Scritto: Martedì, 06 Febbraio 2018 07:16 Ultima modifica: Martedì, 06 Febbraio 2018 23:22

SpaceX Falcon Heavy pronto al lancio


La Federal Aviation Administration (FAA) ha rilasciato il via libera per il lancio inaugurale del Falcon Heavy della SpaceX, in programma per oggi 6 febbraio 2018. Il vettore è il più potente dopo il Saturn V utilizzato per gli sbarchi sulla Luna dell'Apollo, ritirato negli anni '70.

Rate this item
(0 votes)
Il Falcon Heavy pronto sulla rampa di lancio a Cap Canaveral Il Falcon Heavy pronto sulla rampa di lancio a Cap Canaveral Crediti: SpaceX

Il razzo, con una spinta pari a 18 Boeing 747, sarà il grado di spedire gli esseri umani su Marte.

Falcon Heavy a confronto con altri vettori

Crediti: SpaceX

Il carico trasportato durante questo primo volo sarà un'auto elettrica "modificata" rosso ciliegia appartenente alla personale collezione di Elon Musk, il miliardario fondatore e CEO della compagnia aerospaziale americana. La Tesla Roadster, come anticipato da Marco Di Lorenzo nella nostra immagine del giorno, sarà "guidata" da un manichino vestito con una tuta spaziale sperimentale sempre made by SpaceX (e alcune testate giornalistiche statunitensi, conoscendo la stravaganza di Musk, hanno ironicamente messo in dubbio che si tratti veramente di un fantoccio!).
Qualcuno su Twitter ha chiesto all'imprenditore perché buttare 100.000 dollari in un viaggio di prova e Musk ha risposto:
"Adoro l'idea che un'auto si muova apparentemente all'infinito nello spazio e possa essere scoperta da una razza aliena milioni di anni dopo".

Le immagini mostrano la vettura montata su una struttura a cupola che sembra ospitare delle telecamere nella parte anteriore.

Red Roadster - SpaceX

Ci sono anche alcune speculazioni secondo cui sul cruscotto ci sarebbe una riproduzione (un modellino?) della stessa vettura con tanto di pilota. Ma su questo ho qualche dubbio e penso che possa trattarsi di un effetto ottico. Il dettaglio è davvero piccolo e a questa risoluzione, l'ingrandimento è poco definito. Tuttavia, trovo che le proporzioni tra la sagoma bianca, che dovrebbe essere il manichino e, l'auto siano completamente sbagliate: ritengo, quindi, più probabile che si tratti di una parte del veicolo, forse una sorta di piccola leva o joystick.
D'altra parte non si sa molto su questo carico non convenzionale, non si conoscono neppure le modifiche ("modified Tesla Roadster") citate nel documento della FAA.

Testa Roadster - SpaceX

Crediti: SpaceX - Processing: Elisabetta Bonora

Essenzialmente il Falcon Heavy consiste in tre Falcon 9 legati assieme e, dato che ogni Falcon 9 ha 9 motori principali, il Falcon Heavy ne ha 27.
Nonostante tutto, però, è abbastanza economico: ogni volo può partire da soli 90 milioni di dollari.

I tre motori del Falcon Heavy

I tre motori del Falcon Heavy
Crediti: SpaceX

Il lancio di questa sera, previsto per le 19:30 ora italiana * (la finestra di lancio resterà aperta per 3 ore), avverrà in una location storica, il sito LC-39A di Cape Canaveral, presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida, utilizzato per l'Apollo 11 e numerose missioni d:ello Space Shuttle (inclusa l'ultima).

La sequenza del lancio del Falcon Heavy postata su Twitter da Elon Musk

La sequenza del lancio del Falcon Heavy postata su Twitter da Elon Musk

Dopo qualche minuto dalla partenza, i due booster che compongono il primo stadio del razzo (quelli laterali) si staccheranno dal vettore principale per un doppio rientro controllato a Terra, stile SpaceX (e questo è già un record!). Torneranno indietro verso Cape Canaveral per tentare l’atterraggio sulle piattaforme Landing Zone 1 e 2.
Nel frattempo il Falcon Heavy continuerà ad allontanarsi fino a quando non si staccherà anche il primo stadio del terzo booster (quello centrale) che, ormai troppo lontano per atterrare sulla terraferma, raggiungerà la nave galleggiante "Of Course I Still Love You" nell'oceano Atlantico, a largo della Florida. 3 recuperi con un solo lancio... altro che record!
L'ultimo stadio resterà agganciato alla parte superiore del vettore, accompagnando la Roadster e il suo pilota. Una volta in orbita, la punta del Falcon Heavy si aprirà esponendo la vettura allo spazio esterno. Quindi, verranno attraversate le fasce di Van Allen, le insidiose ciambelle di radiazioni che circondano il nostro pianeta. Se l'operazione si concluderà con successo, l'auto si separerà dall'ultimo stadio ed entrerà in un'orbita eliocentrica con afelio prossimo all'orbita di Marte, così da poter incontrare e salutare periodicamente il pianeta. Il tutto sulle note di “Space Oddity” di David Bowie, come annunciato su Twitter:

"Payload will be my midnight cherry Tesla Roadster playing Space Oddity. Destination is Mars orbit. Will be in deep space for a billion years or so if it doesn’t blow up on ascent."

Fonte: https://youtu.be/Tk338VXcb24

Se questo curioso programma (altrimenti non sarebbe di Elon Musk!!!) arriverà alla fine, forse, avremo anche delle immagini inedite di Marte ripreso dal cruscotto di un'auto!

Naturalmente, qualcosa potrebbe anche andare storto e tutto si potrebbe trasformare in un grande spettacolo pirotecnico con decine di milioni di dollari andati in fumo.
Ma se il Falcon Heavy dimostrerà di saper volare, allora inizierà il vero lavoro per trasportare in orbita satelliti e altri carichi. Ci sono già le prenotazioni per satelliti per telecomunicazioni, per un payload denominato STP-2 della U.S. Air Force e per due turisti che hanno prenotato un giro intorno alla Luna.

Insomma, che dire... non ci resta che incrociare le dita e trattenere il fiato: mi raccomando, il lancio di stasera è da non perdere! Stay tuned!

* Attenzione! Il lancio è stato da poco posticipato alle 21:45 ora italiana causa vento

Altre informazioni su questo articolo

Read 2467 times Ultima modifica Martedì, 06 Febbraio 2018 23:22
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Martedì, 06 Febbraio 2018 22:08 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Grazie Elon e Space-X, è così che si risvegliano i sogni di una razza umana che sembrava assopita e rassegnata all'implosione!

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista