Un razzo europeo Ariane 5, versione ECA è stato lanciato venerdì 30 luglio dalla Guyana francese, riuscendo, nel suo primo volo in quasi un anno, a dispiegare una coppia di satelliti di comunicazione geostazionari per operatori commerciali di Brasile e Francia. Il lancio, VA-254, è stato un test chiave del razzo Ariane 5 prima di del cruciale volo, che si dovrebbe tenere entro la fine dell'anno, con l'invio del James Webb Space Telescope verso il suo posto di osservazione a quasi 1,6 milioni di km dalla Terra. L'Agenzia Spaziale Europea fornisce infatti il vettore di lancio per JWST, un programma congiunto tra NASA, ESA e Agenzia Spaziale Canadese (CSA) con un costo di oltre 10 miliardi di dollari. Gli ingegneri hanno introdotto modifiche alla carenatura del carico utile di Ariane 5, o ogiva, che protegge i carichi utili durante i primi minuti di volo attraverso l'atmosfera, per ridurre le vibrazioni impartite ai satelliti durante la fase di separazione della stessa. Le squadre di terra analizzeranno ora i dati del razzo per assicurarsi che le modifiche abbiano ridotto le vibrazioni. Un altro lancio di Ariane 5 è previsto per la fine di settembre, quindi JWST sarà il prossimo nell'ordine per un decollo a novembre o dicembre. L'Ariane 5 è uno dei razzi più potenti al mondo. La missione di venerdì ha segnato il 110esimo volo di un razzo Ariane 5 dal 1996, ma è stato il primo lancio di Ariane 5 dallo scorso agosto, un intervallo insolitamente lungo tra le missioni per consentire agli ingegneri di risolvere il problema delle vibrazioni della carenatura prima del lancio di JWST.

ariane5 va254 launch 30072021

Nella foto decollo del razzo Ariane 5 per la missione VA-254. Crediti: ESA/CNES/Arianespace – Photo Optique Video du CSG – P. Piron

 I tecnici di una struttura Northrop Grumman nel sud della California stanno preparando l'osservatorio, il più grande telescopio spaziale che abbia mai volato, per la spedizione via nave diretta al Guiana Space Center. Ma prima, il team di Ariane 5 ha dovuto lanciare con successo due satelliti per comunicazioni commerciali venerdì. Thomas Zurbuchen, capo della direzione della missione scientifica della NASA, ha partecipato al lancio di venerdì nella Guyana francese. L'amministratore della NASA, Bill Nelson, ha dichiarato in un'intervista giovedì che l'agenzia ha inviato Zurbuchen al Guiana Space Center per verificare i preparativi per il lancio del JWST. "Abbiamo inviato il dottor Thomas Zurbuchen nella Guyana francese perché sembra che l'unico intoppo che potremmo avere con il James Webb sarebbe se questi due Ariane, che voleranno prima del JWST, riscontrassero problemi," ha detto Nelson. "E volevamo che il dottor Z. andasse laggiù e controllasse tutto, così ci riferirà su ciò che vede." Il razzo Ariane 5, alto quasi 55 metri, è decollato dalla rampa ELA-3 dello Spazioporto europeo in Sud America alle 18:00 ora della Guyana francese (le 23 italiane) con a bordo i satelliti Star One D2 di Embratel e il satellite Eutelsat Quantum. Il motore principale Vulcain 2, alimentato a idrogeno ed ossigeno liquidi, ed i due propulsori a razzo solido hanno spinto il lanciatore fuori dalla piattaforma. Il computer di guida dell'Ariane 5 ha messo il razzo su una traiettoria verso est. Dopo circa due minuti e mezzo di volo il razzo ha rilasciato i due booster esterni esauriti proseguendo la missione. Circa un minuto dopo, i controllori di terra hanno confermato la separazione delle ogive protettive del carico utile di Ariane 5. Il motore dello stadio principale ha funzionato per quasi nove minuti, poi è caduto nell'Oceano Atlantico vicino all'Africa.

ariane5 va254 trial 30072021

Nella foto la scia del lancio del razzo Ariane 5 per la missione VA-254 ripresa dai una spiaggia di Kourou. Crediti: ESA/CNES/Arianespace – Photo Optique Video du CSG – S. Martin

 Lo stadio superiore criogenico si è acceso per completare il lavoro di immissione in orbita dei satelliti Star One D2 e Eutelsat Quantum. Arianespace, la società francese di servizi di lancio, ha confermato una buona inserzione orbitale e separazione di entrambi i satelliti a meno di 40 minuti dal decollo. Star One D2 è un satellite per comunicazioni multiuso che copre l'America Latina per Embratel del Brasile. Costruito da Maxar a Palo Alto, in California, il veicolo spaziale viaggiava nella posizione superiore dello stack doppio, all'interno dell'ogiva protettiva del carico utile dell'Ariane 5. Completamente rifornito, il satellite pesava 6.190 chilogrammi al momento del lancio, secondo Arianespace. Il veicolo spaziale trasporta transponder che operano nelle frequenze in banda Ku, Ka, C e X, consentendogli di svolgere più missioni dalla sua posizione in orbita geostazionaria a quasi 36.000 chilometri sopra l'equatore. Embratel afferma che il nuovo satellite, progettato per una durata di 15 anni, consentirà di espandere la copertura della banda larga in nuove regioni dell'America centrale e meridionale, supportare la programmazione di trasmissioni televisive e fornire capacità di riserva per i telefoni cellulari. Il carico utile in banda X del satellite sarà utilizzato dall'esercito brasiliano. Maxar ha dichiarato, dopo il lancio di venerdì, che il satellite Star One D2 si stava comportando come previsto dopo la separazione dal razzo Ariane 5. Il veicolo ha dispiegato i suoi pannelli solari e ha iniziato a comunicare con il controllo della missione attraverso le stazioni di terra. Star One D2 effettuerà diverse accensioni dei propri propulsori nel corso delle prossime settimane per uscire dall'orbita di trasferimento allungata in cui è stato posizionato dal razzo Ariane 5. Il satellite punterà su un'orbita geostazionaria circolare, dove la sua velocità corrisponderà alla velocità di rotazione della Terra, ed entrerà in servizio a 70 gradi di latitudine ovest.

ariane5 va254 staroned2 30072021

Nella foto il satellite Star One D2, con le antenne dispiegate, durante i test a terra. Crediti: Maxar

 "Maxar è orgogliosa della nostra partnership sui satelliti geostazionari con Embratel nel corso degli anni," ha affermato Chris Johnson, vicepresidente senior della consegna dei programmi spaziali di Maxar. “I membri del nostro team hanno completato la costruzione di Star One D2 durante la pandemia globale, che ha aggiunto condizioni di lavoro nuove e insolite per proteggere tutti. Ma i nostri hanno perseverato e consegnato il satellite, e ora siamo concentrati sulle sue attività di commissioning in orbita”.

 L'altro satellite, a bordo della missione di oggi, Eutelsat Quantum, costruito da Airbus in Francia, è arrivato in orbita nella posizione inferiore all'interno della copertura del carico utile di Ariane 5. Sviluppato in una partnership pubblico-privata tra ESA, Airbus ed Eutelsat, il veicolo spaziale farà il suo debutto con un nuovo design basato su software che consentirà di riprogrammare completamente il satellite in orbita. L'innovazione è la prima per un satellite europeo e darà a Eutelsat la flessibilità di riutilizzare il veicolo spaziale Quantum per rispondere alle mutevoli esigenze del mercato durante i suoi 15 anni di vita del progetto. Come Star One D2, anche Eutelsat Quantum, dal peso di 3.461 chilogrammi, è entrato in un'orbita geostazionaria dopo la separazione dallo stadio superiore del razzo Ariane 5.

ariane5 va254 eutelsatquantum 30072021

Nella foto il satellite Eutelsat Quantum mentre viene installato sul lanciatore. Crediti: Arianespace

 La sua posizione di servizio sarà a 48 gradi di longitudine est. Il satellite opererà in banda Ku con otto fasci riconfigurabili indipendenti, consentendo a Eutelsat di regolare la potenza e le zone di copertura del veicolo spaziale per soddisfare i requisiti aziendali in continua evoluzione. "Le sue emissioni possono essere reindirizzate spostandosi in tempo quasi reale per fornire informazioni ai passeggeri a bordo di navi o aerei in movimento," ha affermato l'ESA in un comunicato stampa. “I segnali possono anche essere facilmente regolati per fornire più dati quando la domanda aumenta. Il satellite è in grado di rilevare e caratterizzare qualsiasi emissione anomala, consentendogli di rispondere in modo dinamico a interferenze accidentali o inceppamenti intenzionali". Pascal Homsy, direttore tecnico di Eutelsat, ha affermato che i team di terra hanno stabilito il contatto con Eutelsat Quantum dopo il lancio venerdì sera. "Eutelsat Quantum è davvero un punto di svolta," ha detto Homsy dopo il lancio. “È un satellite di una nuova epoca, un satellite flessibile che potrà essere controllato in orbita da terra tramite software. Questo è un grande vantaggio per i nostri clienti, quindi copertura e potenza, spettro e capacità saranno riconfigurabili in qualsiasi momento.' Eutelsat Quantum è un progetto di punta del Regno Unito dato che la maggior parte del satellite è sviluppato e prodotto dall'industria britannica. Airbus è il primo appaltatore ed è stato responsabile della costruzione dell'innovativo payload del satellite, mentre Surrey Satellite Technology Ltd ha prodotto la nuova piattaforma. L'innovativa antenna phase array è stata sviluppata da Airbus in Spagna. I progetti di partenariato ESA sviluppano sistemi end-to-end sostenibili, fino alla convalida in orbita. Il lancio VA-254 è stato anche il 71esimo lancio orbitale del 2021, il 69esimo di successo.