Scritto: Domenica, 10 Ottobre 2021 14:27 Ultima modifica: Domenica, 10 Ottobre 2021 20:26

Il gigante meccanico prende forma


Iniziato l'assemblaggio del sistema di "cattura al volo" di Starship da parte di quello che Elon Musk ha fantasiosamente battezzato "Mechazilla"

Rate this item
(3 votes)
Immagini riprese ieri al tramonto, con la movimentazione del "Chopstick" - Immagini dalla diretta dalla "Rover Camera" Immagini riprese ieri al tramonto, con la movimentazione del "Chopstick" - Immagini dalla diretta dalla "Rover Camera" Credits: LabPadre.com

 Anche se ad un ritmo rallentato rispetto a quanto eravamo stati abituati a vedere nei mesi passati, i lavori a StarBase Texas progrediscono inesorabilmente verso la realizzazione del progetto più innovativo e rivoluzionario in campo areospaziale.

 Quaranta giorni fa abbiamo raccontato dell'installazione sulla Torre Orbitale del "Quick Disconnect Arm", una braccio meccanico mobile che dovrà garantire la stabilità dello Starship sulla piattaforma di lancio e che approvvigionerà di carburante il secondo stadio orbitale. Il 23 Settembre, come si vede qui sotto, è stata aggiunta una estensione articolata a questo braccio, dotata di due "pinze" con cui afferrare il veicolo.

porzione

Installazione del "QD extention" - Credits: Nic Ansuini/NASAspaceflight.com

scorpione

Vista aerea del QD arm - Credits: RGV aerial

 Nei giorni scorsi, questa struttura, che deve essere ancora completata in alcune sue parti, è stata messa in movimento facendola ruotare attorno alle due articolazioni, quella che la tiene ancorata alla torre OLIT e nel giunto dell'estensione o "piattaforma". Il secondo di questi movimenti è illustrato nella porzione destra del seguente schema, non ufficiale ma abbastanza accurato.

LunarCaveman

Credits: Lunar Caveman

  Arriviamo così agli ultimi giorni, in cui abbiamo assistito alla installazione di due strutture di supporto ai piedi della Torre Orbitale (ponti in acciaio riconoscibili dal colore rosso); pochi giorni dopo, sul più alto di essi, la grande gru "Kong" ha appoggiato la struttura "carriage", una sorta di intelaiatura destinata a scorrere verticalmente, rimanendo ancorata a tre dei quattro tralicci della torre, su apposite rotaie. In questo momento, a questa sorta di montacarichi viene ancorato il primo di due enormi ponti rotanti, detti "chopsticks" (bacchette) orizzontali, su cui sono destinati a posarsi il primo e il secondo stadio di Starship. Lo schema qui sopra, nella porzione sinistra, mostra appunto la struttura di questo gigantesco sistema di "catch" che, a dire il vero, appare un po' sbilanciata, con i due chopsticks decisamente imponenti e massicci mentre il "carriage" sembra esile e leggero.

 Ricordiamoci che, in occasione del primo lancio inaugurale, questo sistema di "presa al volo" non verrà utilizzato perchè il rientro di entrambi "a perdere" gli stadi avverrà in mare aperto, date le grosse incertezze legate a operazioni mai tentate prima. Peraltro, c'è il sospetto che tale volo non venga nemmeno realmente compiuto dai due prototipi S20 e B4, che a questo punto verrebbero utilizzati solo per i test a terra, mentre l'onore andrebbe a S21 e B5, che sono già in fase avanzata di assemblaggio nella "construction area". In effetti, come si vede qui sotto, la copertura termica sul "naso" di S21 è già a un ottimo punto!

211008 nosecone

Il "nosecone" di S21, dentro un hangar, viene ricoperto di tegole termiche - Credits: NASAspaceflight

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 306 volta/e Ultima modifica Domenica, 10 Ottobre 2021 20:26

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Falcon-9 ci riprova! Hubble di nuovo in Safe Mode »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2021. 

StatisticaMENTE

Tiangong 3 orbit

Tiangong 3 orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 ottobre [Last update:&nb...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 ottobre [updated on 10/...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 10/10 - Sol 1015] - Meteo...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista