Scritto: Domenica, 02 Agosto 2020 04:04 Ultima modifica: Domenica, 02 Agosto 2020 08:30

Crew-Dragon Demo-2: lo sganciamento dalla ISS


Avvenuta nella notte la manovra di "undocking" dalla Stazione Spaziale; adesso Behnken e Hurley si preparano al "de-orbit" e allo "splash-down" nell'Atlantico, previsti stasera.

Rate this item
(1 Vote)
L'accensione di uno dei retrorazzi di Crew-Dragon, durante la manovra di allontanamento, ripresa dalla ISS L'accensione di uno dei retrorazzi di Crew-Dragon, durante la manovra di allontanamento, ripresa dalla ISS Credits: Chris Cassidy / NASA - Processing: Marco Di Lorenzo

 La storica missione 63 si avvia alla conclusione: dopo 2 mesi di permanenza sulla ISS, durante i quali i due astronauti NASA hanno condotto esperimenti scientifici ed attività extraveicolari insieme ai loro 3 colleghi, è giunto il momento del rientro a Terra. La manovra in corso concluderà il collaudo con equipaggio per la navicella di Space-X, iniziato lo scorso 30 Maggio con l'indimenticabile decollo del Falcon-9 dal complesso di lancio 39A di Cape Canaveral.

Undock inside

Un fotogramma della diretta mostra i due astronauti davanti agli schermi della Crew Dragon, poco prima del distacco automatico dalla ISS. - Credits: NASA / SpaceX

 Naturalmente, la NASA ha seguito passo per passo la sequenza di eventi, che si sono svolti mentre in Italia era notte. Dopo una diretta con i saluti e il commiato dei due astronauti dal resto dell'equipaggio, Bob e Doug hanno preso posizione nella navicella che si è staccata alle 23:35 GMT (1:35 in Italia).

Undock sequence

L'allontanamento della Crew-Dragon ripreso dalla ISS - Source: NASA TV - Processing: Marco Di Lorenzo

 I seguenti schemi illustrano le varie fasi della separazione e le manovre successive fino al rientro. Come si vede, dopo la piccola spinta iniziale, ci sono stati altri tre "depart burn", uno a 5 minuti dal distacco, gli altri due alle 02:27 e alle 03:14 ora italiana. Essi hanno portato la navicella a volare 10 km sopra la ISS e a questa situazione si riferisce l'ultima immagine nel collage qui sopra, in basso a destra, ripresa tramite teleobiettivo.

Undock Plan

Undock PlanWide

Source: NASA / SpaceX - Processing: Marco Di Lorenzo

 Dopo la fase di "departure", una serie ulteriore di accensioni porterà la navicella a sincronizzare la sua orbita con la traiettoria prevista per il rientro nella zona desiderata ("Phasing burns") e solo allora il modulo posteriore disabitato ("trunk") si separerà dal modulo di rientro ovvero la navicella vera e propria. Questo pezzo andrà a perdere bruciando in atmosfera mentre la Crew-Dragon effettuerà 5 minuti dopo la spinta finale di "deorbit". Il decadimento orbitale si svolgerà sul Pacifico meridionale e l'ingresso in atmosfera avverrà sull'America centrale; l'attrito con l'aria rallenterà la navicella fino a poter aprire i paracadute; i primi due, detti "drogue parachutes", si apriranno a circa 5500 metri d'altezza mentre i quattro paracadute principali si dispiegheranno a 2000 metri, permettendo alla navicella di ammarare a una velocità di 7,5 m/s nel Golfo del Messico, al largo di Pensacola (Florida) dove verrà recuperata da imbarcazioni apposite.

 Lo "splash-down" è previsto alle 20:41 ora italiana, 52 minuti dopo il de-orbit.

 Una curiosità riguarda il software con cui è avvenuta la manovra automatica; come si vede nello cattura qui sotto, a sinistra, la sua interfaccia ricorda davvero quella del simulatore messo a disposizione da Space-X qualche tempo fa sul suo sito, di cui abbiamo parlato.

Undock iss

Source: NASA TV - Processing: Marco Di Lorenzo

 Il video della intera manovra può essere rivisto a questo link ed in fondo al post.

 

Altre informazioni su questo articolo

Read 198 times Ultima modifica Domenica, 02 Agosto 2020 08:30
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Media

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 15/8/20 - Sol 610] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 agosto [Last update...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 agosto [Last update...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista