Questa è l'immagine più ravvicinata, ripresa dalla ONC-W1 alle 23:23 UTC di ieri (le 01:23 di stamattina ora italiana); sulla base delle dimensioni apparenti, la distanza doveva essere dell'ordine di 1,4 km; poco dopo, la sonda ha azionato i motori e si è riportata a distanza maggiore, come si può vedere nella galleria fotografica continuamente aggiornata. Si tenga presente che questa è una immagine grandangolare (paragonabile a quella ripresa con una focale intorno ai 30mm con una macchina fotografica tradizionale) e inoltre la risoluzione è dimezzata rispetto a quella piena del sensore 1024x1024. Il fatto che la parte sinistra dell'asteroide tenda ad essere decisamente più chiara non è un difetto nella foto ma è una ben nota conseguenza della ripresa ad "angolo di fase nullo", cioè con illuminazione frontale; la polvere di regolite che copre Ryugu, infatti, tende a "riflettere" la luce nella stessa direzione da cui arriva, un pò come farebbe un catarinfrangente; qualcosa di simile si vede anche nelle riprese degli astronauti delle missioni Apollo o sugli anelli di Saturno nelle immagini di Cassini. Ieri avevamo pubblicato un filmato relativo alla fase di approccio (da 20 a 5 km), in giornata ne pubblicherò uno relativo alle fasi più recenti...