Scritto: Sabato, 19 Dicembre 2020 05:43 Ultima modifica: Sabato, 19 Dicembre 2020 06:40

Solar Orbiter si prepara al fly-by attorno a Venere


La sonda ESA/NASA si prepara alla prima delle tante manovre a gravità assistita previste per avvicinarsi al Sole e studiare la nostra stella da diverse prospettive. Il primo fly-by avverrà il 27 dicembre attorno a Venere.

Rate this item
(0 votes)
Solar Orbiter si prepara al fly-by attorno a Venere Crediti: ESA/ATG medialab

Il massimo avvicinamento sarà alle 13:39 ora italiana, ad una distanza minima di 7.500 chilometri dalle cime delle nuvole del pianeta. I successivi fly-by, a partire dal 2025, saranno molto più ravvicinati, fino a poche centinaia di chilometri.

Durante il prossimo gravity assist saranno accesi diversi strumento scientifici in-situ, MAG, RPW e alcuni sensori EPD. Studieranno rispettivamente l'ambiente magnetico, il plasma e particellare intorno alla sonda mentre avviene l'incontro con Venere. "Purtroppo non sarà possibile scattare foto perché la navicella rimarrà rivolta verso il Sole", fa sapere il team nella press release.

Il percorso di Solar Orbiter attorno al Sole è stato scelto per essere "in risonanza" con Venere, il che significa che dopo una manciata di orbite tornerà nelle vicinanze del pianeta ed utilizzerà nuovamente la sua gravità per alterare o inclinare l'orbita. Il prossimo incontro avverrà nell'agosto 2021, a pochi giorni dall'assist gravitazionale di BepiColombo.
Inizialmente Solar Orbiter sarà sul piano dell'ecclittica ma ad ogni fly-by aumenterà la propria inclinazione orbitale. Entro il 2025 farà il suo primo passaggio solare con un'inclinazione di 17º, aumentando a 33º entro la fine del decennio, fino ad osservare le regioni polari.

La sonda era partita il 10 Febbraio 2020 da Cape Canaveral mentre le prime immagini del Sole erano state rilasciate a luglio.

 

Preparazione al fly-by

Per arrivare al fly-by preparati, gli specialisti delle stazioni terrestri dell'ESA e dei team di dinamica di volo hanno condotto una campagna "Delta-DOR" che, utilizzando una tecnica chiamata Delta-Differential One-Way Ranging, mira a determinare con precisione la posizione del veicolo spaziale nello spazio e la sua traiettoria. Dapprima le stazioni terrestri sparse nel mondo ricevono i segnali radio del veicolo spaziale, fornendo un primo risultato sulla sua posizione; quindi, questo risultato viene confrontato con le posizioni di sorgenti radio stellari note (quasar). Questo calcolo consente agli operatori di determinare la posizione di una sonda con un margine di errore di poche centinaia di metri, anche a una distanza di 100 milioni di chilometri dalla Terra.

Ultra precise navigation

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 162 volta/e Ultima modifica Sabato, 19 Dicembre 2020 06:40
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista