Scritto: Domenica, 13 Giugno 2021 06:38 Ultima modifica: Domenica, 13 Giugno 2021 08:16

Un semplice passaggio nel sistema di Urano potrebbe scoprire gli oceani sotterranei delle sue lune


I mondi con oceani sotterranei potrebbero essere molto diffusi in tutto il Sistema Solare. Ora, un team guidato dal Dr. Corey Cochrane del Jet Propulsion Laboratory della NASA ha svolto alcuni lavori preliminari per dimostrare che un sorvolo relativamente semplice del sistema Uraniano, con un magnetometro mediamente sensibile, potrebbe fornire i dati necessari per determinare se le lune più grandi ospitano mari sommersi.

Rate this item
(1 Vote)
Un semplice passaggio nel sistema di Urano potrebbe scoprire gli oceani sotterranei delle sue lune Crediti: Public Domain, wikimedia.org

Encelado, Europa, Titano potrebbero essere solo la punta dell'iceberg dei mondi con oceani sotterranei nel nostro quartiere spaziale perché, nonostante la distanza dal Sole, anche le lune di Urano, Miranda, Ariel e Umbriel, potrebbero potenzialmente avere acqua sotto la superficie ghiacciata. Inoltre, Urano è unico nel Sistema Solare. Ruota attorno ad un asse quasi parallelo al piano dell'ecclittica esponendo al Sole i poli anziché l'equatore ed il suo campo magnetico non è simmetrico ma inclinato di 59° rispetto all'asse di rotazione del pianeta. E il centro del campo è spostato rispetto al centro del pianeta stesso. Quando le lune lo attraversano percorrendo le loro orbite, sono soggette a campi magnetici variabili. I dati di risposta potrebbero indicare agli scienziati la presenza di oceani sotterranei, consentendo di determinare addirittura la profondità, lo spessore e la salinità. Ma semplicemente, finora, nessuno strumento è stato in grado di rilevarli.

Alcune lune hanno già caratteristiche che indicano possibili mari sommersi. Miranda ha le "coronae", creste a forma poligonale che sembrano generate da un qualche tipo di attività geologica. Inoltre, mentre alcuni modelli mostrano che qualsiasi oceano esistente su Miranda si sarebbe congelato molto tempo fa, ci sono indizi sulla presenza di clatrati volatili, un tipo di sostanza chimica che rende più difficile la formazione del ghiaccio, ritardando il processo di congelamento.

 

Una missione per Urano

Indipendentemente dal fatto che ci siano o meno degli oceani sotto la superficie di una qualsiasi delle lune di Urano, il sistema merita comunque una nuova occhiata, visitato finora solo dalla sonda Voyager 2 che aveva effettuato un fly-by attorno al pianeta il 24 gennaio 1986, ad una distanza di circa 81500 chilometri. Ora, l'unica finestra utile per pianificare una missione nei prossimi 25 anni, si aprirà alla fine di questa decade. L'eventuale sonda impiegherebbe poi un'altra decina di anni per arrivare a destinazione.

Il Dr. Cochrane ed il suo team hanno ridotto in modo significativo il lavoro di pre-analisi con questo nuovo documento.
Così come la missione Galileo su Giove aveva scoperto le firme magnetiche associate agli oceani nascosti sotto la superficie sulle lune Europa e Callisto usando il fenomeno dell'induzione magnetica, gli scienziati ritengono che i giganti di ghiaccio siano dei laboratori ideali per questo tipo di studi. "Questi campi magnetici indotti provengono da strati elettricamente conduttivi all'interno delle lune e sono guidati dal forte campo magnetico variabile nel tempo su Giove", scrivono gli autori. Ma "sia Urano che Nettuno hanno un asse magnetico fortemente inclinato rispetto al loro asse di rotazione, creando un ambiente di campo magnetico dinamico e fortemente variabile alle orbite delle loro lune principali". Tuttavia "sebbene Voyager 2 abbia visitato i giganti di ghiaccio negli anni '80, non è passata abbastanza vicino a nessuna delle lune per rilevare le firme di induzione magnetica". La ricerca ha perciò valutato l'induzione magnetica come tecnica per studiare gli oceani sotto la superficie delle principali lune di Urano stabilendo anche la capacità di distiguere diverse risposte legate allo spessore dell'oceano, alla conduttività e alla profondità, nonché l'identificazione di qualsiasi disturbo riconducibile alla conduttanza ionosferica. Lo studio dimostra come tutto questo possa essere realizzato con un singolo passaggio.

Ad ogni modo, anche con un rapporto aggiornato come questo ed la convenienza costi-efficacia che ci sarebbe con una singola missione di tipo fly-by, al momento le Agenzie non sembrano interessate ad inviare una missione nel sistema di Urano e, pertanto, non esistono piani concreti per la prossima finestra di lancio.

%MCEPASTEBIN%

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 226 volta/e Ultima modifica Domenica, 13 Giugno 2021 08:16

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 agosto [updated on 08/03...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 2/8 - Sol 948] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 luglio [Last update:&nbs...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista