Scritto: Mercoledì, 23 Novembre 2022 23:36 Ultima modifica: Giovedì, 24 Novembre 2022 04:54

Ecco i nuovi astronauti europei


Nel corso del 22esimo Consiglio ESA a livello ministeriale (CM22), che si è svolto a Parigi il 22 e 23 novembre 2022, oltre al bilancio futuro dell'agenzia, sono stati presentati i nuovi astronauti europei usciti dalla selezione del 2022. Fra le riserve anche due candidati italiani.

Rate this item
(1 Vote)
Nell'immagine gli astronauti 2022 selezionati dall'Agenzia Spaziale Europea.
Nell'immagine gli astronauti 2022 selezionati dall'Agenzia Spaziale Europea.
Credito: ESA.

 L'Agenzia Spaziale Europea ha scelto 17 nuovi candidati astronauti tra gli oltre 22.500 candidati provenienti da tutti i suoi Stati membri. In questa nuova classe 2022 di astronauti dell'ESA ci sono cinque astronauti in carriera, 11 membri di riserva di astronauti ed il primo astronauta con disabilità. Il direttore generale dell'ESA, Josef Aschbacher, ha presentato al Grand Palais Éphémère di Parigi, in Francia, i membri della classe di astronauti dell'ESA del 2022, le prime nuove reclute in 13 anni, poco dopo la conclusione del Consiglio dell'ESA a livello ministeriale.

 I 5 candidati astronauti di carriera dell'ESA i seguenti: Sophie Adenot (Francia), Pablo Álvarez Fernández (Spagna), Rosemary Coogan (Regno Unito), Raphaël Liégeois (Belgio) e Marco Sieber (Svizzera).

 Gli 11 astronauti di riserva sono i seguenti: Meganne Christian (Regno Unito), Anthea Comellini (Italia), Sara García Alonso (Spagna), Andrea Patassa (Italia), Carmen Possnig (Austria), Arnaud Prost (Francia), Amelie Schoenenwald (Germania), Aleš Svoboda (Repubblica Ceca), Sławosz Uznański (Polonia), Marcus Wandt (Svezia) e Nicola Winter (Germania).

 Come primo astronauta con disabilità è stato selezionato John McFall (Regno Unito).

 “Oggi diamo il benvenuto ai 17 membri della nuova classe di astronauti dell'ESA 2022. Questa classe di astronauti dell'ESA porta ambizione, talento e diversità in molte forme diverse, per guidare i nostri sforzi e il nostro futuro. La continua esplorazione in orbita bassa terrestre sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), andando avanti verso la Luna e oltre," ha affermato il direttore generale dell'ESA Josef Aschbacher.

 Il direttore dell'Esplorazione umana e robotica dell'ESA, David Parker, ha aggiunto: "Questo è un momento straordinario per il volo spaziale umano e per l'Europa. Dopo il successo del lancio di Artemis 1 con il modulo di servizio europeo dell'ESA che supporta Orion verso la Luna, siamo in prima linea nell'esplorazione umana dello spazio. Siamo lieti di avere questo gruppo di persone di grande talento, per continuare la scienza e le operazioni europee sulla Stazione spaziale internazionale e oltre". I nuovi candidati astronauti dell'ESA prenderanno servizio presso l'European Astronaut Centre di Colonia, in Germania. Saranno addestrati al più alto livello di standard come specificato dai partner della Stazione Spaziale Internazionale.

 Frank De Winne, capo del Centro Astronautico Europeo e Responsabile del programma della Stazione Spaziale Internazionale dell'ESA, ha dichiarato: "Siamo entusiasti di dare il benvenuto alla nuova classe di astronauti dell'ESA del 2022 e non vedo l'ora di vedere tutti questi giovani e ambiziosi candidati astronauti in carriera unirsi a noi per il loro primo addestramento presso il Centro Astronautico Europeo dell'ESA nella primavera del 2023, andando avanti per esplorare e plasmare l'esplorazione dello spazio.

esa astro2022 comellini patasso

Nelle foto gli astronauti italiani 2022 selezionati dall'Agenzia Spaziale Europea, Anthea Comellini e Andrea Patasso Credito: ESA.

 Dopo il completamento dell'addestramento di base di 12 mesi, i nuovi astronauti saranno pronti per entrare nella successiva fase di addestramento della Stazione Spaziale e, una volta assegnati a una missione, il loro addestramento sarà adattato a specifici compiti della missione. Per la prima volta, l'ESA ha istituito un pool di riserva di astronauti. Questo elenco di riserva è composto da candidati astronauti che hanno superato l'intero processo di selezione ma che non possono essere reclutati in questo momento. Gli astronauti nella riserva rimangono con i loro attuali datori di lavoro e riceveranno un contratto di consulenza e supporto di base. Inizieranno l'addestramento di base nel caso in cui sia stata identificata un'opportunità di volo.

 L'ESA ha anche selezionato un candidato astronauta con una disabilità fisica. Prenderà parte al Parastronaut Feasibility Project per sviluppare opzioni per l'inclusione di astronauti con disabilità fisiche nel volo spaziale umano e possibili missioni future.

 L'ESA ha anche deciso il bilancio dell'agenzia per i prossimi tre anni assicurando una cifra di 16,9 miliardi di Euro, un significativo incremento sul budget del 2019 ma circa 1,5 miliardi di Euro inferiore di quanto l'agenzia avrebbe voluto. "Si tratta di un aumento molto significativo, ma bisogna vedere questa cifra nel contesto," ha affermato Aschbacher, citando la crisi energetica dell'Europa, l'elevata inflazione e le economie che si stanno ancora riprendendo dalla pandemia. "Nonostante queste circostanze, con l'inflazione così alta, devo dire che sono molto impressionato da questa cifra".

 Nonostante non abbia raggiunto il suo obiettivo, nessuna delle principali priorità dell'ESA è stata cancellata dal bilancio, ha affermato. Hanno spaziato dall'avvio dei lavori su un lander cargo lunare che potrebbe partecipare al programma Artemis guidato dalla NASA e al finanziamento di una quota della costellazione di connettività sicura IRIS² dell'Unione europea per rinnovare la missione del rover ExoMars che era stata messa da parte dopo l'invasione russa dell'Ucraina e l'estensione della partecipazione dell'ESA sulla Stazione Spaziale Internazionale fino al 2030.

 “Niente è stato ridotto. Alcuni di essi sono stati leggermente ridotti di portata," ha affermato. "Nulla doveva essere cancellato o tolto dal portafoglio." Aschbacher ha elogiato gli Stati membri per i loro contributi. "Quasi tutti i paesi hanno avuto un aumento significativo del proprio budget quest'anno rispetto all'ultima volta," ha affermato.

 I Consigli ministeriali dell’ESA sono appuntamenti triennali nei quali si decidono le attività e gli stanziamenti finanziari per i programmi obbligatori e opzionali dei prossimi tre anni dell’ESA. Il nostro Paese è il terzo contributore dell’ESA, appena dopo la Francia e primo contributore per i programmi opzionali.

esa astronaut2022 presentation 23112022

Nella foto gli astronauti 2022 selezionati dall'Agenzia Spaziale Europea durante la presentazione a Parigi. Credito: ESA.

 La delegazione italiana è stata guidata dal ministro delle Imprese e del Made In Italy (MIMIT) Adolfo Urso, appena delegato dal Consiglio dei Ministri al coordinamento delle politiche dello spazio e dell'aerospazio, accompagnato dall'ambasciatore Luca Sabbatucci, rappresentante permanente d'Italia presso le organizzazioni internazionali a Parigi e dal presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Giorgio Saccoccia.

 L'Italia ha inoltre sottoscritto l'avvio di un nuovo programma, Moonlight, mirato allo sviluppo di un sistema di telecomunicazioni e navigazione lunari con i servizi associati, come nuovo contributo europeo al programma Artemis della NASA, su cui si è registrata una forte convergenza con Regno Unito.

 Un capitolo significativo anche per il Trasporto spaziale, settore nel quale si è confermata la sottoscrizione dedicata al programma VEGA che supporta sia attività di miglioramento dell'attuale versione Vega C, che la continuazione dello sviluppo di Vega E fino al completamento e che rappresenta una quota sostanziale del contributo ai programmi ESA per i prossimi anni. Allo stesso tempo, vengono gettate le basi di un importante contributo italiano ai lanciatori riutilizzabili del futuro.

 Nel settore dell'Osservazione della Terra, un campo nel quale l'Italia ha un peso importantissimo a livello nazionale, europeo e internazionale, è stato sottoscritto tra gli altri il programma Future EO, che prepara alle prossime missioni e sviluppa i nuovi strumenti tecnologici di osservazione europea. L'impegno del nostro Paese è superiore ai tre miliardi di euro sui prossimi cinque anni, con un incremento superiore al 20% rispetto alla precedente ministeriale del 2019. Tale ammontare rappresenta circa il 18,2% del contributo globale dei 22 Stati Membri ed assesta il posizionamento dell’Italia al terzo posto rafforzato dopo Germania e Francia.

esa astro2022 with parmitano cristoforetti

Nella foto gli astronauti italiani ESA classe 2009, Parmitano e Cristoforetti, assieme ai nuovi candidati 2022, Comellini e Patasso. Credito: ESA.

 I due astronauti italiani selezionati come riserve, Anthea Comellini, bresciana e ingegnere aerospaziale, e Andrea Patassa, spoletino e capitano dell’Aeronautica Militare si affiancheranno a quelli già in servizio in ESA che vede tra i componenti gli italiani, Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano e Roberto Vittori, punte di diamante del nostro sistema spaziale che hanno già partecipato a numerose missioni sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

 A completamento del successo della ministeriale, all’Italia è stato garantito un volo sul Lunar Gateway per un astronauta italiano della classe 2009.

Letto: 523 volta/e Ultima modifica Giovedì, 24 Novembre 2022 04:54

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB