Scritto: Sabato, 07 Maggio 2022 10:22 Ultima modifica: Sabato, 07 Maggio 2022 14:46

Endurance torna a casa


Si è chiusa la missione Crew-3 con il rientro e l'ammaraggio nel Golfo del Messico della capsula Crew Dragon 'Endurance' di SpaceX. I quattro astronauti a bordo in ottime condizioni dopo quasi sei mesi trascorsi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto i quattro astronauti di Crew-3, all'interno della capsula Endeavour, subito dopo l'apertura del portello.
Nella foto i quattro astronauti di Crew-3, all'interno della capsula Endeavour, subito dopo l'apertura del portello.
Credito: NASA/Aubrey Gemignani

 Quattro astronauti sono tornati sulla Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale ISS) all'inizio di venerdì 6 maggio 2022 con un ammaraggio, assistito da paracadute, nel Golfo del Messico al largo della costa della Florida. Si è trattato del sesto lancio o atterraggio di un equipaggio a sostegno del programma della stazione in meno di 50 giorni. Lo splashdown della navicella spaziale Crew Dragon 'Endurance' di SpaceX è avvenuto alle 00:43 locali (le 04:43 UTC) di venerdì a chiusura di una missione di 177 giorni per il comandante della NASA Raja Chari, il pilota Tom Marshburn, la specialista di missione Kayla Barron e l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea, il tedesco Matthias Maurer.

 La missione, denominata Crew-3, è stato il primo volo della navicella spaziale Crew Dragon 'Endurance' di SpaceX, la terza di quattro capsule Crew Dragon abilitate al volo con esseri umani nella flotta di SpaceX. "Grazie per averci permesso di portare Endurance nella sua crociera di debutto," ha detto Chari, colonnello dell'aeronautica militare americana e pilota di caccia veterano. “Non vedo l'ora di guardare molti altri voli di Endurance in futuro. È stato un bel giro. Mi è piaciuto lavorare con i team della NASA e SpaceX. Grazie per averci portato alla stazione spaziale e fatto tornare sani e salvi". Chari, 44 anni, ha fatto il suo primo viaggio nello spazio sulla navicella Crew Dragon Endurance. La missione Crew-3 è stata anche il primo volo spaziale per Barron e Maurer, e il terzo per Marshburn, che ora ha volato su tre veicoli spaziali così diversi: uno Space Shuttle, una navicella spaziale russa Sojuz e un veicolo Crew Dragon di SpaceX.

 Gli astronauti di Crew-3 si sono sganciati dalla stazione spaziale all'1:20 EDT (le 05:20 GMT) di giovedì per iniziare un volo libero di quasi 24 ore sopra la Terra. La navicella spaziale Endurance ha completato una serie di accensioni per allinearsi con la zona di recupero al largo della costa di Tampa, in Florida. La capsula ha attivato i suoi propulsori frenanti Draco per quasi otto minuti per costringere la navicella a rientrare. La navicella spaziale Endurance ha incontrato i margini più alti dell'atmosfera alle 00:31 EDT (le 04:31 UTC).

iss exp67 crew3 splashdown infrared 05052022

Nell'immagine tratta dalla diretta la capsula Crew Dragon Endeavour al momento dell'ammarggio. La ripresa è nell'infrarosso dato che è avvenuta di notte. Credito: NASA

 L'accumulo di plasma super caldo all'esterno della capsula ha interrotto, come previsto, le comunicazioni tra l'equipaggio e il controllo missione per circa sette minuti. Le forze G hanno superato di alcune volte la forza di gravità terrestre poiché l'attrito delle molecole d'aria ha rallentato la capsula da oltre 27.000 km/h a circa 563 km/h, quando due paracadute di frenata si sono aperti a un'altitudine di circa 5.900 metri. Meno di un minuto dopo, i quattro paracadute principali si sono aperti per rallentare la navicella spaziale a circa 25 km/h per l'atterraggio odierno in mare calmo.

 La nave di recupero di SpaceX, chiamata "Shannon" in onore dell'astronauta della NASA Shannon Walker, la prima donna a volare su una navicella spaziale Crew Dragon, si è accostata alla capsula e, dopo che gli addetti l'avevano saldamente fissata ai cavi di aggancio l'ha sollevata dall'oceano con un telaio di sollevamento idraulico. Quindi il team di recupero di SpaceX ha aperto il portello del Crew Dragon e ha aiutato i quattro astronauti ad alzarsi dai loro posti. Gli astronauti sono stati adagiati su sedili reclinabili mentre hanno iniziato a riabituarsi alla gravità per la prima volta in sei mesi. Tutti e quattro i membri dell'equipaggio sembravano felici e in salute e il personale medico della NASA, dell'ESA e di SpaceX era a bordo della nave per i controlli sanitari iniziali sugli astronauti.

 Gli astronauti sono poi stati trasportati verso terra su un elicottero. Da li, un jet della NASA era in attesa di riportare i tre membri dell'equipaggio della NASA alla loro base presso il Johnson Space Center di Houston. Un aereo dell'ESA invece ha riportato Maurer al centro di addestramento degli astronauti europei a Colonia, in Germania. La Germania si porta ad un totale di 1.024 giorni passati nello spazio complessivamente dai suoi astronauti, posizionandosi al primo posto fra le nazioni europee. Matthias Maurer, con i suoi 52 anni, è l’astronauta tedesco meno giovane ad aver completato la sua prima missione spaziale.

 Il ritorno degli astronauti di Crew-3 venerdì è stato il sesto lancio o atterraggio di un equipaggio della stazione dal 18 marzo, inclusi due lanci con equipaggio e due atterraggi a bordo delle capsule SpaceX. La Russia ha lanciato un team di tre cosmonauti alla stazione spaziale il 18 marzo su una navicella spaziale Sojuz, seguito dallo sgancio e dall'atterraggio di due cosmonauti e un astronauta della NASA in una missione Sojuz separata, tenutasi il 30 marzo.

iss exp67 crew3 recovery 05052022

Nella foto la capsula Endeavour mentre viene issata a bordo della nave di recupero 'Shannon' di SpaceX, subito dopo l'ammaraggio. Credito: NASA/Aubrey Gemignani

 Quindi, l'8 aprile, SpaceX ha lanciato quattro astronauti privati su un razzo Falcon 9 e la navicella spaziale Dragon Endeavour nella prima missione completamente commerciale verso la Stazione Spaziale Internazionale. Quel volo, gestito da una compagnia di Houston chiamata Axiom Space, era comandato dall'astronauta in pensione della NASA Mike López-Alegría. Tre clienti Axiom, tutti ricchi uomini d'affari, hanno accompagnato López-Alegría nella missione di 17 giorni per eseguire esperimenti ed eventi di sensibilizzazione del pubblico sulla stazione spaziale. La missione Axiom è tornata sulla Terra il 25 aprile e SpaceX ha lanciato la successiva missione con equipaggio di lunga durata per la NASA, nota come Crew-4, dal Kennedy Space Center il 27 aprile.

 Gli astronauti di Crew-4, a bordo della capsula Crew Dragon Freedom di SpaceX, attraccarono alla stazione più tardi lo stesso giorno, unendosi ai cosmonauti russi e agli astronauti di Crew-3 nell'avamposto come facenti parte dell'equipaggio di Spedizione 67. Dopo una settimana di passaggi di consegna, gli astronauti de Crew-3 hanno fatto le valigie e si sono preparati per il loro ritorno a casa questa settimana. La missione Crew-3 venne lanciata il 10 novembre 2021 dal Kennedy per iniziare la missione di sei mesi sulla stazione spaziale.

 Marshburn, un medico di 61 anni, ha consegnato cerimonialmente il comando dell'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale al cosmonauta russo Oleg Artemyev mercoledì, poche ore prima della partenza. "È stata una giornata interessante per noi," ha detto Marshburn. "Abbiamo volato per la stazione, raccolto le nostre foto dell'ultimo minuto, i nostri articoli dell'ultimo minuto e ci siamo preparati per tornare a casa, quindi una giornata un po' agrodolce per tutti noi".

 "Penso che per tutti noi sia davvero difficile andarcene," ha dichiarato la Barron, ufficiale dei sottomarini della Marina degli Stati Uniti prima di entrare nel corpo degli astronauti della NASA. "Non vediamo l'ora di tornare dalle nostre famiglie e dalla nostra straordinaria rete di supporto sul campo".

iss exp67 crew3 depart 04052022

Nell'immagine, tratta dal webcast, la capsula Endeavour, in basso a destra, mentre si allontana lentamente dalla ISS. In primo piano il braccio robotico Canadarm2 della stazione. Credito: SpaceX

 Maurer, uno scienziato dei materiali tedesco, ha affermato che i momenti salienti della sua prima missione spaziale includevano gli esperimenti, il lancio, una passeggiata nello spazio e guardare fuori dalla finestra per godersi "la bellezza del nostro pianeta Terra". Alla domanda su cosa aspettasse con impazienza al ritorno sulla Terra, Maurer ha risposto che era entusiasta di vedere la famiglia e gli amici e di godersi la vita all'aria aperta.

 La missione Crew-3 è stato il terzo volo operativo di rotazione dell'equipaggio di SpaceX verso la stazione spaziale per la NASA. L'equipaggio era a bordo dell'avamposto di ricerca mentre le relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti e la Russia, i due partner più importanti della stazione, si logoravano all'indomani dell'invasione militare russa dell'Ucraina. Le ricadute dell'invasione hanno portato alla sospensione di molti progetti di voli spaziali cooperativi tra la Russia e i paesi occidentali, comprese le operazioni di lancio di Sojuz presso lo spazioporto europeo nella Guyana francese, e il ritardo indefinito della missione ESA-Roscosmos ExoMars il cui lancio era previsto più tardi questo anno.

 Ma, al momento, i lavori sulla stazione spaziale sono proseguiti senza interruzioni. La stazione richiede contributi chiave dai segmenti statunitense e russo per mantenere le operazioni. "Penso che l'eredità duratura della stazione spaziale sia molto probabilmente la cooperazione internazionale e un luogo di pace," ha detto Marshburn dopo aver consegnato il comando ad Artemyev. “Oleg, sei un cosmonauta molto forte ed esperto. So che lasceremo la stazione spaziale in buone mani con te.” Artem'ev è arrivato alla stazione a marzo con due compagni di equipaggio cosmonauti russi: Denis Matveev e Sergej Korsakov.

 "Abbiamo avuto un breve periodo (insieme)... e ora siamo come fratelli e sorelle," ha detto Artem'ev agli astronauti di Crew-3. “Ciò che è più importante per me, per Sergej e per Denis, è la nostra famiglia, i nostri figli, la pace tra i nostri paesi e la nostra amicizia. Grazie per la tua amicizia." In una conferenza stampa il mese scorso, Marshburn aveva detto che non vedeva l'ora di fare un bagno caldo dopo essere tornato sulla Terra. "Mi manca il nostro pianeta," ha detto. "Mi manca essere nascosto sotto le nuvole e sentire la pioggia che viene dall'alto e sentire le dita dei piedi nella sabbia, nell'erba."

iss exp67 after crew3 depart 05052022

La configurazione dei veicoli spaziali in visita alla ISS dopo la partenza di Crew-3. Credito: NASA

 Uno dei momenti salienti della missione per Marshburn, un medico ed ex chirurgo di volo della NASA, è stato osservare per la prima volta i suoi compagni astronauti sperimentare il volo spaziale. "È stata un'esperienza estremamente appagante e meravigliosa, avere tre compagni di equipaggio," ha detto. "Siamo passati dall'essere principianti a veterani." Marshburn ha aggiunto che la vita a bordo della stazione spaziale non è stata direttamente influenzata dalle relazioni tese tra la Russia e le nazioni occidentali sulla Terra.

 "È stata una relazione molto collegiale e molto amichevole insieme quassù," ha detto Marshburn. “Abbiamo davvero bisogno l'uno dell'altro per la nostra sopravvivenza. È un ambiente pericoloso, quindi seguiamo semplicemente il nostro addestramento, andiamo riconoscendo che siamo tutti quassù per lo stesso scopo, per esplorare e mantenere questa stazione spaziale mantenuta e poter continuare a svolgere la scienza nei nostri laboratori.”  "Quindi la dinamica non è cambiata," ha aggiunto Marshburn, in risposta a una domanda di Spaceflight Now. "Abbiamo una storia di circa 40 anni di lavoro con i russi (nello spazio), e questo è tutto molto importante nel lavoro e nel gioco qui".

Letto: 121 volta/e Ultima modifica Sabato, 07 Maggio 2022 14:46

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 23 maggio. Statistiche sul...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 Maggio. ...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora