Venerdì 24 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

In pochi giorni tre passeggiate spaziali sulla ISS.

L'Ingegnere di Volo Joe Acaba, durante la terza passeggiata spaziale di ottobre.
L'Ingegnere di Volo Joe Acaba, durante la terza passeggiata spaziale di ottobre. Crediti: NASA

Questo mese di ottobre ha visto lo svolgimento di ben tre attività extraveicolari (EVA) da parte degli astronauti dell'equipaggio di Spedizione 53. I lavori, all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), hanno visto la partecipazione degli astronauti NASA Randy Bresnik, anche Comandante della Spedizione, e degli Ingegneri di Volo Mark Vande Hei e Joe Acaba.

Inizialmente le tre passeggiate spaziali erano previste per il 5, 10 e 18 ottobre ed i compiti principali riguardavano la manutenzione del braccio robotico canadese Canadarm2 della stazione, sostituzione di telecamere ed altri compiti minori all'esterno del complesso orbitale.

iss exp53 evausa44 prepr

Gli Ingegneri di Volo Joe Acaba, al centro, e Paolo Nespoli, in secondo piano, stanno completando la preparazione di Vande Hei, a sinistra e Randy Bresnik per la prima attività extraveicolare del 5 ottobre.
Crediti: NASA/TV

La prima passeggiata, U.S. EVA-44, è iniziata il 5 ottobre alle 8:05 a.m. EDT (le 14:05 italiane), quando Bresnik, con la tuta spaziale con le strisce rosse, e Vande Hei hanno attivato le batterie interne delle loro tute. Bresnik, alla sua terza attività extraveicolare, e Vande Hei al debutto, sono usciti quindi dal portello del modulo di decompressione Quest. In quel momento Vande Hei è diventato il 221esimo essere umano ad uscire nello spazio protetto soltanto dalla propria tuta spaziale. L'obiettivo principale di questa prima EVA è stato la sostituzione di alcune parti dei meccanismi di aggancio del Canadarm2, chiamati LEE-A (Latching End Effectors-A). Questo meccanismo serve per poter fissare il braccio robotico ai vari punti predisposti sull'esterno del complesso orbitale, mentre quello posto nella parte opposta viene utilizzato per spostare o catturare carichi o le navi spaziali in visita. Il Canadarm2 è lungo quasi 18 metri, pesa 1.800 kg, è dotato di sette snodi e, grazie all'ambiente di microgravità dell'orbita bassa terrestre, è in grado di spostare grandi veicoli spaziali e moduli da un punto all'altro del complesso orbitale. I LEE sono dotati di appositi 'bloccaggi' che servono per prendere saldamente i carichi e permettono anche il trasferimento di corrente elettrica, dati e forniscono ulteriore rigidità.

iss exp53 evausa44 bresnik vandehei

Vande Hei, a sinistra e Randy Bresnik durante la prima attività extraveicolare del 5 ottobre, alle prese con la sostituzione del LEE-A sul Candarm2.
Crediti: NASA

I due identici LEE, che si trovano ai lati opposti del braccio, possono anche essere fissati su uno speciale carrello mobile su rotaie che scorrono su tutta la lunghezza del traliccio principale della ISS. Negli ultimi anni i dati telemetrici hanno mostrato una degradazione, dovuta all'età, del meccanismo A. Ad esempio il 22 agosto scorso, i controllori del Johnson Space Center di Houston avevano tentato di riposizionare il braccio ma i lacci del LEE-A non si erano estesi completamente. Bresnik e Vande Hei hanno quindi rimosso l'isolante e svitato i sei bulloni che tengono LEE-A al suo posto in modo da poterlo rimuovere e stoccarlo temporaneamente su un piano agganciato al trasportatore mobile. I due astronauti hanno poi preso un LEE di scorta e lo hanno sostituito a quello appena rimosso. Il LEE guasto potrà essere in futuro inviato a Terra per riparazione. Durante una o più EVA previste per il prossimo anno, anche il LEE-B verrà sostituito con uno di riserva che si trova già a bordo della ISS. Un altro pezzo di scorta è sulla Terra e pronto ad essere inviato in caso di bisogno. Una volta completata in anticipo sui tempi questa operazione principale Bresnik e Vande Hei hanno compiuto altre piccole mansioni ed hanno concluso l'EVA-44 senza problemi dopo sei ore e 55 minuti. Si è trattata della 203esima passeggiata spaziale dedicata all'assemblaggio e manutenzione della ISS fin dall'inizio della sua costruzione nel 1998, l'ottava del 2017. Al momento 127 astronauti rappresentanti 10 nazioni hanno trascorso 1.265 ore e 10 minuti di tempo EVA, pari a 52,7 giorni.

iss exp53 evausa45 vandehei

Vande Hei durante la seconda attività extraveicolare del 10 ottobre.
Crediti: NASA

Appena cinque giorni dopo, il 10 ottobre, alle 7:56 a.m. EDT (le 13:56 italiane), sempre Bresnik e Vande Hei, sono usciti per le U.S. EVA-45. La seconda passeggiata spaziale è stata dedicata principalmente alla lubrificazione del LEE-A sostituito in precedenza, alla sostituzione di una telecamera guasta ed altri compiti minori. Vade Hei ha utilizzato una speciale pistola con il grasso per lubrificare i meccanismi interni dei giunti a sfera del LEE sostituito. L'astronauta, che ha compiuto l'operazione in minor tempo di quanto previsto, ha quindi proceduto a lubrificare i quattro lacci, operazione originariamente prevista per l'ultima EVA di ottobre. Altre operazioni minori svolte dai due astronauti sono state: assicurare meglio un serbatoio di ossigeno esterno, ruotare un modulo pompa dell'ammoniaca di raffreddamento in modo da poterla meglio ventilare prima di un suo riposizionamento, la rimozione di due corrimano per far posto all'installazione di antenne wireless durante una futura passeggiata spaziale e la sostituzione della copertura di lenti di una telecamera. I due astronauti hanno terminato la EVA dopo 6 ore e 26 minuti, la quarta per Bresnik e la seconda per Vande Hei. In totale si è trattato della 204esima passeggiata spaziale dedicata all'assemblaggio della stazione, per un totale arrivato a 1.271 ore e 36 minuti, pari a 53 giorni.

iss exp53 evausa45 vandehei 2

Vande Hei alle prese con la lubrificazione del LEE-A, durante la EVA del 10 ottobre.
Crediti: NASA

La terza attività extraveicolare prevista per ottobre, e fissata per il 18, è stata rinviata di due giorni dopo la scoperta che una delle telecamere piazzate sul braccio, installata durante la prima EVA del 5 ottobre, non andava correttamente a fuoco. Quella telecamera serve per avere la visuale soggettiva del braccio robotico durante la fase di cattura dei veicoli cargo in arrivo o per la movimentazione dei componenti ed è quindi di primaria importanza. Questa terza EVA ha visto sempre protagonista il Comandante Bresnik ma stavolta aiutato dall'Ingegnere di Volo Acaba, alla sua terza uscita nello spazio. La passeggiata spaziale è iniziata ufficialmente alle 7:47 a.m. EDT (le 13:47 italiane) ed Acaba per prima cosa, ancorato alla parte terminale del braccio robotico, ha installato una nuova telecamera ad alta definizione sul lato destro del traliccio della ISS. Mentre Acaba sistemava il braccio per l'installazione della telecamera, Bresnik sostituiva un fusibile della piattaforma di carico del braccio robotico e poi, per sicurezza, sostitutiva una cinghia, dopo che è stata notata una cucitura allentata su una delle fettucce ridondanti che assicurano Acaba alla stazione.

iss exp53 evausa46 acaba prep

Joe Acaba nel modulo Quest, accanto alle due tute spaziali pronte per la terza EVA del 20 ottobre.
Crediti: NASA

Dopo aver sostituito il cavo, Bresnik rimuoveva l'isolante da una centralina elettrica di riserva, conosciuta come MBSU (main bus switching unit) ed anche da un altro componente, conosciuto come DCSU (direct current switching unit). L'aver rimosso l'isolamento permetterà al braccio robotico di poter agguantare le unità, in caso di guasto, e sostituirle, se necessario. Dopo aver installato una nuova telecamera ad Alta Definizione, Acaba è sceso dal braccio, si è ancorato per i piedi al traliccio principale ed ha rimosso la telecamera che si trova sulla parte terminale di aggancio del Canadarm2, conosciuta come LEE. Dopo aver rimosso la telecamera degradata, Acaba ne ha installato una nuova e gli ingegneri hanno acceso il braccio e testato che la telecamera funzionava come previsto. Acaba ha poi utilizzato la pistola per lubrificare il meccanismo di aggancio del braccio, un lavoro iniziato durante la prima passeggiata del 5 ottobre. Verso la fine del lavoro i controllori di terra hanno notato che una maniglia del jetpack di emergenza di Acaba si era aperta. Il jetpack, alimentato ad azoto ed indossato come uno zaino dagli astronauti NASA all'esterno delle navi spaziali, permette di ritornare verso la stazione nel malaugurato caso che il cavo di sicurezza che li tiene ancorati alla ISS si spezzi o si sganci. Terminato anche questo compito, i due astronauti sono rientrati nel modulo Quest completando la U.S. EVA-46, della durata di sei ore e 49 minuti.

iss exp53 evausa46 bresnik acaba

Bresnik e Acaba durante la terza ed ultima EVA del 20 ottobre.
Crediti: NASA/TV

Bresnik è stata la quinta passeggiata spaziale della carriera mentre per Acaba la terza. In totale si è trattato della 205esima attività extraveicolare dedicata all'assemblaggio e manutenzione della ISS fin dall'inizio della sua costruzione nel 1998. 124 astronauti e cosmonauti, in rappresentanza di 10 nazioni hanno portato il totale del tempo EVA a 1.278 ore e 25 minuti, o 53,3 giorni.

Fra la seconda e la terza EVA, il 16 ottobre, sulla ISS era anche arrivato il nuovo veicolo cargo russo Progress MS-07, il cui lancio era originariamente previsto per giovedì 12 ottobre. Ma in quell'occasione un'insolito problema riscontrato poco prima del decollo aveva costretto i controllori russi a rinviarlo di 48 ore. Però il ritardo nel decollo, avvenuto poi regolarmente sabato 14, aveva costretto a rimandare il previsto volo inaugurale della durata di appena due ore verso la ISS, tornando ai classici due giorni di viaggio verso l'avamposto orbitale. A bordo del Progress 880 kg di propellente, 23 kg di ossigeno, 24 kg di aria, 420 kg di acqua e 1.350 kg di materiali, cibo, vestiario ed esperimenti per i sei membri dell'equipaggio di Spedizione 53. Il veicolo rimarrà attraccato alla ISS fino a marzo, quando, carico di rifiuti o materiali non più necessari, verrà fatto bruciare al rientro nell'atmosfera terrestre. Il resto dell'equipaggio, composto dai cosmonauti russi Sergey Ryazansky ed Alexander Misurkin e dall'astronauta italiano dell'ESA Paolo Nespoli, proseguono gli esperimenti scientifici e la manutenzione ordinaria dell'avamposto spaziale.

 

Fonti:
NASA:
https://blogs.nasa.gov/spacestation
Spaceflight Now: https://spaceflightnow.com/2017/10/05/spacewalk-concludes-with-successful-robot-arm-repair/ -https://spaceflightnow.com/2017/10/10/astronauts-stage-second-spacewalk-in-five-days/ - https://spaceflightnow.com/2017/10/20/eva-46/
Space.com: https://www.space.com/38523-spacewalking-astronauts-install-new-cameras.html

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi gli uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino mia moglie al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 ho realizzato e curo il sito Astronautica.us che, spero, possa essere sempre aggiornato e rigoroso nelle informazioni. Sono stato uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention  ‘Astronauticon’, che hanno visto anche la presenza di ospiti illustri del capo astronautico. La scelta del sito web è stata 'obbligata' visto il deserto di notizie in cui versava all’epoca l'astronautica nel Paese, il nostro, fra i primi al mondo in questo settore che considero vitale per l’umanità.

Sito web: www.astronautica.us
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 23 Novembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.