Scritto: Venerdì, 21 Aprile 2017 10:39 Ultima modifica: Domenica, 23 Aprile 2017 17:20

Spedizione 51 al completo


Con l'arrivo oggi del veterano cosmonauta russo Fyodor Yurchikhin e l'astronauta americano debuttante Jack Fischer l'equipaggio di Spedizione 51, a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è al completo, anche se con soltanto cinque membri dell'equipaggio anziché i soliti sei.

Rate this item
(0 votes)
Spedizione 51 al completo Crediti: Roscosmos

La Soyuz MS-04, con a bordo i due astronauti, è decollato con il razzo Soyuz FG dalla rampa Area 1 Pad 5 del Cosmodromo Baikonur, nel Kazakhstan, questa mattina alle 7:14 UTC (le 9:14 italiane, le 1:13 p.m. locali). Si è trattato del primo lancio abitato dell'anno. Il veicolo è entrato su un'orbita iniziale di 200 km di altezza ed inclinazione di 51,6°. Dopo soltanto sei ore di viaggio, utilizzando per la prima volta, sul modello Soyuz MS, il volo da quattro sole orbite, ha attraccato in automatico alla ISS alle 13:18 UTC (le 15:18 italiane). Yurchikhin e Fischer hanno così raggiunto i loro colleghi Peggy Whitson, Comandante di Spedizione 51 della NASA, Thomas Pesquet dell'ESA ed Oleg Novitskiy della Roscosmos russa.

iss exp51 soyuzms04 near iss

Crediti: NASA/ESA Thomas Pesquet

Nel tradizionale video post-attracco gli astronauti hanno potuto parlare con le loro famiglie ed amici che si trovava presso il Cosmodromo di Baikonur. La moglie di Fischer, Elizabeth, ha ringraziato il marito per la sorpresa di un mazzo di fiori che le ha regalato prima di partire per lo spazio. "Bene, ho imparato dal maestro,"ha replicato l'astronauta. "Fyodor mi ha detto che avrei dovuto fare un gesto, come regalarle dei fiori." Poi, con entusiasmo non comune, il pilota collaudatore ha descritto l'esperienza di essere lanciato nello spazio per la prima volta come "un burrito ripieno di una salsa fantastica. Ragazzi, è così meraviglioso!"
Una delle figlie adolescenti di Fischer, Sariah, ha detto al padre "Sono così fiera di te quaggiù sulla piccola vecchia Terra. E sono orgogliosa di te, del sogno che avevi fin da quando avevi sei anni, ed ai progressi che hai fatto da allora," ha proseguito. "E' veramente un'ispirazione per Bethany (la sorella minore) ed i ragazzi della nostra età e delle generazioni che verranno. Quindi grazie per questo. Spero che tu possa trascorrere degli ottimi mesi, che siano l'esperienza migliore della tua vita."
Ha aggiunto Bethany: "Ehi, Papà. Ora sei fra le stelle, così puoi provare ad ognuno che se credi nel tuo sogno puoi far si che si avveri. Grazie. Ti Amo."

iss exp51 soyuzms04 crew greeting


Questo è il primo lancio di un veicolo abitato Soyuz con solo due passeggeri fin dal 2003. La Russia ha infatti tagliato il normale equipaggio da tre cosmonauti a due in questa missione per motivi di risparmio. Del carico ha sostituito il membro dell'equipaggio mancante. Saranno necessari così un numero minore di missioni cargo Progress in supporto al ridotto equipaggio Roscosmos. Yurchikhin e Fischer rimarranno in orbita per 135 giorni, tornando sulla Terra il 3 settembre. Assieme a loro vi sarà la Whitson, la cui missione è stata recentemente prolungata. I due colleghi di Whitson, Novitskiy e Pesquet, invece, torneranno sulla Terra, come previsto il 2 giugno a chiusura di una permanenza di 196 giorni nello spazio. L'estensione della missione di Whitson assicura la presenza di due astronauti USA a bordo della stazione quest'estate invece che del solo Fischer, mantenendo quindi la ricerca americana a bordo in piena funzione. Inoltre questo permette di essere pronti nel caso si rendesse necessaria una passeggiata spaziale urgente per problemi al segmento USA della stazione. 

Yurchikhin e Fischer avranno una permanenza piena di impegni. Sabato, il veicolo cargo Cygnus della Orbital ATK lanciato martedì arriverà per essere ormeggiato al boccaporto che guarda la Terra del modulo Unity. Lunedì, il Presidente Trump e la figlia Ivanka chiameranno la stazione per una video conferenza con Whitsone Fischer per congratularsi con il comandante della staione per aver fissato un nuovo record di permanenza nello spazio. Già la più esperta astronauta in attività extraveicolare femminile, la Whitson diverrà anche la più esperta astronauta, verso le 1:27 a.m.  di lunedì (le 19:27 italiane) superando il precedente record di tempo cumulativo in orbita di un americano con 534 giorni, 2 ore e 48 minuti.

iss exp51 soyuzms04 crew family

Crediti: NASA TV

Quando tornerà sulla Terra, assieme ad Yurchikhin e Fischer il 3 settembre, avrà trascorso un totale di 666 giorni nello spazio nel corso di tre missioni, portandosi all'ottavo posto nella classifica mondiale, un posto dietro a Yurchikhin che avrà trascorso 672 giorni nel corso di cinque missioni. Il 12 maggio Whitson e Fischer prevedono di compiere una passeggiata spaziale, originariamente fissata agli inizi dell'anno. Durante le sei ore e mezza trascorse fuori dal complesso orbitale, sostituiranno un computer esterno, installeranno una telecamera ad alta risoluzione sul traliccio principale, agganceranno uno scudo antimeteoriti su un boccaporto di attracco ed aiuteranno gli ingegneri a risolvere un problema di raffreddamento con l'esperimento di fisica delle alte energie.

Questo è stato il primo volo del vettore R-7 con i motori sostituiti fin da quando uno stadio superiore dotato di motore RD-0110 del Soyuz-U aveva sofferto un guasto alla turbopompa il primo dicembre 2016 mentre tentava di piazzare in orbita il Progress MS-04. Le indagini su quell'incidente avevano scoperto dei difetti e leghe utilizzate non corrispondenti in altri motori dello stesso lotto di produzione. I risultati delle indagini avevano costretto alla sostituzione di tutti i motori di quel lotto.

Questo di oggi è stato il 22esimo lancio orbitale globale dell'anno, il 21esimo a concludersi con successo.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1197 times Ultima modifica Domenica, 23 Aprile 2017 17:20
Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

 Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 16/9 - Sol 641] - Meteoro...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Settembre [Last upd...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 Settembre [Last upd...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista