Scritto: Venerdì, 07 Febbraio 2014 05:45 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14

ESA Gaia apre gli occhi: primo sguardo verso la Grande Nube di Magellano


La sonda dell'ESA GAIA (Global Astrometric Interferometer for Astrophysics), lanciata con successo il 19 dicembre scorso dallo spazioporto europeo di Kourou nella Guiana francese, ed in orbita intorno punto Lagrangiano L2 del sistema Terra-Sole, a 1.5 milioni di chilometri dalla Terra, ha aperto gli occhi per la prima volta mettendo a fuoco il fitto ammasso stellare NGC1818, nella nella Grande Nube di Magellano, la galassia satellite della nostra Via Lattea.

Rate this item
(0 votes)

Gaia - ammasso stellare NGC1818 nella Grande Nube di Magellano

Credit: ESA/DPAC/Airbus DS

La sonda dell'ESA GAIA (Global Astrometric Interferometer for Astrophysics), lanciata con successo il 19 dicembre scorso dallo spazioporto europeo di Kourou nella Guiana francese, ed in orbita intorno punto Lagrangiano L2 del sistema Terra-Sole, a 1.5 milioni di chilometri dalla Terra, ha aperto gli occhi per la prima volta mettendo a fuoco il fitto ammasso stellare NGC1818, nella nella Grande Nube di Magellano, la galassia satellite della nostra Via Lattea.

Gaia è arrivata in L2 lo scorso 19 gennaio ed è ora in fase "commissioning", ossia sta testando e calibrando la strumentazione.
Genererà un'enorme mole di dati, così i risultati scientifici verranno ottimizzati inviando a Terra solo puntuali "'cut-out'" focalizzati su ciascuna delle stelle rilevate.
E' stimato che dopo cinque anni di lavoro, Gaia ci avrà regalato un archivio dati superiore a 1 petabyte, ossia 1 milione di gigabyte, pari a circa 200 000 volte la capacità di un DVD.

Quella in apertura è una delle prime immagini a fuoco scattate dalla sonda, abbastanza bella da essere pubblicata ma, ironia della sorte, sarà anche una delle ultime percé non è previsto che Gaia, in modalità operativa scientifica, invii a Terra foto complete.

Il suo obiettivo è realizzare una mappa tridimensionale dettagliata della nostra Galassia: effettuerà misurazioni precise delle posizioni e dei movimenti di circa l'1% della popolazione totale di circa 100 miliardi di stelle presenti nella Via Lattea, per rispondere alle domande sulla sua origine ed evoluzione.

Durante i soli primi sei mesi, la sonda riuscirà a vedere almeno una volta tutto il miliardo di stelle, che poi verranno studiate ed osservate in media 70 volte ciascuna, nell'arco dei cinque anni di missione.
Oltre alle posizioni ed ai movimenti, Gaia misurerà anche le principali proprietà fisiche di ogni stella, compresa luminosità, temperatura e composizione chimica.

Utilizzerà due telescopi con piano focale condiviso, una serie di specchi e la più grande macchina fotografica digitale mai volata nello spazio, con 106 CCD, che corrispondono a quasi un miliardo di pixel, disposti in una matrice di 0,5 x 1 metro.

Per questa fase di test, il team sta scaricando solo sezioni di dati estrapolati dalla fotocamera, tra cui l'immagine di NGC1818 che copre meno dell'1% del campo visivo di Gaia.

Durante i cinque anni di vita operativa, verranno rilasciate pubblicazioni intermedie ma il catalogo finale di Gaia sarà disponibile solo tre anni dopo la fine della missione.

Letto: 2088 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista