Sabato 21 Aprile 2018
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Gaia in "safe mode" In evidenza

Gaia - rappresentazione artistica
Gaia - rappresentazione artistica Credits: ESA/ATG medialab; background image: ESO/S. Brunier Gaia Artist's Impression

Quando manca solo 1 mese all'attesa pubblicazione del nuovo catalogo, l'ESA svela come il satellite astrometrico abbia dovuto affrontare una seria anomalia che adesso sembra risolta.

 Lo sappiamo solo da un paio di giorni, ma oltre un mese fa il satellite Gaia dell'ESA ha subito un'anomalia tecnica che ne ha causato il passaggio automatico in "safe mode". In pratica, il 18 febbraio, un guasto di due unità elettriche sul modulo di servizio ha portato la navicella a entrare in questa "modalità sicura" che si attiva durante un'emergenza, ovvero quando alcuni parametri cadono fuori dai loro normali intervalli operativi e il veicolo spaziale prende automaticamente delle contromisure pensate per preservarne la sicurezza. Durante il "safe mode", naturalmente, gli strumenti scientifici vengono disabilitati per proteggerli, il veicolo si ri-orienta e le telecomunicazioni con la Terra hanno luogo attraverso l'antenna a basso guadagno (omnidirezionale). 

 In seguito all'evento, il team a Terra ha condotto un'indagine iniziale su cosa ha causato l'anomalia e ha rapidamente identificato la causa del problema nel guasto di uno dei due transponder a bordo di Gaia, deputati a ricevere, amplificare e ritrasmettere i segnali radio nella "banda X" (8-12 Ghz). La causa principale del malfunzionamento è ancora in fase di studio ma, dopo un'indagine approfondita, il team ha recuperato il satellite che è tornato alle sue normali operazioni scientifiche il 28 febbraio, utilizzando il secondo transponder di riserva, identico a quello difettoso.

Gaia transponder

Il modello di transponder "X/X Deep Space Transponder" (X2 PND) installato su Gaia; notare la monetina da 1 euro - Credit: Thales Alenia Space

 Il team della missione continua a indagare sulla causa esatta dell'anomalia e le sue possibili implicazioni sulla vita del secondo transponder; nel caso che anche esso fallisse, infatti, questo significherebbe la fine della missione poichè questo dispositivo, realizzato dalla Thales Alenia Italia, è il cuore delle comunicazioni tra Gaia e le stazioni di ascolto a Terra. Nel frattempo, Gaia ha ripreso le operazioni scientifiche alla fine del mese scorso ma, dato che l'assetto è cambiato durante il safe-mode esponendo alla luce diretta del Sole anche parti che sono normalmente in ombra, saranno necessarie diverse settimane prima che le ottiche e i rivelatori si raffeddino e tornino alle condizioni operative ottimali; peraltro, sarà necessario ripetere una serie di "regolazioni fini", specialmente sulla messa a fuoco che è sicuramente cambiata.

 In ogni caso, l'evento non impatterà in alcun modo sul rilascio del secondo catalogo astrometrico, pianificato tra 32 giorni; questo perchè DR2 si baserà sui dati raccolti fino a metà 2016. Anche i dati contenuti nel successivo catalogo DR3 sono già stati raccolti e verranno pubblicati a fine 2020.

 

Riferimenti:
http://sci.esa.int/gaia/60098-gaia-status-update-safe-mode-and-recovery/
https://www.cosmos.esa.int/web/gaia/iow_20180316

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 20 Aprile.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.