Scritto: Giovedì, 10 Giugno 2021 12:30 Ultima modifica: Giovedì, 10 Giugno 2021 13:05

Ecco perché i viaggi spaziali indeboliscono il sistema immunitario


Nell'ultimo studio condotto da Millie Hughes-Fulford, una delle prime donne astronaute, i ricercatori della UCSF e della Stanford University hanno dimostrato che l'indebolimento del sistema immunitario di un astronauta durante i viaggi spaziali, è probabilmente dovuto in parte all'attivazione di cellule T regolatorie (Treg).

Rate this item
(1 Vote)
Ecco perché i viaggi spaziali indeboliscono il sistema immunitario Getty Images

Queste cellule svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario, impedendo il verificarsi di reazioni immunitarie eccessive.  Nelle malattie autoimmuni, la carenza di cellule T regolatorie può consentire al sistema immunitario di attaccare i tessuti del corpo stesso, mentre nel cancro un eccesso di attività da parte di queste cellule impedisce al sistema immunitario di distruggere le cellule tumorali.

 

La microgravità e la salute umana

La microgravità nello spazio perturba la fisiologia umana ed è dannosa per la salute degli astronauti, un fatto noto fin dalle prime missioni Apollo quando gli astronauti hanno sperimentato disturbi dell'orecchio interno, aritmia cardiaca, bassa pressione sanguigna, disidratazione e perdita di calcio nelle ossa. Un dettaglio sorprendente riscontrato fin dagli arbori del volo spaziale umano è che più della metà degli astronauti si è ammalata di raffreddore o altre infezioni entro una settimana dal ritorno sulla Terra. Alcuni astronauti hanno persino sperimentato la riattivazione di virus dormienti, come quello della varicella. Questi risultati hanno stimolato studi sugli effetti della gravità debole, o "microgravità", sul sistema immunitario, che gli scienziati hanno esplorato in decenni di lanci con equipaggio, viaggi di navette e soggiorni in stazioni spaziali, o talvolta simulando le condizioni spaziali nei laboratori terrestri.

Le Treg normalmente vengono attivate per ridurre le risposte immunitarie quando l'infezione non è più minacciata. Ma in condizioni di microgravità il loro comportamento cambia.

 

Treg in microgravità

Quando i ricercatori hanno stimolato una risposta immunitaria nelle cellule umane da campioni di sangue in microgravità, con una sostanza chimica utilizzata per imitare un agente patogeno, hanno scoperto che le Treg hanno contribuito a sopprimere la risposta immunitaria che era stata attivata. La scoperta inaspettata è stata pubblicata sulla rivista Nature Scientific Reports.

Hughes-Fulford è diventata la prima donna payload specialist ad orbitare intorno alla Terra con i suoi esperimenti nel 1991 e per decenni, fino alla morte per leucemia a febbraio di quest'anno, ha studiato gli effetti della microgravità sulla salute, prima con focus sull'osteoporosi e poi concentrandosi sul sistema immunitario. Grazie alla sua grande esperienza, ha fatto da mentore agli aspiranti scienziati spaziali, compresi i principali ricercatori di questo ultimo studio.

Il nuovo documento ha portato avanti la sua ricerca, confermando alcune delle scoperte precedenti. Ad esempio, Hughes-Fulford aveva già identificato risposte più deboli dai linfociti T del sistema immunitario, alcuni dei quali attaccano direttamente agenti patogeni specifici mentre altri aiutano a orchestrare la risposta immunitaria.

"È un doppio smacco", ha detto il Brice Gaudilliere, Ph.D. e professore associato presso il Dipartimento di Anestesia della Stanford University School of Medicine. "C'è uno smorzamento delle risposte di attivazione immunitaria dei linfociti T, ma anche un'esacerbazione delle risposte immunosoppressive da Treg". I ricercatori hanno anche scoperto che i linfociti "Natural Killer" erano meno attivi in condizioni di microgravità simulata, mentre le cellule B che producono anticorpi sembravano non essere interessate.

Jordan Spatz, scienziato spaziale e studente di medicina dell'UCSF, tra gli autori del documento, ha osservato: "All'inizio del programma spaziale, la maggior parte degli astronauti erano giovani ed estremamente sani, ma ora tendono ad avere molto più addestramento e sono più anziani. Inoltre, a parte gli astronauti, con i voli spaziali commerciali ci saranno molti individui più anziani e meno sani che sperimenteranno la microgravità. Da una prospettiva medica spaziale, vediamo che la microgravità fa molte cose brutte al corpo umano e speriamo di poterne mitigare alcuni degli effetti durante i viaggi nello spazio"

%MCEPASTEBIN%

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 71 volta/e Ultima modifica Giovedì, 10 Giugno 2021 13:05

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Giugno [updated on 06/1...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 15 Giugno [Last update:&nbs...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/6 - Sol 905] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 giugno [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista