Scritto: Venerdì, 23 Marzo 2018 18:12 Ultima modifica: Sabato, 24 Marzo 2018 17:25

Gaia in "safe mode"


Quando manca solo 1 mese all'attesa pubblicazione del nuovo catalogo, l'ESA svela come il satellite astrometrico abbia dovuto affrontare una seria anomalia che adesso sembra risolta.

Rate this item
(0 votes)
Gaia - rappresentazione artistica Gaia - rappresentazione artistica Credits: ESA/ATG medialab; background image: ESO/S. Brunier Gaia Artist's Impression

 Lo sappiamo solo da un paio di giorni, ma oltre un mese fa il satellite Gaia dell'ESA ha subito un'anomalia tecnica che ne ha causato il passaggio automatico in "safe mode". In pratica, il 18 febbraio, un guasto di due unità elettriche sul modulo di servizio ha portato la navicella a entrare in questa "modalità sicura" che si attiva durante un'emergenza, ovvero quando alcuni parametri cadono fuori dai loro normali intervalli operativi e il veicolo spaziale prende automaticamente delle contromisure pensate per preservarne la sicurezza. Durante il "safe mode", naturalmente, gli strumenti scientifici vengono disabilitati per proteggerli, il veicolo si ri-orienta e le telecomunicazioni con la Terra hanno luogo attraverso l'antenna a basso guadagno (omnidirezionale). 

 In seguito all'evento, il team a Terra ha condotto un'indagine iniziale su cosa ha causato l'anomalia e ha rapidamente identificato la causa del problema nel guasto di uno dei due transponder a bordo di Gaia, deputati a ricevere, amplificare e ritrasmettere i segnali radio nella "banda X" (8-12 Ghz). La causa principale del malfunzionamento è ancora in fase di studio ma, dopo un'indagine approfondita, il team ha recuperato il satellite che è tornato alle sue normali operazioni scientifiche il 28 febbraio, utilizzando il secondo transponder di riserva, identico a quello difettoso.

Gaia transponder

Il modello di transponder "X/X Deep Space Transponder" (X2 PND) installato su Gaia; notare la monetina da 1 euro - Credit: Thales Alenia Space

 Il team della missione continua a indagare sulla causa esatta dell'anomalia e le sue possibili implicazioni sulla vita del secondo transponder; nel caso che anche esso fallisse, infatti, questo significherebbe la fine della missione poichè questo dispositivo, realizzato dalla Thales Alenia Italia, è il cuore delle comunicazioni tra Gaia e le stazioni di ascolto a Terra. Nel frattempo, Gaia ha ripreso le operazioni scientifiche alla fine del mese scorso ma, dato che l'assetto è cambiato durante il safe-mode esponendo alla luce diretta del Sole anche parti che sono normalmente in ombra, saranno necessarie diverse settimane prima che le ottiche e i rivelatori si raffeddino e tornino alle condizioni operative ottimali; peraltro, sarà necessario ripetere una serie di "regolazioni fini", specialmente sulla messa a fuoco che è sicuramente cambiata.

 In ogni caso, l'evento non impatterà in alcun modo sul rilascio del secondo catalogo astrometrico, pianificato tra 32 giorni; questo perchè DR2 si baserà sui dati raccolti fino a metà 2016. Anche i dati contenuti nel successivo catalogo DR3 sono già stati raccolti e verranno pubblicati a fine 2020.

 

Riferimenti:
http://sci.esa.int/gaia/60098-gaia-status-update-safe-mode-and-recovery/
https://www.cosmos.esa.int/web/gaia/iow_20180316

Letto: 1003 volta/e Ultima modifica Sabato, 24 Marzo 2018 17:25
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista