Print this page
Scritto: Mercoledì, 04 Maggio 2022 01:36 Ultima modifica: Mercoledì, 04 Maggio 2022 06:13

Il cacciatore di sogni prende forma


Lo spazioplano Dream Chaser della Sierra Space è ormai vicino al completamento. Il debutto, per trasportare rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), è previsto per il prossimo anno, utilizzando un razzo vettore Vulcan di ULA per la consegna in orbita.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto il primo spazioplano Dream Chaser 'Tenacity' nelle fasi di completamento, manca ancora tutto il rivestimento termico.
Nella foto il primo spazioplano Dream Chaser 'Tenacity' nelle fasi di completamento, manca ancora tutto il rivestimento termico.
Credito: Sierra Space

 La compagnia privata Sierra Space afferma che sta facendo buoni progressi sul suo primo aereo spaziale Dream Chaser mentre la società guarda avanti alle versioni del veicolo in grado di trasportare equipaggi ed eseguire missioni di sicurezza nazionale. La società ha fornito le immagini del primo Dream Chaser, chiamato Tenacity, in fase di assemblaggio presso la sede centrale della compagnia in Colorado. La struttura del veicolo è ora in gran parte completa, ma c'è ancora molto lavoro da fare per installare il suo sistema di protezione termica e altri componenti.

 “Adesso abbiamo le ali. Sembra davvero uno spazioplano," ha affermato Janet Kavandi, presidente di Sierra Space, durante un panel alla conferenza AIAA ASCENDx Texas a Houston il 28 aprile, dove ha riprodotto un video che mostrava il lavoro di assemblaggio del veicolo. In una recente intervista, Tom Vice, amministratore delegato di Sierra Space, ha affermato che la società ha completato i test strutturali del veicolo e si sta muovendo verso l'integrazione e i test finali. Il veicolo dovrebbe essere pronto per essere spedito al Neil Armstrong Test Facility della NASA in Ohio, precedentemente noto come Plum Brook Station, in agosto o settembre per quattro mesi di test nel vuoto termico.  "Poi lo spediremo al Kennedy Space Center per l'integrazione con il razzo Vulcan," ha dichiarato, con un lancio previsto provvisoriamente per febbraio 2023. Tuttavia, Kavandi ha affermato nelle sue osservazioni alla conferenza dell'AIAA che il lancio è previsto "tra circa un anno".

 Quel lancio sarà il primo di una serie di missioni cargo verso la Stazione Spaziale Internazionale nell'ambito del contratto Commercial Resupply Services 2, di NASA, assegnato nel 2016. Sierra Space sta guardando oltre le missioni cargo e sta iniziando a lavorare su una versione con equipaggio di Dream Chaser che potrebbe essere lanciata già nel 2026. Il lavoro sulla versione con equipaggio è finanziata internamente ma con la speranza di offrirlo alla NASA per future missioni di trasporto degli equipaggi alla ISS. "Pensiamo di avere davvero una buona opportunità per tornare con una versione equipaggio per la NASA," ha proseguito Kavandi. La NASA ha supportato le fasi precedenti dello sviluppo di Dream Chaser attraverso accordi finanziati con Space Act nel suo programma di sviluppo dei veicoli equipaggio commerciali, ma non ha selezionato il veicolo per i contratti assegnati nel 2014 a Boeing e SpaceX per completare lo sviluppo e il test dei veicoli con equipaggio.

sierraspace dream chaser illustration onorbit

Nell'illustrazione artistica il Dream Chaser in orbita con ancora agganciato in coda il modulo di servizio. Credito: Sierra Space

 Vice ha detto che la compagnia vede interesse per i voli Dream Chaser con equipaggio anche oltre la NASA. "Siamo piuttosto entusiasti della velocità con cui i pezzi del turismo si stanno unendo per il Dream Chaser.” Quei voli trasporterebbero le persone verso una stazione spaziale commerciale come Orbital Reef, un progetto guidato da Blue Origin con Sierra Space come partner chiave. "Ogni persona con cui abbiamo parlato che vuole andare sul Dream Chaser vuole anche una destinazione."

 Sierra Space ha anche discusso di realizzare una versione di Dream Chaser per missioni di sicurezza nazionale, ma ha offerto pochi dettagli su come sarebbe diverso dalle versioni cargo o crew. Si è ipotizzato che potrebbe avere capacità simili allo spazioplano X-37B della US Space Force, le cui missioni sono state in gran parte avvolte nel segreto. Vice ha rifiutato di entrare nei dettagli sulla variante della sicurezza nazionale, incluso se Sierra Space o la comunità spaziale che si occupa della sicurezza nazionale abbiano avviato discussioni al riguardo. "Direi solo che è una conversazione coinvolgente a due vie," ha dichiarato.

 A novembre 2017 si era tenuto un test di atterraggio di una versione non destinata ai voli orbitali svoltosi con successo. Negli anni successivi era iniziata una lenta integrazione delle parti del primo veicolo orbitale, ribattezzato Tenacity, appunto. Il Dream Chaser verrà lanciato incapsulato all'interno dell'ogiva protettiva del Vulcan e, una volta in orbita e libero dalla carenatura, dispiegherà i due timoni posteriori, ripiegati fino a quel momento per questioni di ingombro. Dotato di un modulo cargo a perdere, il veicolo spaziale sarà in grado di riportare 1.750 kg sulla Terra mentre subirà forze massime di rientro di appena 1,5 G. Il modulo cargo, chiamato Shooting Star, fa parte del sistema cargo Dream Chaser per i voli CRS-2. Il modulo è lungo 4,6 m e consentirà alla navicella spaziale Dream Chaser di trasportare ulteriori 4.500 kg di carico pressurizzato e non pressurizzato sulla ISS. Il modulo è pensato inoltre per lo smaltimento del carico indesiderato bruciandolo al rientro.

sierraspace dream chaser vulcan diagram

Nell'illustrazione artistica il Dream Chaser all'interno dell'ogiva protettiva per il lancio con il Vulcan, qui esploso in tutte le sue parti principali. Credito: United Launch Alliance

 Oltre al trasporto di merci, il modulo Shooting Star include pannelli solari che forniscono fino a 6 kW di energia elettrica. Fornisce inoltre la gestione termica attiva e passiva; fornisce capacità di traslazione e rotazione di Dream Chaser tramite sei propulsori montati; e supporta l'attracco o l'attracco (in diverse configurazioni) alla ISS. L'accesso dalla ISS a Dream Chaser coinvolgerà l'equipaggio che passerà attraverso Shooting Star (che supporta un ambiente pressurizzato) e attraverso un portello che separa Shooting Star da Dream Chaser. Sierra Nevada afferma che il modulo è in grado di eseguire ulteriori tipi di missioni in LEO o verso destinazioni cis-lunari; ed è stata inoltre sviluppata una variante con capacità aggiuntive di volo libero. Una volta eseguita la missione il veicolo rilascerà Shooting Star posto sulla coda ed eseguirà un rientro simile a quello dello Space Shuttle, planando infine sulla pista SLF del Kennedy Space Center, in Florida.

Letto: 329 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 04 Maggio 2022 06:13

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Massimo Martini

Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.