Scritto: Mercoledì, 02 Giugno 2021 17:23 Ultima modifica: Giovedì, 03 Giugno 2021 07:30

Sulla ISS passeggiata russa e foro sul Canadarm


Si è svolta un'attività extra-veicolare dei cosmonauti russi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Fra i vari compiti i preparativi all'arrivo del tanto atteso modulo laboratorio russo Nauka. Intanto scoperto un foro sul Canadarm2.

Rate this item
(2 votes)
Nell'immagine il cosmonauta Oleg Novickij, al lavoro sul braccio Strela, ripreso dalla telecamera sul casco del collega Pëtr Dubrov, durante EVK-48.
Nell'immagine il cosmonauta Oleg Novickij, al lavoro sul braccio Strela, ripreso dalla telecamera sul casco del collega Pëtr Dubrov, durante EVK-48.
Credit: Roscosmos/NASA.

 Fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), i cosmonauti russi Oleg Novickij e Pëtr Dubrov hanno completato un'attività extra-veicolare della durata di oltre 7 ore, per finalizzare i preparativi esterni alla rimozione del compartimento di attracco Pirs che ha servito la ISS per quasi 20 anni. Consegnato nel 2001, il Pirs sarà rimosso dalla ISS non prima del 17 luglio 2021 per fare spazio, sul segmento russo dell'avamposto, al nuovo modulo scientifico Nauka ('Scienza' in russo). Ufficialmente iniziata alle 8:53 ora di Mosca (le 7:53 italiane), la passeggiata spaziale del 2 giugno conosciuta come EVK-48, ha visto i due cosmonauti russi facenti parte di Spedizione 65, lasciare il modulo Poisk — noto anche come Mini-Research Module 2 (MRM2) — per iniziare una serie di compiti. Tuttavia l'obiettivo principale della passeggiata spaziale era il completamento delle attività di disattivazione relative al compartimento di attracco Pirs, lavoro che è stato completato con successo nel corso di diverse orbite attorno alla Terra. Per entrambi gli astronauti si è trattato della prima esperienza di lavoro al di fuori della ISS. La passeggiata spaziale russa è stata eseguita, rispettivamente, nelle tute spaziali Orlan-MKS (modernizzate e computerizzate) n. 4 e 5. Oleg Novitsky aveva quella bianca con strisce rosse mentre Pyotr Dubrov indossava quella bianca con strisce blu. Dopo aver lasciato la camera di equilibrio del modulo Poisk della Stazione, Novickij e Dubrov hanno lavorato abilmente su una serie di piccoli problemi che non sono del tutto insoliti nelle passeggiate spaziali, come i bulloni che non si comportano come previsto. Per prima cosa, i due cosmonauti hanno preso con sé un contenitore pressurizzato dalla camera di equilibrio e l'hanno installato temporaneamente sul modulo Zayra. Da lì, sono stati in grado di rimuovere un flusso di carburante regolare su Zayra e sigillarlo all'interno del contenitore pressurizzato, che è stato successivamente sbullonato nell'EVA e rilasciato per il decadimento naturale e la successiva distruzione nell'atmosfera terrestre.

iss exp65 eva48 oleg

Nell'immagine il cosmonauta Novickij, al lavoro all'esterno della stazione spaziale durante l'EVK48. Credit: Roscosmos/NASA.

 Questo tipo di operazione “usa e getta” per le passeggiate spaziali/riparazioni della ISS è in qualche modo comune, sia sul segmento russo che quello americano-europeo-canadese-giapponese, per elementi che sono troppo grandi o troppo pericolosi per essere riportati all'interno della stazione o che non possono essere portati via sui veicoli cargo in visita. Novickij e Dubrov hanno quindi spostato la gru Strela da Pirs e l'hanno fissata saldamente a Poisk, lavorando anche per scollegare il cablaggio che ha consentito il funzionamento del sistema di aggancio automatizzato KURS del modulo. Con il veicolo cargo Progress MS-16 già agganciato a Pirs in preparazione per la rimozione del modulo, il sistema di attracco automatizzato non era più necessario. I cavi sono stati accuratamente scollegati dal Pirs e temporaneamente ricollegati al modulo Zvezda, dove i controllori del Controllo Missione di Mosca hanno potuto testarli e confermare che erano ancora funzionanti. Dopo l'arrivo del modulo Nauka, previsto entro la fine dell'anno, un'altra passeggiata nello spazio ricollegherà i cavi al sistema di rendez-vous di Nauka per attivare il suo boccaporto di attracco. Il lavoro dei due cosmonauti è poi continuato con la rimozione di un appoggio tra la scala per le passeggiate spaziali fra Pirs e Zvezda. Una volta che tale compito è stato completato, Pirs è stato considerato "dismesso" – si tratta del primo modulo della ISS a raggiungere questo stato. A questo punto i controllori della missione hanno quindi valutato la cronologia dell'EVA e hanno concluso che l'attività finale sarebbe potuta andare avanti come previsto e che sia Novickij che Dubrov hanno confermato che si sentivano bene per proseguire. Questa attività finale ha visto i cosmonauti installare due pacchetti di esperimenti fuori Poisk, incluso 'Test' per studiare la microflora e 'Endurance' per monitorare una varietà di materiali e gli effetti su di essi dell'ambiente dell'orbita bassa terrestre. Con quegli esperimenti installati, Novickij e Dubrov hanno raccolto i loro strumenti e sono rientrati nel modulo Poisk.

iss exp65 eva48 poisk

Nell'immagine il cosmonauta Novickij, al lavoro all'esterno del modulo Poisk della stazione spaziale durante l'EVK48. Credit: Roscosmos/NASA.

 Con la chiusura del portello, i due hanno completato la sesta ISS EVA dell'anno presso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e la 238esima passeggiata spaziale complessiva a sostegno dell'avamposto. Le EVA russe sono cronometrate dal momento dell'apertura a quello della chiusura del portello; in quanto tale, il portello di Poisk è stato chiuso alle 16:12 ora di Mosca (le 15:12 italiane), concludendo l'impresa in un tempo di 7 ore e 19 minuti. Se tutto andrà secondo i piani, il modulo che prenderà il posto di Pirs sulla stazione verrà lanciato non prima del 15 luglio per mezzo di un razzo Proton dal Cosmodromo di Baikonur in Kazakistan. Una volta che Nauka sarà al sicuro in orbita e saranno stati eseguiti i controlli iniziali e confermato lo stato di salute del modulo, i controllori di missione russi utilizzeranno il cargo Progress MS-16 per rimuovere Pirs dalla Stazione. La rimozione del modulo sarà in qualche modo uno specchio del suo arrivo. Lanciato con una sezione di propulsione Progress modificata, Pirs ha attraccato autonomamente al nadir del modulo di servizio Zvezda, quello rivolto verso la Terra, prima che l'unità di propulsione Progress modificata si staccasse dal Pirs e volasse via. Ora, l'intero velivolo Progress MS-16, che è stato lanciato il 15 febbraio 2021 e ha consegnato migliaia di chilogrammi di rifornimenti alla Stazione, sarà utilizzato per rimuovere Pirs. Invece di comandare ai ganci che collegano Progress a Pirs di ritrarsi, verrà comandato di ritrarsi ai ganci di attracco che hanno tenuto Pirs a Zvezda per 20 anni, e Progress tirerà via Pirs dalla Stazione mentre se ne allontanerà. In questo modo, Progress MS-16 non si staccherà dalla Stazione, ma piuttosto Pirs si staccherà - con Progress MS-16 quindi manovrando la coppia ancora agganciata lontano dalla ISS prima di deorbitare in sicurezza il modulo per un fine vita distruttivo nell'atmosfera terrestre. Pochi giorni dopo, Nauka si avvicinerà alla ISS, si riunirà e attraccherà al boccaporto ora vacante su Zvezda. Nel frattempo, prima della partenza di Pirs e dell'arrivo di Nauka si svolgeranno, alla fine di questo mese, la settima e l'ottava EVA dell'anno quando l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea Thomas Pesquet e l'astronauta della NASA Shane Kimbrough, condurranno due passeggiate spaziali dalla camera di equilibrio di Quest, per installare i primi due IROSA, i nuovi pannelli solari srotolabili della ISS.

iss exp65 evk48 preparation

Nella foto, da sinistra, il cosmonauta Pëtr Dubrov ed il collega Oleg Novickij, mentre preparano le tute spaziali per la EVK-48. Credit: NASA.

 I nuovi pannelli aumenteranno la capacità di generazione di energia della stazione, che è andata naturalmente in decadimento da quando il set originale delle otto coppie di array solari è stato consegnato, tra dicembre 2000 e marzo 2009, nel corso di quattro missioni dello Space Shuttle: STS-97/Endeavour, STS-115/Atlantis, STS-117/Atlantis e STS-119/Discovery. In tutto, i sei nuovi array realizzati da Boeing, i cui primi due set dovrebbero essere lanciati non prima di giovedì 3 giugno con la missione Cargo Dragon CRS-22 di SpaceX, riporteranno l'ISS alla capacità di quasi piena potenza e prepareranno il palcoscenico per un grande sforzo di espansione scientifica e fisica sul segmento statunitense della stazione, che comprende anche Giappone, Europa e Canada. Gli sforzi su entrambi i lati della ISS segnano gli sforzi di costruzione più intensi sull'avamposto da quando l'assemblaggio iniziale della stazione, da parte degli Stati Uniti, è stato completato dall'equipaggio STS-134/Endeavour esattamente 10 anni fa, nel giugno 2011, con la consegna dell'Orbiter Boom Sensor di Endeavour System (OBSS) sulla venticinquesima e ultima missione di quell'Orbiter.

 Intanto, nei giorni scorsi era stata fatta una preoccupante scoperta. Un detrito spaziale ha colpito il sistema robotico remoto canadese a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), lasciando un piccolo foro al suo interno. L'incidente non avrebbe però influito sul funzionamento del dispositivo, lo ha dichiarato venerdì scorso l'Agenzia spaziale canadese (CSA). "Mentre vengono prese le massime precauzioni per ridurre i pericoli di potenziali collisioni con la ISS, si verificano comunque impatti con oggetti minuscoli. Uno di questi danni è stato notato di recente durante un'ispezione di routine, effettuata il 12 maggio, al Canadarm2. Gli esperti dell'Agenzia Spaziale Canadese (CSA) e della NASA hanno lavorato assieme per scattare immagini dettagliate dell'area e valutare l'impatto, che si è verificato su uno dei segmenti del Canadarm2," ha affermato l'agenzia in una nota.

nouvelles 20210528 canadarm2 collage ssi og

Nelle foto il danno fatto da un detrito spaziale al braccio robotico canadese Canadarm2 sulla ISS. Credit: NASA/Canadian Space Agency.

 E' stato osservato che il dispositivo è rimasto pienamente operativo nonostante il foro, che ha danneggiato "una piccola sezione del braccio del braccio e della copertura termica". Il sistema robotico, lungo 17 metri, aiuta nella manutenzione della ISS, sposta vari oggetti, comprese attrezzature e rifornimenti, intorno alla stazione e supporta gli astronauti che lavorano fuori dalla ISS. L'equipaggio di Spedizione 65, attualmente alla stazione comprende, oltre ai cosmonauti russi Novickij e Dubrov, gli astronauti statunitensi Mark Vande Hei, Shane Kimbrough e Megan McArthur, il francese Thomas Pesquet, dell'ESA e il giapponese Akihiko Hoshide, che ha il ruolo di Comandante.

Letto: 522 volta/e Ultima modifica Giovedì, 03 Giugno 2021 07:30

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 3 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 2 febbraio. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB