Scritto: Domenica, 27 Settembre 2020 11:50 Ultima modifica: Sabato, 03 Ottobre 2020 20:16

Parker ancora più vicina!


Stamane la sonda NASA stabilisce un nuovo record di distanza dal Sole, soltanto 13,46 milioni di km dalla fotosfera, sfrecciando a quasi mezzo milione di km orari! (aggiornamento)

Rate this item
(0 votes)
Parker ancora più vicina! Credits: NASA/Johns Hopkins APL/Steve Gribben

Aggiornamento (tardivo) del 3 Ottobre: dopo 6 giorni di silenzio radio e tre giorni dopo il massimo avvicinamento, lo scorso 30 settembre le antenne DSN hanno ricevuto il segnale "beacon" che indicava lo "status A" per la sonda, il migliore possibile. Oggi, grazie all'aumentata distanza angolare dal Sole, è iniziato il download dei dati raccolti durante il sesto perielio.

 Secondo il sistema di effemeridi JPL/Horizons, il perielio è avvenuto alle ore 09, 16 minuti e 1,1 secondi UT (le 11:16 in Italia), quando Parker è giunta a soli 14160357375 metri dal centro del Sole; in quel momento, la velocità ha raggiunto la bellezza di 129,603859 km/s o 466574 km/h (466592 km/h secondo il sito della missione), sempre rispetto al Sole, ed anche questo è un record assoluto per una sonda spaziale. I record precedenti erano stati stabiliti sempre da Parker nella prima metà di quest'anno, durante gli ultimi due passaggi al perielio, entrambi a circa 18,69 milioni di km dalla superficie solare e a 393000 km/h.

 L'impresa è stata resa possibile dal terzo gravity assist con Venere, avvenuto lo scorso 11 luglio; in quella occasione la manovra ha permesso di trasferire una parte del momento angolare e dell'energia totale della sonda verso il pianeta, permettendole di penetrare ulteriormente nella "pozza gravitazionale" del Sole. In quella occasione, la sonda è arrivata a 833 km dalla superficie di Venere, molto più in basso dei precedenti due. Yanping Guo, responsabile della progettazione e della navigazione, dei "Johns Hopkins Applied Physics Labs", ha osservato che l'assist gravitazionale ha fornito la maggiore riduzione della velocità orbitale dall'inizio della missione, riducendo la velocità del veicolo spaziale di 13579 chilometri orari (3.77 km/s).

 Alcuni strumenti sul veicolo spaziale erano stati accesi già dalla fine di agosto per raccogliere dati sull'ambiente vicino al Sole e sul vento solare, ma la fase di osservazioni al perielio è iniziata ufficialmente solo il 21 settembre e finirà il 2 Ottobre; le per svariati giorni le comunicazioni con la sonda saranno impossibili dato che si trova dietro al Sole vista dalla Terra, ma si spera almeno di poter rilevare presto il segnale "beacon" a testimonianza della sopravvivenza di Parker.

 E' la prima volta che Parker Solar Probe si scende al di sotto di 0,1 unità astronomiche dal centro del Sole; “ci chiediamo sempre se vedremo qualcosa di nuovo man mano che ci avviciniamo, e quando il ciclo solare ripartirà e il Sole diventerà più attivo, saremo in grado di osservare quell'attività da un punto di vista senza precedenti" ha detto Nour Raouafi, scienziato del progetto Parker Solar Probe presso l'APL.

 Il prossimo 17 gennaio ci sarà un altro perielio simile a quello odierno, poi Parker effettuerà un nuovo gravity assist con Venere per restringere ulteriormente la sua orbita.

 L'immagine in apertura (purtroppo con le antiquate unità imperiali) è tratta dal filmato visibile in questo articolo: http://parkersolarprobe.jhuapl.edu/News-Center/Show-Article.php?articleID=154 

 

Altre informazioni su questo articolo

Read 170 times Ultima modifica Sabato, 03 Ottobre 2020 20:16
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/11 - Sol 712] - Meteor...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista