L'Universo è freddo e oscuro. Eppure, nell'oscurità, c'è un debole bagliore di calore e ci sono oggetti che emettono luce infrarossa. Osservando questa luce, gli astronomi possono vedere il cosmo in un modo molto diverso da come lo vedrebbero i nostri occhi. Il James Webb Space Telescope (JWST) porterà dettagli senza precedenti nell'osservazione del cielo a infrarossi. Permetterà di vedere pianeti caldi in orbite molto strette alla loro stella madre e galassie lontane molto antiche (a redshit molto elevato). Cambierà la nostra comprensione dell'Universo primordiale e forse rivelerà prove di vita aliena. Ma un aspetto è molto limitante: il JWST è progettato per acquisire immagini ad alta risoluzione di piccole aree del cielo, come accade per molti telescopi. Ad esempio, il telescopio spaziale Hubble ci ha regalato viste incredibili del cielo, ma nei suoi 30 anni di missione ha catturato solo lo 0,1% circa del cielo visibile. Invece, L'Osservatorio Vera Rubin è stato costruito appositamente per questo scopo. Il suo specchio da 8 metri è progettato per offrire una vista del cielo di diverse larghezze lunari e, una volta completato, catturerà la maggior parte del cielo meridionale ogni pochi giorni. 

SPHEREx, il cui lancio è programmato per aprile 2025, catturerà il 99% del cielo ogni sei mesi, a discapito della risoluzione. Le immagini SPHEREx non saranno così dettagliate come JWST ma, poiché entrambi osserveranno la luce infrarossa, potranno lavorare facilmente insieme. SPHEREx si concentrerà sul calore di fondo dell'Universo profondo: indagherà cosa è successo entro il primo secondo dopo il big bang, come si formano e si evolvono le galassie, cercherà acqua e molecole organiche complesse nascoste all'interno del gas e della polvere dei vivai stellari. E quando troverà qualcosa di insolito, potrà subentrare JWST per guardare più da vicino.

"È la differenza tra conoscere alcune persone, fare un censimento e conoscere la popolazione nel suo insieme", ha affermato Beth Fabinsky, vice project manager per SPHEREx presso JPL. “Entrambi i tipi di studi sono importanti e si completano a vicenda. Ma ci sono alcune domande a cui è possibile rispondere solo attraverso quel censimento”.

SPHEREx e Webb non differiscono solo nell'approccio ma anche nei parametri fisici.
Webb è il più grande telescopio mai volato nello spazio, con uno specchio primario di 6,5 metri e protegge i suoi strumenti sensibili dalla luce accecante del Sole con un parasole grande come un campo da tennis. SPHEREx ha uno specchio principale da 20 centimetri e un parasole largo solo 3,2 metri. 

Il progetto ora sta passando alla fase finale di realizzazione.
"Siamo al punto di passaggio tra il fare cose con modelli al computer a fare cose con hardware reale", ha affermato Allen Farrington, project manager SPHEREx presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, che gestisce la missione. “Il design per la navicella spaziale, così com'è, è confermato. Abbiamo dimostrato che è fattibile nei minimi dettagli. Quindi ora possiamo davvero iniziare a costruire e mettere insieme le cose".