Scritto: Domenica, 10 Aprile 2022 23:32 Ultima modifica: Lunedì, 11 Aprile 2022 04:58

Una nuova spia russa dallo spazio


L'assalto all'Ucraina non ferma il dispiegamento dei satelliti spia russi. Lanciato dal cosmodromo di Plesetsk il più recente satellite per lo spionaggio elettronico.

Rate this item
(2 votes)
Nell'illustrazione i satelliti da spionaggio elettronico Lotus-S1 (a sinistra) e Pion-KNS.
Nell'illustrazione i satelliti da spionaggio elettronico Lotus-S1 (a sinistra) e Pion-KNS.
Credito: KB Arsenal Design Bureau

 Un razzo Sojuz 2.1b è stato lanciato con successo dal Cosmodromo di Plesetsk, portando in orbita un satellite di intelligence dei segnali elettronici (ELINT) Lotos per l'esercito russo. Il decollo è avvenuto alle 11:20 UTC (le 13:20 italiane) del 7 aprile 2022 dal Sito 43 di Plesetsk su una traiettoria nord-orientale. Lotos-S1 numero 5 è stato schierato nell'orbita bassa terrestre con un apogeo di separazione di circa 900 km e un'inclinazione di 67 gradi. Il veicolo spaziale utilizzerà la sua propulsione di bordo per circolarizzare la sua orbita nelle prossime settimane, prima di diventare pienamente operativo per essere utilizzato dalle forze aerospaziali russe (VKS).

 La serie Lotos, di cui questo è il sesto ad essere lanciato, sostituisce i satelliti di sorveglianza Tselina e US-PM dell'era sovietica. Dagli anni '90, il programma Liana ha mirato a portare veicoli spaziali di ricognizione e intelligence aggiornati e più capaci nell'arsenale russo, tramite i satelliti Lotos e Pion. I satelliti Lotos sostituiranno specificamente la serie Tselina-2 – lanciata a partire dagli anni '80 per oltre due decenni – con lo scopo specifico dell'intelligenza elettronica dei segnali (ELINT). Ciò comporta l'intercettazione dei segnali radio e la trasmissione delle informazioni raccolte per l'analisi militare.

 Il Lotos-S1 n. 5 di giovedì si unisce a una rete di altri cinque satelliti Lotos, due dei quali sono Lotos-S, la versione di sviluppo del veicolo spaziale lanciato nel 2009 e nel 2014. I restanti satelliti Lotos-S1 sono la variante operativa, essendo stata lanciata a partire dal 2017. N°806 è il primo di un nuovo lotto di satelliti Lotos-S1 ordinato dal Ministero della Difesa russo a settembre 2017, con altri tre da lanciare. I veicoli spaziali Lotos sono basati sul bus satellitare Yantar costruito da TsSKB Progress, che fornisce potenza e propulsione a bordo. La tecnologia di ricognizione, che viene implementata sull'autobus, è realizzata dal KB Arsenal Design Bureau, che funge da capocommessa per il Programma Liana. Con Lotos-S1 n. 5 in orbita, è stato pubblicamente rinominato e numerato nella nomenclatura "Kosmos" per segretezza, come è standard con i carichi utili militari russi dagli anni '60. Lotos-S1 n. 5 è quindi da adesso Kosmos-2554.

 Dal ritiro di Sojuz-U, i satelliti Lotos-S1 sono stati lanciati su una versione aggiornata del razzo russo Soyuz 2.1b che ha sostituito i veicoli di lancio Sojuz-U che erano stati operativi nello spazioporto di Plesetsk nel periodo 1973-2012. Durante questo periodo, 435 lanci di razzi portanti Sojuz-U sono stati condotti dal Cosmodromo di Plesetsk in orbita attorno a circa 430 satelliti di varia designazione.

russia sojuz2 1b lotoss1 liftoff 10042022

Nella foto, di pessima qualità fornita dal Ministero della Difesa russo, il lancio del razzo vettore Sojuz 2.1b con il satellite Lotos-S1 n.5

 Utilizzando un tipico profilo di missione Sojuz 2.1b, i quattro booster di spinta esauriscono il loro propellente e vengono sganciati a circa T+ 1 minuto e 58 secondi dal decollo. La separazione dell'ogiva protettiva del carico utile avviene a circa tre minuti e mezzo dall'inizio del volo, con il secondo stadio centrale che si spegne intorno a T+ 4 minuti e 48 secondi. Dopo il distacco, il terzo stadio continua a bruciare per la quantità di tempo richiesta in base ai parametri orbitali specifici del carico utile desiderati al momento del dispiegamento.

 Soyuz-2 può essere lanciato da quattro siti di lancio. In Russia, il primo di questi siti è il Cosmodromo di Plesetsk, situato a circa 800 chilometri a nord di Mosca. Questo serve principalmente come sito da cui vengono lanciati i carichi utili militari russi. Nell'estremo oriente russo, Sojuz viene lanciato anche dal sito 1S del cosmodromo di Vostochny. Il razzo può anche essere lanciato dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, trasportando carichi utili sia con equipaggio che senza equipaggio.

 I veicoli Sojuz sono stati lanciati anche dal Centre Spatial Guyanais, guidato dall'Europa, a Kourou, nella Guyana francese. Tuttavia, dopo l'invasione russa dell'Ucraina del 2022, questo non è più operativo a causa delle sanzioni e delle condanne europee.

 Questo volo è stato il 37esimo lancio orbitale del 2022, il 36esimo a concludersi con successo. Si è trattato anche del sesto lancio della russia per quest'anno, il terzo a carattere militare.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 319 volta/e Ultima modifica Lunedì, 11 Aprile 2022 04:58

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2022

StatisticaMENTE

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 giugno. Reboost! ...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 giugno. Statistiche sul...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora