Scritto: Mercoledì, 07 Febbraio 2018 05:14 Ultima modifica: Mercoledì, 07 Febbraio 2018 16:52

Successo per il volo inaugurale del Falcon Heavy della SpaceX


Dopo alcuni ritardi a causa del vento, ieri sera alle 21:45 ora italiana, il vettore gigante della SpaceX ha dato il via ad uno spettacolo davvero emozionante.

Rate this item
(0 votes)
Successo per il volo inaugurale del Falcon Heavy della SpaceX Crediti: SpaceX

È stato uno dei lanci più spettacolari e coinvolgenti degli ultimi tempi, quello del vettore Falcon Heavy della SpaceX, partito ieri sera alle 21:45 ora italiana dal sito storico di lancio LC-39A di Cape Canaveral, presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida. La compagnia guidata dall'eccentrico miliardario Elon Musk ha dato il via ad un vero e proprio show.

Il razzo, il più potente al mondo dopo il Saturn V della NASA utilizzato per gli sbarchi sulla Luna dell'Apollo, ha acceso i suoi tre booster, basati sul vettore Falcon 9 sempre della SpaceX, con 27 motori in totale, mostrando tutta la sua potenza.

Il Falcon Heavy al decollo

Crediti: SpaceX webcat

Un primo piano dei motori del Falcon Heavy al decollo

 "Sono davvero entusiasta oggi" ha commentato Elon Musk ai giornalisti, "Sono davvero orgoglioso del team SpaceX: hanno fatto un incredibile lavoro nel creare il razzo più avanzato al mondo e il più grande missile al mondo".

Come avevo anticipato nel precedente post, il programma per questo volo inaugurale era molto ambizioso e prevedeva addirittura il recupero di tre booster.

La sequenza del lancio del Falcon Heavy postata su Twitter da Elon Musk

La sequenza del lancio del Falcon Heavy postata su Twitter da Elon Musk

I primi due, i laterali, dovevano eseguire un rientro controllato a Terra sempre su Cape Canaveral, atterrando contemporaneamente nella Landing Zone 1 e 2. E così è stato!
I due primi stadi dei razzi laterali hanno toccato il suolo all'unisono mentre di sottofondo un coro da stadio "go go go" accompagnava l'acrobazia.

 Falcon Heavy - separazione dei booster

Falcon Heavy - separazione dei booster

Falcon Heavy - atterraggio dei booster

Falcon Heavy - atterraggio dei booster

Falcon Heavy - i due booster tornati a Terra sani e salvi a Cape Canaveral
Crediti: SoaceX webcast

Il terzo booster, invece, sarebbe dovuto atterrare sulla piattaforma galleggiante della SpaceX "Of Course I Still Love You" nell'oceano Atlantico, a largo della Florida, un'operazione che sembra dare ancora qualche grattacapo alla compagnia. Nel momento dell'atterraggio, le immagini trasmesse in diretta hanno mostrato solo fumo e nebbia, qualcosa doveva essere andato storto.
Successivamente Musk ha dichiarato che lo stadio centrale è effettivamente andato perso: ha mancato il bersaglio perché due dei tre motori non si sono accesi durante la discesa e il booster ha colpito l'oceano a 320 chilometri orari, provocando dei danni anche alla nave drone. Qui sotto due fotogrammi scattati dalla telecamera a bordo della piattaforma, immediatamente prima e dopo l'incidente:

Core disaster

Crediti: SoaceX webcast

Tuttavia, nonostante questo "piccolo" incidente la missione è stata ed è un successo.
La vera protagonista di questa bizzarra esibizione è la Tesla Roadster rossa ed il suo pilota, i quali stanno ancora viaggiando su un'orbita iperbolica a "cielo aperto" regalandoci un live pazzesco su YouTube.
Ecco alcuni fotogrammi.

Le riprese di Starman - Falcon Heavy

Ora, il Falcon Heavy ed i suoi ospiti stanno viaggiando attraverso la fascia principale degli asteroidi per immettersi in un'orbita eliocentrica con afelio prossimo all'orbita di Marte, così da poter incontrare e salutare periodicamente il pianeta.

L'immagine postata su Twitter da Elon Musk verso le 4 di questa mattina, mostra la traiettoria seguita dal Falcon Heavy

L'immagine postata su Twitter da Elon Musk verso le 4 di questa mattina, mostra la traiettoria seguita dal Falcon Heavy

Stay tuned per i prossimi aggiornamenti! 

Altre informazioni su questo articolo

Read 2228 times Ultima modifica Mercoledì, 07 Febbraio 2018 16:52
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/11 - Sol 712] - Meteor...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista