanciata con il Soyuz–Fregat dal cosmodromo russo di Baikonur in Kazakistan il 9 novembre 2005 e giunta intorno a Venere l'11 aprile 2006, concluderà i suoi otto anni di missione immergendosi nell'atmosfera del pianeta entro la fine di quest'anno.

La sua orbita ellittica l'ha portata ad un'osservazione globale, dal suo punto più lontano a 66.000 chilometri sopra il polo sud, fino ad una vista ravvicinata da un'altitudine di circa 250 chilometri sopra la superficie del polo nord.

Con una suite di sette strumenti, la sonda ha fornito dati senza precedenti sulla ionosfera, l'atmosfera e la superficie di Venere.

"Venus Express ci ha insegnato quanto è variabile il pianeta in ogni momento, fornendoci inoltre indizi su come potrebbe essere cambiato fin dalla sua formazione 4,6 miliardi anni fa", dice Håkan Svedhem, scienziato del progetto dell'ESA.

"Queste informazioni ci stanno aiutando a capire come mai la Terra e Venere sono così radicalmente diversi ma abbiamo anche notato alcune somiglianze fondamentali".

Venere in superficie è più calda di un normale forno da cucina, ha un'atmosfera estremamente densa, una soffocante miscela di gas nocivi ma, dai dati in infrarosso sulla composizione chimica delle rocce, è emerso che un tempo poteva avere un sistema di tettonica a zolle come la Terra e persino un oceano d'acqua.

Proprio come il nostro pianeta, Venere sta perdendo parte della sua atmosfera superiore nello spazio e Venus Express ha visto sfuggire il doppio di atomi di idrogeno rispetto all'ossigeno, una fuga che indica che le molecole d'acqua si spezzano in atmosfera.

Oggi, la quantità totale di acqua sulla Terra è 100 000 volte superiore a quella di Venere ma dato che i due pianeti hanno circa le stesse dimensioni e si sono formati nello stesso tempo, potrebbero aver ospitato quantità simili nei loro primi anni di vita.

Le telecamere di Venus Express hanno anche monitorato la dinamica atmosfera tra cui l'enorme vortice al polo sud del pianeta e raffiche di fulmini, identificati dalla loro firma elettromagnetica, generati nelle nuvole di acido solforico.

Letto: 2101 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista