Giovedì 14 Dicembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Nuovo cargo Cygnus raggiunge la ISS In evidenza

Il veicolo cargo Cygnus 'Cernan' appena catturato dal braccio robotico della ISS.
Il veicolo cargo Cygnus 'Cernan' appena catturato dal braccio robotico della ISS. Crediti: NASA/Randy Bresnik

Alle 05:04 a.m. EST (le 11:04 italiane) del 14 novembre scorso, l'astronauta italiano dell'ESA, Paolo Nespoli, Ingegnere di Volo di Spedizione 53 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), e Randy Bresnik della NASA hanno catturato con successo il veicolo spaziale cargo Cygnus di Orbital ATK, utilizzando il braccio robotico canadese dell'avamposto orbitale.

Il veicolo cargo era decollato a bordo di un razzo Antares 230, sempre di Orbital ATK, dalla base di lancio dell'Isola di Wallops, in Virginia, alle 7:19 a.m. EST (le 13:19 italiane) del 12 novembre. Il lancio era avvenuto con un giorno di ritardo a causa di un aereo che era entrato senza permesso nella zona chiusa al traffico aereo dell'area. A bordo del veicolo cargo Cygnus, missione OA-8 e ribattezzato 'Eugene “Gene” Cernan' in onore all'astronauta, scomparso a gennaio, che per ultimo camminò sulla Luna, vi erano circa 3.350 kg di rifornimenti. La lista comprendeva 1.240 kg di vettovaglie per l'equipaggio, 740 kg di esperimenti scientifici, 132 kg di attrezzature per attività extra-veicolari, 851 kg di apparecchi per la stazione e 34 kg di materiale per computer.

iss exp53 cygnuc a08 antares liftoff

Il decollo del razzo vettore Antares 230 per la missione cargo Cygnus OA-8.
Crediti:
NASA/Bill Ingalls

Il veicolo cargo, dopo la perfetta immissione in orbita da parte del razzo Antares, avvenuta poco dopo nove minuti dal decollo, mentre sorvolava le isole Bermuda, mostrava i parametri orbitali di 200x330 km. Circa un'ora e mezza dopo il lancio il Cygnus ha dispiegato i due pannelli solari 'UltraFlex' ed ha predisposto i sistemi di bordo per la fase di avvicinamento alla stazione spaziale. Nei due giorni successivi una serie di accensioni dei propulsori di bordo ha permesso di portare il veicolo spaziale nelle vicinanze dell'avamposto orbitale. La nave spaziale automatica si è portata a circa 10 metri dalla ISS, appena sotto la stazione, abbastanza vicino per far si che l'astronauta Paolo Nespoli potesse catturarla con il braccio robotico Canadarm2 dell'avamposto. Nelle ore successive, il braccio, comandato dal Centro Controllo, ha poi portato il Cygnus ad ormeggiarsi al boccaporto che guarda verso Terra del modulo Unity. Qui il Cygnus rimarrà per quasi tre settimane. I membri della stazione hanno aperto il portello del veicolo cargo nella serata di martedì, un giorno prima di quanto previsto, e ad accoglierli all'ingresso vi era una foto di Cernan con la scritta 'Salve Equipaggio della Spedizione! Benvenuti sul Cygnus OA-8'. L'equipaggio ha poi iniziato lo scarico del materiale all'interno di Cygnus, un'operazione che durerà un paio di settimane. I quattro astronauti della stazione che vivono e lavorano nel segmento USA dell'avamposto si occuperanno anche di esperimenti trasportati con il Cygnus. Per la prima volta sistemeranno delle attrezzature di ricerca della stazione all'interno del modulo cargo, utilizzando la struttura come luogo temporaneo di ricerca. Assieme ai rifornimenti scientifici portati alla stazione martedì vi erano dei contenitori di gas per supportare l'esperimento avanzato di combustione in microgravità, un habitat per le ricerche sui roditori che verranno lanciate in missioni future e delle attrezzature per la stampante 3D che si trova a bordo della stazione.

iss exp53 cygnus oa8 cernan

L'immagine che ha accolto gli astronauti di Spedizione 53 all'apertura del portello del veicolo cargo Cygnus.
Crediti: NASA

Due CubeSat saranno trasferiti all'interno della stazione spaziale in aggiunta ad altri tre già pronti per il rilascio in orbita attraverso la camera stagna del modulo laboratorio giapponese Kibo. Uno dei CubeSat, chiamato E. Coli Antimicrobial Satellite, o EcAMSat, ha le dimensioni di una valigia ed è stato sviluppato dal Centro Ricerche NASA di Ames e dagli scienziati dell'Università di Stanford. EcAMSat studierà la resistenza antibiotica nello spazio di E.Coli, un batterio patogeno responsabile dell'infezione del tratto urinario di umani ed animali. La missione di EcAMSat dovrebbe durare un anno ed i risultati potrebbero aiutare a proteggere gli esseri umani delle future missioni spaziali e permettere di sviluppare contromisure anche per chi si trova sulla Terra. L'altro piccolo veicolo spaziale trasportato dalla missione OA-8 è TechEdSat 6, un altro esperimento con CubeSat del centro Ames in collaborazione con l'Università di San Jose e di quella dell'Idaho.

iss exp53 nanosat

Immagine artistica del TechEdSat.
Crediti:
NASA

Questo nanosatellite è l'ultimo di una serie destinata a testare un sistema di uscita dall'orbita che utilizza le forze aerodinamiche ('aero-brake') – e non la propulsione – per rientrare nellatmosfera. Questa tecnologia potrebbe essere applicata per il rientro sulla Terra di campioni dalla stazione spaziale in modo rapido e poco costoso. Gli astronauti della stazione imbarcheranno sul modulo cargo pressurizzato (PCM) di Cygnus, realizzato a Torino, in Italia, da Thales Alenia Space, attrezzature non più utili e spazzatura prima di chiudere i portelli e sganciare la nave di rifornimento dal modulo Unity con il braccio robotico il prossimo 3 dicembre. I controllori di missione manovreranno il Cygnus fino ad alcuni metri da un altro boccaporto di attracco, quello del modulo Harmony, dove le capsule con equipaggio di Boeing e SpaceX dovranno agganciarsi una volta che inizieranno a portare astronauti in orbita, forse dal 2019. Gli ingegneri utilizzeranno il Cygnus per simulare la presenza di un veicolo commerciale con equipaggio al boccaporto di Harmony che guarda verso lo spazio ed assicurarsi che non disturbi i segnali di navigazione GPS. Una volta terminato questo test, il braccio rilascerà il Cygnus il 4 dicembre e la squadra di terra della Orbital ATK invierà i comandi al veicolo spaziale per fargli alzare l'orbita a 500 km. Una volta raggiunta la posizione prefissata, il Cygnus rilascerà altri 14 CubeSat, con dimensioni che variano da quelle di un cubo di Rubik a quelle di un tostapane – utilizzando il dispensatore esterno fornito da NanoRacks, una compagnia di Houston che offre il rilascio di piccoli satelliti nello spazio approfittando dei voli diretti alla ISS.

iss exp53 crew victory art spacesuit

Nella foto l'equipaggio al completo di Spedizione 53 con la tuta spaziale artistica VICTORY, realizzata dai pazienti di tumore in Russia e Stati Uniti.
Crediti:
NASA

Otto di questi CubeSat entreranno a far parte della reta di satelliti commerciali meteo Spire Global, due sono AeroCube assemblati dall'Aerospace Corp. della NASA per testare comunicazioni laser ad alta velocità e sistemi innovativi basati sulla propulsione ad acqua per manovrare in prossimità uno degli altri. Poi c'è ISARA, un CubeSat sviluppato dal JPL per studiare le prestazioni di un pannello solare integrato ed un antenna radio oltre ad una serie di telecamere ottiche ed infrarosse che potrebbero essere impiegate in futuri satelliti meteo. A bordo anche il PropCube 2, della Scuola Navale per la misurazione dei disturbi ionosferici, lo strato superiore dell'atmosfera terrestre ed il CHEFSat (del Naval Research Laboratory) che aiuterà gli ingegneri a studiare le prestazioni delle radio frequenze nello spazio. Infine anche il primo satellite di Asgardia, un'organizzazione utopica che punta a diventare la prima nazione dello spazio. Il gruppo è stato creato da Igor Ashurbeyii, uno scienzato russo, ed il satellite, Asgardia 1 ospita 500 Gb di dati caricati dai supporter dell'organizzazione, i cittadini di Arcadia. Dopo il rilascio dei CubeSat, il Cygnus brucerà nel rientro controllato in atmosfera sopra l'Oceano Pacifico meridionale.

La missione OA-8 è l'ottavo volo operativo della Orbital ATK, di una serie iniziata nel gennaio 2014 grazie ad un accordo multi-miliardario stipulato con la NASA. L'accordo iniziale prevedeva otto voli, poi estesi a 11. La NASA ha siglato nel 2016 un altro contratto, che copre i voli dal 2019 al 2024, per un almeno altre 6 missioni.

 

Fonti:
NASA: https://blogs.nasa.gov/spacestation/2017/11/14/robotic-arm-reaches-out-and-grapples-cygnus/
Spaceflight Now: https://spaceflightnow.com/2017/11/12/space-station-cargo-shipment-blasts-off-aboard-antares-rocket/ - https://spaceflightnow.com/2017/11/14/cygnus-arrives-at-space-station-with-food-experiments-and-cache-of-cubesats/
Orbital ATK: https://www.orbitalatk.com/news-room/feature-stories/OA8-Mission-Page/default.aspx - https://www.orbitalatk.com/news-room/feature-stories/OA8-Mission-Page/Documents/FS004_17_Cygnus_OA-8.pdf

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi gli uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino mia moglie al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 ho realizzato e curo il sito Astronautica.us che, spero, possa essere sempre aggiornato e rigoroso nelle informazioni. Sono stato uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention  ‘Astronauticon’, che hanno visto anche la presenza di ospiti illustri del capo astronautico. La scelta del sito web è stata 'obbligata' visto il deserto di notizie in cui versava all’epoca l'astronautica nel Paese, il nostro, fra i primi al mondo in questo settore che considero vitale per l’umanità.

Sito web: www.astronautica.us
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.