Scritto: Lunedì, 24 Ottobre 2022 23:03 Ultima modifica: Martedì, 25 Ottobre 2022 05:00

Falcon 9 per due missioni scientifiche europee mentre ExoMars slitta al 2030


L'Agenzia Spaziale Europea ha deciso di lanciare un telescopio spaziale e una missione verso gli asteroidi utilizzando i razzi Falcon 9 a causa della perdita dell'accesso ai veicoli Sojuz e dei ritardi nell'introduzione dell'Ariane 6.

Rate this item
(0 votes)
Nell'illustrazione il telescopio spaziale Euclid.
Nell'illustrazione il telescopio spaziale Euclid.
Credito: ESA/JPL.

 In una conferenza stampa tenuta il 20 ottobre, dopo una riunione del Consiglio dell'ESA, il direttore generale dell'ESA Josef Aschbacher ha affermato che l'agenzia ha deciso di lanciare la missione astrofisica Euclid su un Falcon 9 nel 2023 e Hera, una missione verso gli asteroidi, nel 2024.

 Euclid, una missione cosmologica con un telescopio spaziale operante nel punto Lagrangiano Terra-Sole L-2, era originariamente prevista per il lancio con un razzo Sojuz. Ma, dopo che la Russia aveva interrotto le operazioni di lancio dei vettori Sojuz dalla Guyana francese in risposta alle sanzioni occidentali, era nato il bisogno di un nuovo veicolo di lancio. L'opzione Falcon 9 era emersa come la più probabile per lanciare Euclid, qualcosa confermato dai funzionari della NASA il 17 ottobre, che avevano affermato che l'ESA stava conducendo uno studio di fattibilità sull'utilizzo di Falcon 9 per lanciare Euclid.

 Ma Euclid era solo una delle due missioni dell'ESA programmate per il lancio con il razzo Sojuz. L'altra, una missione di scienze della Terra chiamata EarthCARE, verrà lanciata con il Vega C europeo, ha affermato Ashcbacher. Invece Hera è una missione che volerà verso l'asteroide vicino alla Terra Didymos e la sua luna Dimorphos, l'obiettivo della missione Double Asteroid Redirection Test (DART) della NASA che si è scontrata con Dimorphos il mese scorso. Hera studierà gli asteroidi, compresi gli effetti su Dimorphos dalla collisione DART.

 Hera avrebbe dovuto essere lanciato entro la fine del 2024 con un Ariane 6, un programma che secondo Aschbacher non era più fattibile dato l'ultimo ritardo nel primo lancio di Ariane 6 annunciato dall'ESA il 19 ottobre scorso. “Non sarà possibile il lancio su Ariane 6," ha affermato. "Pertanto, questa missione verrà lanciata con un Falcon 9." L'ESA non ha rivelato il costo dello spostamento delle missioni sul Falcon 9, inclusi eventuali depositi del contratto di lancio Sojuz che potrebbe aver perso con il cambiamento. Günther Hasinger, direttore scientifico dell'ESA, ha affermato che il cambiamento avrebbe un "effetto positivo" sul budget della scienza perché farebbe risparmiare tempo rispetto all'attesa di un lancio europeo. "Penso che questa sia una mossa positiva per il budget della scienza".

esa hera testing deflection pillars

Nell'illustrazione artistica la missione europea HERA in visita a Dimorphos. Credito: ESA.

 Anche altre missioni potrebbero essere interessate dai ritardi di Ariane 6. Francisco-Javier Benedicto Ruiz, direttore della navigazione per l'ESA, ha affermato che l'ESA e l'Unione Europea devono riprendere i lanci dei satelliti Galileo, sospesi dalla perdita di Sojuz e dei ritardi di Ariane 6, alla fine del 2023 o all'inizio del 2024 per mantenere la navigazione costellazione a pieno regime. "Ariane 6 è la nostra opzione preferita," ha detto. “Verificheremo la pianificazione di Ariane 6 nei prossimi mesi. Nel frattempo, abbiamo avviato azioni per cercare opzioni di servizio di lancio non europeo". Ha detto di aspettarsi una decisione nella prima metà del 2023 su come lanciare i prossimi satelliti Galileo, che sono attualmente in lista sul secondo volo di Ariane 6. L'ultimo lancio orbitale dedicato all'invio di satelliti Galileo in orbita risale al 12 maggio 2021, con un razzo Sojuz da Kourou, che piazzò due satelliti operativi in orbita. Al momento i satelliti di posizionamento globale Galileo in orbita funzionanti sono 24.

 Ma, senza dubbio, la missione europea più colpita dalle ripercussioni della scellerata invasione russa dell'Ucraina è ExoMars, che doveva essere lanciata a settembre con un Proton per inviare il rover Rosalind Franklin su Marte. Aschbacher ha affermato che gli Stati membri dell'ESA prenderanno una decisione sul futuro della missione durante la riunione ministeriale di novembre. L'opzione preferita è il lancio di ExoMars nel 2028, che richiederà la costruzione di un nuovo modulo di discesa per sostituire quello fornito dalla Russia. David Parker, direttore dell'esplorazione umana e robotica dell'ESA, ha affermato che l'agenzia richiederà finanziamenti per iniziare a lavorare sul nuovo modulo al ministero, ma non ha rivelato il budget per esso.

 Aschbacher ha affermato che la missione ha studiato se il rover fosse ancora utile scientificamente anche se verrà lanciato nel 2028, arrivando su Marte nel 2030. La missione è progettata per perforare la superficie per cercare prove della passata vita marziana. Tale revisione, presentata alla riunione del Consiglio dell'ESA, ha confermato che gli obiettivi scientifici sono rimasti validi anche se la missione è stata posticipata alla fine del decennio. "Lo scienziato del progetto ha presentato il caso scientifico e alla fine ha ricevuto un applauso, perché in pochi minuti ha affascinato il pubblico con gli obiettivi scientifici della missione".

Letto: 569 volta/e Ultima modifica Martedì, 25 Ottobre 2022 05:00

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB