Scritto: Martedì, 13 Aprile 2021 00:00 Ultima modifica: Martedì, 13 Aprile 2021 04:59

Nuovi astronauti degli Emirati Arabi, compresa la prima donna


Gli Emirati Arabi Uniti hanno raddoppiato le dimensioni del proprio corpo di astronauti il 10 aprile, con la selezione di due nuovi astronauti, inclusa la prima donna, che si addestreranno alla NASA a partire dalla fine di quest'anno.

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto gli astronauti degli Emirati Arabi Uniti, in primo piano i due più recenti. Nella foto gli astronauti degli Emirati Arabi Uniti, in primo piano i due più recenti. Credit: MBRSC

Il governo degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato di aver scelto Nora AlMatrooshi e Mohammad AlMulla, da un gruppo di 4.305 candidati, che si uniranno al piccolo corpo di astronauti del Paese. Infatti gli EAU hanno già Hazzaa AlMansoori e Sultan AlNeyadi, i primi astronauti degli Emirati selezionati nel 2018.

AlMatrooshi è la prima donna selezionata come astronauta degli Emirati. Ingegnere meccanico, ha lavorato per la National Petroleum Construction Company negli Emirati Arabi Uniti. AlMulla è invece un pilota e capo del dipartimento di formazione dell'Air Wing Center della polizia di Dubai. I due sono emersi da un processo di selezione iniziato dopo la chiusura del periodo di candidatura per il programma astronauti a maggio 2020. Tale sforzo, gestito dal Mohammed Bin Rashid Space Center (MBRSC), ha ristretto i 4.305 candidati iniziali a 122 candidati, che sono stati intervistati virtualmente. Quelle interviste hanno tagliato della metà il numero di candidati rimanenti, i quali, sottoposti a screening medici hanno portato a 30 finalisti. Un altro giro di interviste ha portato a 14 persone, scelte per essere intervistate dagli attuali astronauti degli Emirati Arabi Uniti AlMansoori e AlNeyadi, insieme agli astronauti della NASA Jessica Meir e Anne McClain. Da quel gruppo, quattro candidati sono stati sottoposti a “rigorosi test” di fitness, capacità di comunicazione e lavoro di squadra, da cui il centro ha selezionato infine AlMatrooshi e AlMulla. "Il team di MBRSC ha lavorato instancabilmente dopo aver ricevuto le domande per valutarle secondo criteri e standard specifici, e poi ha condotto valutazioni successive per garantire la selezione dei migliori candidati, fino a quando non siamo arrivati al punto di annunciare i nuovi astronauti," ha detto in una dichiarazione Salem AlMarri, capo del programma astronauta presso MBRSC. In un'intervista dello scorso anno, AlMarri aveva detto che si aspettava che uno dei nuovi astronauti sarebbe stata una donna, dato che circa un terzo dei richiedenti erano donne. "Selezioneremo i migliori e i più brillanti tra le persone che hanno fatto domanda," proseguendo. "Mi piacerebbe vedere uno o due di quei posti andare a una donna degli Emirati."

Finora, solo un astronauta degli Emirati è andato nello spazio: AlMansoori, che è volato sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nell'autunno del 2019 per un soggiorno di una settimana. L'astronauta volò a bordo della Sojuz MS-15, decollata il 25 settembre 2019, assieme al cosmonauta russo Oleg Skripochka ed all'astronauta NASA Jessica Meir. AlMansoori rimase sulla stazione per otto giorni e rientrò il 3 ottobre a bordo della Sojuz MS-12 assieme al cosmonauta russo Aleksey Ovchinin e l'astronauta NASA Nick Hague. Il governo degli Emirati Arabi Uniti non ha annunciato alcun piano ulteriore per far volare altri astronauti, né sulla ISS né in altre missioni.

UAE astronaut allmansoori sojuz

Nella foto AlMansoori, con la tuta di lancio russa Sokol, in posa prima della missione del 2019. Credit: NASA/MBRSC

I due nuovi astronauti, AlMatrooshi e AlMulla, si addestreranno alla NASA insieme a persone che la NASA selezionerà per la sua nuova classe di astronauti entro la fine dell'anno. La NASA e l'MBRSC hanno annunciato nel settembre 2020 un accordo, sotto forma di un accordo Space Act rimborsabile, per consentire ai due nuovi astronauti di addestrarsi come parte di quella nuova classe e consentire anche ai primi due astronauti degli Emirati Arabi Uniti, AlMansoori e AlNeyadi, di sottoporsi formazione separata presso il Johnson Space Center. La NASA ha affermato che i nuovi astronauti degli Emirati Arabi Uniti si addestreranno "allo stesso livello dei laureati della classe" degli astronauti della NASA e si uniranno all'ufficio degli astronauti della NASA. "L'addestramento tramite questo accordo preparerà gli astronauti degli Emirati Arabi Uniti per future missioni di stazione di lunga durata, ma tali missioni esulano dallo scopo di questo accordo," ha affermato la NASA nella dichiarazione che annuncia l'accordo. AlMarri ha affermato, lo scorso anno, che gli Emirati Arabi Uniti stavano valutando la possibilità di far volare i propri astronauti sia con missioni Soyuz che su veicoli commerciali equipaggio di Boeing e SpaceX, ma non stavano considerando di lavorare con la Cina. "Abbiamo in programma durante il prossimo anno di cercare di ottenere diverse opportunità per garantire un posto a uno dei nostri astronauti," aveva detto.

Insomma, gli Emirati Arabi Uniti fanno sul serio, dopo Marte con la loro sonda Hope ed il volo del primo astronauta nel 2019, si preparano per future missioni. Senza contare che il loro governo ha in programma, niente meno, che una città su Marte per il 2117 abitata da 600.000 persone!

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 94 volta/e Ultima modifica Martedì, 13 Aprile 2021 04:59

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista