Scritto: Domenica, 26 Giugno 2022 00:41 Ultima modifica: Domenica, 26 Giugno 2022 05:30

Psyche può attendere


La NASA ha annunciato venerdì che la missione all'asteroide Psyche, la prima missione dell'agenzia progettata per studiare un asteroide ricco di metalli, non effettuerà il tentativo di lancio previsto entro il 2022.

Rate this item
(1 Vote)
Nella illustrazione la sonda Psyche nelle vicinanze dell'asteroide omonimo.
Nella illustrazione la sonda Psyche nelle vicinanze dell'asteroide omonimo.
Credito: NASA/JPL-Caltech/Arizona State Univ./Space Systems Loral/Peter Rubin.

 A causa della consegna tardiva del software di volo e dell'attrezzatura di prova del veicolo spaziale, la NASA non ha il tempo sufficiente per completare i test necessari prima del suo periodo di lancio rimanente quest'anno, che termina l'11 ottobre. Il team della missione ha bisogno di più tempo per garantire che il software funzionerà correttamente in volo.

 La NASA ha selezionato Psyche nel 2017 come parte del Discovery Program dell'agenzia, una linea di missioni competitive a basso costo guidate da un unico investigatore principale. L'agenzia sta formando un team di valutazione indipendente per rivedere il percorso da seguire per il progetto e per il Discovery Program. "La NASA prende molto sul serio i costi e gli impegni di pianificazione dei suoi progetti e programmi," ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la direzione delle missioni scientifiche della NASA a Washington. "Stiamo esplorando le opzioni per la missione nel contesto del Discovery Program e nei prossimi mesi verrà presa una decisione sul percorso da seguire".

 Il team di valutazione indipendente, in genere composto da esperti del governo, del mondo accademico e dell'industria, esaminerà le possibili opzioni per le fasi successive, compresi i costi stimati. Saranno prese in considerazione anche le implicazioni per il Discovery Program dell'agenzia e il portfolio di scienze planetarie. Il software di navigazione e volo di guida del veicolo spaziale controllerà l'orientamento del veicolo spaziale mentre vola nello spazio e viene utilizzato per puntare l'antenna del veicolo spaziale verso la Terra in modo che il veicolo spaziale possa inviare dati e ricevere comandi. Il sisteema fornisce inoltre informazioni sulla traiettoria al sistema di propulsione elettrica solare del veicolo spaziale, che inizia le operazioni 70 giorni dopo il lancio.

 Quando il team della missione del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California ha iniziato a testare il sistema, è stato scoperto un problema di compatibilità con i simulatori del banco di prova del software. A maggio, la NASA ha spostato la data di lancio mirata della missione dal 1 agosto a non prima del 20 settembre per eseguire il lavoro necessario. Il problema con i banchi di prova è stato identificato e corretto; tuttavia, non c'è abbastanza tempo per completare un controllo completo del software per il lancio entro quest'anno. “Volare verso un lontano asteroide ricco di metalli, usando Marte come assistenza gravitazionale durante il tragitto, richiede una precisione incredibile. Dobbiamo farlo bene. Centinaia di persone hanno dedicato notevoli sforzi a Psyche durante questa pandemia e il lavoro continuerà poiché il complesso software di volo viene accuratamente testato e valutato," ha affermato Laurie Leshin, direttore del JPL. “La decisione di ritardare il lancio non è stata facile, ma è quella giusta”.

 Il periodo di lancio della missione nel 2022, che va dal 1 agosto all'11 ottobre, avrebbe consentito alla navicella di arrivare all'asteroide Psyche nel 2026. Ci sono possibili periodi di lancio sia nel 2023 che nel 2024, ma le relative posizioni orbitali di Psyche e Terra significa che la navicella spaziale non arriverà sull'asteroide fino al 2029 e al 2030, rispettivamente. Le date esatte di questi potenziali periodi di lancio devono ancora essere determinate. "Il nostro straordinario team ha superato quasi tutte le incredibili sfide della costruzione di un'astronave durante il COVID," ha affermato Lindy Elkins-Tanton dell'Arizona State University (ASU), ricercatore principale di Psyche, che guida la missione. “Abbiamo vinto numerose sfide hardware e software e alla fine siamo stati fermati da quest'ultimo problema. Abbiamo solo bisogno di un po' più di tempo e faremo funzionare anche questo. Il team è pronto per andare avanti e sono così grato per la loro eccellenza”.

 I costi totali delle missioni del ciclo di vita di Psyche, incluso il razzo, sono 985 milioni di dollari. Di questi, fino ad oggi sono stati spesi 717 milioni di dollari. Sono attualmente in fase di calcolo i costi stimati necessari per supportare ciascuna dell'intera gamma di opzioni di missione disponibili. Due ulteriori strumenti erano programmati per il lancio sullo stesso razzo Falcon Heavy di SpaceX dedicato a Psyche, inclusa la missione Janus della NASA per studiare i sistemi di asteroidi binari gemelli e la dimostrazione della tecnologia Deep Space Optical Communications per testare comunicazioni laser ad alta velocità di trasmissione dati integrate con la navicella spaziale Psyche. La NASA sta valutando le opzioni per entrambi i progetti.

 L'ASU guida la missione Psiche. JPL, che è gestito per la NASA da Caltech a Pasadena, in California, è responsabile della gestione generale della missione; Ingegneria dei sistemi; integrazione e test; e operazioni di missione. Maxar fornisce il telaio del veicolo spaziale a propulsione elettrica solare ad alta potenza. Il Launch Services Program della NASA, con sede presso il Kennedy Space Center dell'agenzia in Florida, gestisce il lancio.

 Per quest'anno erano previste quattro missioni del potente razzo Falcon Heavy di SpaceX, il cui ultimo e terzo volo complessivo (STP-2), risale al giugno 2019, tre anni fa. I tre voli rimasti, ma che hanno poche speranze di essere eseguiti tutti entro l'anno, sono i seguenti: a settembre con due satelliti commerciali geostazionari e poi a novembre e dicembre per due missione dell'Air Force con carico utile classificato. Quest'ultima, USSF-44, è già stata rinviata più volte e slitterà anch'essa sicuramente al 2023.

Letto: 124 volta/e Ultima modifica Domenica, 26 Giugno 2022 05:30

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2022

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 agosto. Statistiche sull...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 5 agosto ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora