Print this page
Scritto: Martedì, 17 Agosto 2021 21:53 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Agosto 2021 04:50

Ancora un successo per Vega


Il lanciatore leggero europeo ha piazzato in orbita il satellite da osservazione terrestre Pléiades Neo-4 e quattro payload ausiliari nelle orbite assegnate. E' il secondo volo consecutivo di successo dopo la battuta d'arresto del 2020.

Rate this item
(3 votes)
Nella foto il momento del decollo del razzo vettore Vega missione VV19. Nella foto il momento del decollo del razzo vettore Vega missione VV19. Crediti: Arianespace/ESA.

 Il decollo del volo VV19 dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese, è avvenuto alle 22:47 ora locale del 16 agosto (le 3:47 italiane del 17 agosto) per una missione della durata di circa 105 minuti. Pléiades Neo-4, il carico utile principale con una massa di lancio di 922 kg, è stato il primo a essere rilasciato in un'orbita sincrona solare circa 55 minuti dopo l'inizio della missione. Il quarto stadio AVUM di Vega ha acceso il suo motore RD-843, di provenienza ucraina, cinque volte durante la missione. I primi due hanno posizionato lo stadio superiore in un'orbita di 614 x 625 km a 97,89 gradi sull'equatore per il rilascio di Pleiades Neo 4. Quindi, in seguito a due accensioni successive, interrotte da una fase balistica della durata di 41 minuti, lo stadio superiore di Vega si è spostato su un'orbita di 540x554 km e 97,55 gradi per il rilascio dei quattro payload ausiliari in una sequenza coordinata. Per conformarsi alle normative sui detriti per aiutare a mantenere pulito lo spazio, lo stadio superiore è stato acceso un'ultima volta per deorbitare se stesso e garantire così il rientro diretto bruciando in alto nell'atmosfera sopra l'oceano. Pléiades Neo-4 è un satellite di osservazione della Terra di proprietà e gestito da Airbus Defence and Space. È il secondo di una costellazione di quattro satelliti in grado di fornire immagini ad altissima risoluzione della superficie terrestre più volte al giorno con una risoluzione di 30 cm per pixel. Questi dati verranno utilizzati per monitorare gli effetti dei cambiamenti climatici, per la mappatura, per la difesa e offriranno capacità di risposta dei servizi di emergenza quasi in tempo reale nei prossimi 10 anni. Pléiades Neo-4 si unisce a Pléiades Neo-3, lanciato quest'anno al primo lancio di Vega. A condividere questo lancio c'erano tre CubeSat dell'ESA: SunStorm, RadCube e LEDSAT.

arianespace vv19 payloads stowed in vega fairing

Nella foto l'inserimento del carico utile all'interno dell'ogiva protettiva del razzo vettore Vega missione VV19. Crediti: Arianespace/ESA.

 SunStorm e RadCube metteranno alla prova una serie di strumenti meteorologici spaziali miniaturizzati da utilizzare nelle successive missioni meteorologiche spaziali operative e sono stati sviluppati attraverso il General Support Technology Program (GSTP) dell'ESA. SunStorm, un CubeSat a due unità costruito e gestito da Reaktor Space Lab in Finlandia, ospita un nuovo monitor del flusso di raggi X solare che rileverà le espulsioni di massa coronale dal Sole che minacciano i satelliti e le reti di comunicazione e alimentazione terrestri. A bordo un nuovo rilevatore dimostrativo al silicio delle dimensioni di una formica, sviluppato da Isaware in Finlandia, una tecnologia progettata per essere utilizzata nella missione meteorologica spaziale dell'ESA Lagrange. RadCube è un CubeSat di tre unità costruito attraverso una collaborazione guidata da C3S in Ungheria. Lo scopo è quello di dimostrare una nuova piattaforma CubeSat di C3S e un nuovo strumento di monitoraggio in situ del meteo spaziale chiamato RagMag. Lo strumento è costituito da un telescopio per radiazioni sviluppato dal Centro per la ricerca sull'energia in Ungheria e da un magnetometro sviluppato dall'Imperial College di Londra nel Regno Unito, che deve essere installato sull'estremità di un sistema di bracci sviluppato da Astronika in Polonia. L'esperimento mostrerà come le radiazioni nello spazio danneggino l'elettronica, il che porterà a componenti e veicoli spaziali più sicuri.

 Il progetto LADSAT, sviluppato da studenti e ricercatori del laboratorio S5Lab – Sapienza Space Systems and Space Surveillance Laboratory, è coordinato da Fabrizio Piergentili e da Fabio Santoni rispettivamente del Dima Dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale e del Diaee Dipartimento di Ingegneria astronautica, elettrica ed energetica della Sapienza.

arianespace vv19 LEDSAT in the cleanroom

Nella foto LEDSAT in mano a Lorenzo Frezza, uno dei ricercatori che ha realizzato il satellite. Crediti: LEDSAT Team.

 La missione è stata ideata in collaborazione con la University of Michigan, mentre lo sviluppo del satellite è supportato dall’ASI nell’ambito del Programma IKUNS (Italian-Kenyan University Nano-Satellites). Si tratta del terzo satellite IKUNS lanciato, dopo il successo di 1KUNS-PF, la cui missione si è conclusa nell’estate 2020, e di WildTrackCube-SIMBA, operativo in orbita dal marzo 2021. Come i suoi predecessori quindi, anche LEDSAT ha visto il coinvolgimento di studenti di Università keniane in alcuni ambiti specifici della progettazione e sviluppo degli elementi di volo e del Ground Segment, con finalità tecnico-scientifiche ma anche una valenza didattica, nonché benefici in senso più ampio nella collaborazione con l’ltalia per le attività spaziali. Il CubeSat LEDSAT di taglia 1U (100 x 100 x 113.5 mm) dimostrerà un innovativo metodo di navigazione e tracking per piccoli satelliti, e sarà equipaggiato con 140 diodi luminosi LED in grado di essere tracciati da telescopi a terra. Questi saranno in grado di determinare l’orbita del satellite e di ricostruirne l’assetto solo grazie all’esecuzione dei flash delle varie facce del LEDSAT, i cui pattern sono stati studiati appositamente per massimizzare la tracciabilità del satellite e la facilità nella ricostruzione d’assetto. Nelle attività svolte e completate a Brno e a Kourou hanno partecipato rispettivamente quattro e due studenti della Sapienza e membri del team LEDSAT. Il progetto LEDSAT è stato selezionato nel 2017 per la seconda edizione del Programma “Fly Your Satellite!” dell’ESA, che fornisce supporto tecnico allo sviluppo del satellite, organizza le revisioni tecniche per le diverse fasi del progetto e offre un’opportunità di lancio per i cubesat che ne beneficiano.

Pleiades Neo 4

Nell'illustrazione artistica il satellite Pléiades Neo-4 in orbita. Crediti: Airbus Defence and Space.

 L'ultimo dei piccoli satelliti imbarcati, BRO-4 (Breizh Reconnaissance Orbiter), fa parte di una costellazione di satelliti sviluppata dalla startup francese UnSeenLabs. BRO-4, è un servizio di monitoraggio e di intelligence elettromagnetica per la sorveglianza del traffico marittimo e aereo, delle dimensioni di una scatola da scarpe. Una costellazione pianificata entro il 2025 comprenderà 20-25 di questi nanosatelliti. In totale, i quattro piccoli satelliti 'autostoppisti' di questa mssione pesavano circa 16 kg.

 Vega è operativo dal 2012 ed è ideale per lanciare satelliti leggeri su più orbite in un unico lancio. Si tratta di un veicolo monoscocca di 3 m di diametro composto da quattro stadi. È alto 30 m con una massa al decollo di 137 tonnellate. La massa totale del carico utile per questo lancio era di circa 1029 kg. “Celebriamo un altro successo Vega mentre ci prepariamo per il passaggio alla versione Vega-C potenziata e prepariamo le future evoluzioni di questo sistema di lancio oltre il 2025. Stiamo progredendo su tutti questi fronti in parallelo. Vega è e rimarrà un elemento essenziale della logistica del trasporto spaziale europeo," ha commentato Daniel Neuenschwander, Direttore del trasporto spaziale dell'ESA.

arianespace vv19 vega poised for launch

Nella foto il razzo vettore Vega missione VV19 sulla rampa di lancio poco prima del decollo. Crediti: Arianespace/ESA.

 Il successo ha dimostrato ancora una volta il lavoro svolto da Avio, l'azienda italiana responsabile del progetto Vega, e dal suo partner Arianespace di offrire con Vega un servizio di lancio competitivo e affidabile. Il piccolo razzo europeo conferma la sua capacità di trasportare in orbita gruppi di satelliti insieme a un carico utile principale. Questa capacità, combinata con il nuovo adattatore di carico utile SSMS, testato con successo nel volo VV16, aumenta la versatilità di Vega, per competere meglio nel mercato dei micro-satelliti e offrire maggiori opportunità di lancio ai clienti. “I successi dei voli VV18 e VV19 hanno mostrato i risultati del duro lavoro di Avio e dei suoi partner, confermando Vega come un razzo affidabile e competitivo. Voglio ringraziare ancora una volta il nostro team, i nostri partner e i nostri clienti per la fiducia nella nostra azienda e nel nostro razzo. Concentriamoci ora sul prossimo volo, VV20, previsto nel quarto trimestre dell'anno e sul primo volo di Vega C nel 2022". ha commentato Giulio Ranzo, amministratore delegato di Avio. Questo è stato il 77esimo lancio orbitale del 2021, il 73esimo a concludersi con successo. Per Vega si è trattato del 19esimo volo, di cui due, il quindicesimo ed il diciassettesimo non hanno avuto esito positivo.

Letto: 496 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 18 Agosto 2021 04:50

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.