Scritto: Domenica, 20 Giugno 2021 02:00 Ultima modifica: Domenica, 20 Giugno 2021 05:22

Ancora un trio di Yaogan-30 in orbita


La Cina prosegue l'invio in orbita di un nuovo terzetto di satelliti serie Yaogan. Questa volta, a bordo del razzo Lunga Marcia-2C anche il satellite Tianqi-14, dell'omonima costellazione.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto, il lancio del Lunga Marcia-2C con il trio di satelliti Yaogan 30-9. Nella foto, il lancio del Lunga Marcia-2C con il trio di satelliti Yaogan 30-9. Credit: Guo Wenbin/Xinhua

 La Cina ha lanciato con successo alle 14:30 locali (le 8:30 italiane) del 18 giugno, dalla rampa LC-3 del Centro di Lancio Satellitare di Xichang, un razzo Chang Zheng-2C (noto anche come Lunga Marcia-2C). A bordo tre nuovi satelliti Yaogan-30 Gruppo 9. Il decollo è avvenuto dopo un ritardo di 24 ore a causa del maltempo. Il lancio di Yaogan-30 Gruppo 9 arriva meno di un giorno dopo il lancio di Shenzhou-12 dal Centro Lancio Satelliti Jiuquan, che ha portato i taikonauti cinesi Nie Haisheng, Liu Boming e Tang Hongbo in orbita per un rendez-vous con il modulo principale Tianhe della stazione spaziale cinese. Il Centro di lancio satellitare di Xichang si trova nella provincia di Sichuan ed è uno dei quattro siti di lancio terrestre in Cina, che includono anche Wenchang, Taiyuan e Jiuquan. La Cina ha anche utilizzato una chiatta convertita per lanciare due CZ-11 dal Mar Giallo. Dopo il decollo dalla rampa LC-3, il razzo CZ-2C ha viaggiato verso sud-est nel sud della Cina. Mentre il veicolo saliva verso il cielo, il razzo ha sorvolato le comunità delle province di Sichuan, Yunnan settentrionale, Guizhou, Guangxi settentrionale, Hunan meridionale e Guangdong. A differenza dei lanci del Centro di lancio satellitare di Wenchang, che sorvolano innocui il mare dall'isola di Hainan, i voli da Xichang sorvolano il territorio cinese, facendo cadere gli stadi esausti nelle aree interne, creando spesso problemi di sicurezza per le popolazioni. Dopo aver sorvolato la costa della Cina sudorientale, il CZ-2C è passato appena a sud della punta meridionale di Taiwan. Questa traiettoria di lancio era simile a quella di altri due lanci CZ-2C, entrambi appartenenti ai lanci Yaogan-30 del Gruppo 3, eseguito il 25 dicembre 2017, e del Gruppo 4, il 25 gennaio 2018. Questo gruppo di Yaogan-30 è stato il nono terzetto di tali satelliti ad essere lanciato. La precedente missione Yaogan è avvenuta lo scorso 7 maggio. I satelliti sono stati rilasciati su un'orbita di quasi 600 chilometri di quota ed inclinazione 35°. La costellazione di Yaogan è presentata dai media cinesi a scopi scientifici; tuttavia, la maggior parte delle altre nazioni afferma che i satelliti sono piattaforme di intelligence militare che hanno somiglianze con il Naval Ocean Surveillance System, o NOSS, utilizzato dalla Marina degli Stati Uniti. Questa volta, oltre ai tre Yaogan, a bordo era presente un ulteriore carico utile: Tianqi-14 per Beijing Guodian Gaoke Technogloy Co, Ltd. Il prossimo lancio dei satelliti Yaogan, Gruppo 10, è previsto non prima di luglio. Il lancio avverrà anche questo da Xichang, sempre su un CZ-2C.

cina cz2c stage landing archive

Nella foto, tratta da uno dei lanci CZ precedenti, uno degli stadi ricaduto su una strada, pericolosamente vicino alla popolazione. Credit: ChinaNews

 Il Chang Zheng-2C è una variante della famiglia di veicoli di lancio CZ-2 che include anche il CZ-2F che attualmente lancia le missioni spaziali abitate della Cina. La famiglia di razzi Chang Zheng è conosciuta come Chang Zheng in Cina e Long March (Lunga Marcia) a livello internazionale. La famiglia prende il nome dal viaggio compiuto dall'Armata Rossa cinese, tra l'ottobre 1934 e l'ottobre 1935, per sfuggire alle forze nazionaliste durante la guerra civile cinese, un evento che divenne noto come la Lunga Marcia. La famiglia di razzi CZ-2 è basata sul missile balistico intercontinentale Dongfeng-5. L'ICBM Dongfeng-5 fece il suo primo lancio il 10 settembre 1971, ma il lancio ebbe successo solo parziale. Il debutto del CZ-2 avvenne il 5 novembre 1974 con una variante CZ-2A dalla rampa LC-2 presso il Centro Lancio Satelliti Jiuquan della Cina. La successiva variante, la CZ-2C, fu lanciata per la prima volta il 9 settembre 1982 sempre da Jiuquan. Il CZ-2C ha due stadi, con un terzo stadio opzionale. Il primo stadio è costituito da quattro motori YF-20. L'YF-20 funziona con tetrossido di azoto (N2O4) e dimetilidrazina asimmetrica (UDMH), che sono propellenti ipergolici altamente tossici che bruciano al contatto. Questo stadio è, a seconda della traiettoria di un volo, a volte lasciato cadere vicino a villaggi e strade popolate, creando potenziali situazioni mortali per i cittadini cinesi che vivono a valle del sito di lancio di Xichang. Il secondo stadio del CZ-2C ha un YF-24E, che consiste in un singolo motore YF-22E abbinato a quattro motori venieri YF-23C. Come l'YF-20, l'YF-24E funziona con propellenti ipergolici UDMH e N2O4. Il terzo stadio opzionale consiste in un singolo motore a razzo solido che brucia polibutadiene con terminazione idrossile. Non tutti i veicoli di lancio cinesi utilizzano combustibili ipergolici; le famiglie di razzi CZ-5 e CZ-7 utilizzano i più puliti idrogeno liquido e ossigeno liquido.

cina cz2c yaogan30 9 pad 18062021

Nella foto il CZ-2C seriale Y48, utilizzato per il lancio del 18 giugno, sulla rampa di lancio LC-3 di Xichang. Credit: @CosmicPenguin

 Oltre a lanciare carichi utili della Cina, il CZ-2C ha lanciato, in passato, satelliti per la costellazione Iridium Tra il 1997 e il 2002, Iridium ha lanciato in orbita la sua costellazione di prima generazione. Sono stati utilizzati numerosi veicoli di lancio, tra cui Delta II, Rokot, Proton-K e CZ-2C. Il primo lancio di CZ-2C per Iridium è avvenuto il 1 settembre 1997 dal Centro Lancio Satelliti Taiyuan, e trasportava due satelliti, denominati Iridium-MFS 1 e Iridium-MFS 2. Questi satelliti erano simulatori di massa per futuri lanci di Iridium sul CZ- 2C. Questo lancio venne seguito da un'altra missione CZ-2C da Taiyuan l'8 dicembre 1997, lanciando Iridium 42 e Iridium 44. In totale, il CZ-2C è stato lanciato sei volte e ha dispiegato un totale di 12 veicoli spaziali Iridium per la costellazione.

 Con la missione Yaogan 30 Gruppo 9, CZ-2C ha completato almeno 56 voli (c'è una potenziale discrepanza nel numero totale di missioni del razzo a causa del segreto di stato cinese che circonda sei voli che potrebbero essere stati effettuati dal veicolo), con un solo insuccesso. Dei sei voli che potrebbe essere accreditati al razzo, si ritiene che cinque abbiano avuto successo ed uno sia fallito, il che potrebbe portare le prestazioni totali del razzo a 62 missioni con due fallimenti. Questo lancio è stato il 375esimo lancio di un razzo della famiglia Lunga Marcia, il 57esimo orbitale del 2021, il 55esimo di successo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 100 volta/e Ultima modifica Domenica, 20 Giugno 2021 05:22

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista