Print this page
Scritto: Domenica, 19 Agosto 2018 06:03 Ultima modifica: Martedì, 21 Agosto 2018 07:55

Chandrayaan-2: lancio rimandato al prossimo anno


Il lancio della prossima missione lunare indiana, Chandrayaan-2, è stato nuovamente rimandato: ora la partenza è prevista non prima del 3 gennaio 2019.

Rate this item
(0 votes)
Un lancio del vettore GSLV Mark III del5 giugno 2017 Un lancio del vettore GSLV Mark III del5 giugno 2017 Crediti: ISRO

Originariamente programmata per essere lanciata a dicembre 2016, dopo alcuni rinvii, prima a marzo 2018 poi ad ottobre 2018, la missione Chandrayaan-2 sarà lanciata durante un'ipotetica finestra di lancio che si aprirà il 3 gennaio 2019 e si estenderà fino a metà marzo.
L'ambizioso progetto prevede un orbiter, un lander e un piccolo rover per l'allunaggio vicino al polo sud del nostro satellite (avevo descritto dettagliatamente la missione in un post precedente).

La notizia non è ancora ufficiale perché il sito dell'Agenzia Spaziale Indiana ISRO riporta ancora la seconda metà del 2018 come data di lancio ma è stata diffusa da molti media locali.

In base a quanto dichiarato da M Annadurai, direttore dell'U R Rao Satellite Centre, l'orbiter è pronto ma il lander ed il rover sono ancora in fase di test. Sembrerebbe, infatti, che il programma originale della missione sia stato pesantemente modificato dopo una revisione tecnica condotta a giugno.

Nei piani originali, il lander sarebbe dovuto atterrare direttamente sulla Luna dopo la separazione dall'orbiter ma questa operazione è stata giudicata "troppo rischiosa". Così, è stato chiesto di far eseguire al lander alcune orbite prima dell'allunaggio durante le quali condurre la verifica di tutti i sistemi. Una modifica curiosa, come alcuni hanno osservato.
Mettere in orbita anche il lander, infatti, richiederà al modulo ulteriori capacità, più propellente, ruote di reazione, sistemi di navigazione, software ed elettronica di supporto che ne aumenteranno la massa ed anche le difficoltà tecniche.

La nuova massa complessiva raggiunta da tutto il carico passerebbe da 3.250 a 3.850 chilogrammi, mettendo a dura prova il vettore GSLV Mark II che sarebbe stato impiegato per il lancio, tanto da portare l'India a valutare una revisione ed aggiornamento del razzo, fino a decretarne la sostituzione con il più potente GSLV Mark III.

Insomma, la strada sarà ancora lunga!

Altre informazioni su questo articolo

Read 716 times Ultima modifica Martedì, 21 Agosto 2018 07:55
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.