Scritto: Giovedì, 17 Agosto 2017 05:23 Ultima modifica: Giovedì, 17 Agosto 2017 09:28

I CubeSat CUVE in missione su Venere


Il Goddard Space Flight Center della NASA ha ricevuto i finanziamenti per promuovere una missione CubeSat su Venere. Lo scopo è quello di scoprire quale elemento assorbe la radiazione ultravioletta nello strato superiore delle nuvole del pianeta.

Rate this item
(0 votes)
Un'immagine di Venere in ultravioletto in cui il pianeta sfoggia la curiosa texture di strisce scure. La foto è stata scattata dalla sonda Pioneer-Venus Orbiter nel 1979. Un'immagine di Venere in ultravioletto in cui il pianeta sfoggia la curiosa texture di strisce scure. La foto è stata scattata dalla sonda Pioneer-Venus Orbiter nel 1979. Crediti: NASA

Si chiamerà CubeSat UV Experiment (CUVE) ed utilizzerà strumenti sensibili all'ultravioletto, compresa una telecamera miniaturizzata ed uno spettrometro che lavorerà tra i 190 e i 570 nanometri (cioè dall'ultravioletto al visibile).
Il sistema di imaging vero e proprio sarà costituito da un telescopio con specchio di nanotubi di carbonio in resina epossidica.
L'innovativa ottica, oltre ad essere leggera ed altamente stabile, è relativamente facile da realizzare perché non richiede il costoso processo di lucidatura, normalmente utilizzato per rendere la superficie degli specchi perfettamente liscia e sagomata.

Definita "gemello della Terra" per dimensione e massa, Venere è in realtà molto diversa dal nostro pianeta: ruota lentamente con moto retrogrado (in senso orario) e la sua spessa atmosfera, costituita prevalentemente da anidride carbonica con nuvole di acido solforico, innesca il terribile effetto serra che la rende il mondo più caldo del nostro Sistema Solare, con temperature superficiali abbastanza alte da sciogliere il piombo.

Finora sono state inviate diverse missioni su Venere ma il meccanismo che regola la risposta atmosferica alla radiazione ultravioletta ancora non è chiaro.

Le osservazioni passate mostrano che la metà dell'energia solare è assorbita nell'ultravioletto da uno strato superiore di nuvole di acido solforico: questa caratteristica trasforma il volto del pianeta nelle immagini UV, con bande scure e luminose. Le altre lunghezze d'onda, invece, vengono sparpagliate o riflesse nello spazio, rendendo Venere simile ad una sfera omogenea bianco-giallastra nella luce visibile.
Si pensa che i processi convettivi attingano l'assorbitore UV dal profondo dell'atmosfera, trasportando la sostanza sulla superficie delle nuvole dove, poi, viene dispersa dai venti creando caratteristiche texture.
"Dal momento che l'assorbimento massimo dell'energia solare da parte di Venere si verifica nella radiazione ultravioletta, determinare la natura, la concentrazione e la distribuzione dell'elemento sconosciuto è fondamentale", ha detto nel report Valeria Cottini, ricercatrice principale del programma "Questa è una missione altamente focalizzata, perfetta per un'applicazione CubeSat".

Secondo i piani, CUVE impiegherà un anno e mezzo per raggiungere Venere e, una volta in orbita, raccoglierà dati per sei mesi.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1790 times Ultima modifica Giovedì, 17 Agosto 2017 09:28
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento:20 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/10 - Sol 674] - Meteor...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 17 ottobre [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 17 ottobre [Last updat...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista