Scritto: Lunedì, 29 Aprile 2013 21:46 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14

Localizzato e colpito con il laser il vecchio rover lunare sovietico Lunokhod 1


Gli scienziati hanno rimbalzato con successo un fascio laser sul vecchio Lunokhod 1, il rover dell'Unione Sovietica che ha passeggiato sul suolo lunare più di quattro decenni fa.

Il Lunokhod 1 è stato il primo rover costruito dall'uomo che ha raggiunto un altro mondo al di fuori della Terra: partì alla volta della Luna a bordo del vettore Luna 17, atterrando nel Mare Imbrium il 17 novembre 1970.

Rate this item
(1 Vote)

Stazione Mé0 Francia

Credit: Jean-Marie Torre, Côte d’Azur Observatory

Gli scienziati hanno rimbalzato con successo un fascio laser sul vecchio Lunokhod 1, il rover dell'Unione Sovietica che ha passeggiato sul suolo lunare più di quattro decenni fa.

Il Lunokhod 1 è stato il primo rover costruito dall'uomo che ha raggiunto un altro mondo al di fuori della Terra: partì alla volta della Luna a bordo del vettore Luna 17, atterrando nel Mare Imbrium il 17 novembre 1970.

Tra i vari strumenti, il rover russo aveva a bordo uno specchio catarifrangente che poteva esser colpito con un laser dalla Terra.

Il robot rimase attivo per 322 giorni terrestri ma ogni tentativo di contattarlo dopo la notte del 14 settembre 1971, fallì, apparentemente a causa di un guasto ad un componente.

Utilizzando la stazione laser Grasse (MéO) a Calern, Francia, Jean-Marie Torre e i colleghi del Côte d'Azur Observatory hanno cercato di centrare il Lunokhod 1 e nel mese di marzo, ecco un segnale di ritorno.

I risultati sono stati ottenuti con tre notti di lavoro, utilizzando una nuova configurazione strumentale della stazione MéO.

Chi lavora nel campo ha sempre ritenuto il rover russo un obiettivo quasi impossibile.

Colpire il Lunokhod 1 ha sempre presentato una serie di difficoltà storiche: il riflettore poteva essere polveroso, oppure il rover poteva essere in una posizione sfavorevole.

Lunokhod 1

Credit: NASA

Quella del Lunokhod 1 non è l'unica matrice catarifrangente presente sulla Luna, altre sono state posizionate dagli equipaggi dell'Apollo 11 nel 1969 e dall'Apollo 14 e 15.

In realtà, il team stava scandagliando il sito dell'Apollo 15 quando Torre suggerì di cercare il Lunokhod 1.

La posizione finale del rover al termine della missione è stata incerta fino al 2010 ma grazie alle immagini scattate dalla sonda della NASA Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO), sono stati avvistati sia il Luna 17 che il lander Lunokhod 1.

Lunokhod 1 ripreso dalla sonda LRO

Credit: NASA

Il Lunokhod 1 si è fermato nella sua ultima tappa a circa 2,3 chilometri a nord del luogo di atterraggio.

Il successo dello scorso mese da parte della stazione di Grasse non è stato il primo laser sparato verso il "perduto" rover sovietico: nell'aprile 2010, specialisti dell'Apache Point Observatory Lunar Laser (APOLLO), dal sud del New Mexico, utilizzarono le immagini di LRO per individuarlo e ci andarono abbastanza vicino.

Questi laser usano impulsi brevi e ricevitori ottici per misurare quanto tempo ci impiega la luce a viaggiare dalla Terra al pannello catarifrangente sulla Luna e a tornare a Terra: solo due secondi e mezzo.

Poiché i riflettori sulla luna sono relativamente piccoli e il raggio laser perde naturalmente la sua intensità con la distanza, solo una piccola frazione del segnale torna indietro ma le informazioni ottenute sono sufficienti a migliorare il calcolo dei movimenti della Terra e della Luna come la velocità di rotazione, la variazione assiale e la deviazione orbitale (tenendo conto, ovviamente, dell'influenza di altri corpi celesti come il Sole).

Letto: 7889 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:14
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista