Scritto: Domenica, 06 Novembre 2016 11:29 Ultima modifica: Domenica, 06 Novembre 2016 12:27

Venere: le ultime novità da Akatsuki


Gli scienziati della missione giapponese Akatsuki hanno presentato gli ultimi risultati all'American Astronomical Society’s Division for Planetary Sciences che si è tenuta a Pasadena (California) a metà ottobre.

Rate this item
(0 votes)
Venere: le ultime novità da Akatsuki Crediti: Akihiro Ikeshita/Jaxa

Oltre alle proibitive temperature superficiali, su Venere i venti soffiano a centinaia di chilometri orari anche se il pianeta gira molto lentamente: una rotazione ogni 243 giorni terrestri con moto retrogrado (cioè, nel senso contrario rispetto alla Terra ed ai pianeti del Sistema Solare). Tuttavia, la sua atmosfera invece di ruotare alla stessa velocità del pianeta è molto più veloce, generando quel fenomeno che viene chiamato super-rotazione.
"Noi non sappiamo cosa manca nella comprensione della meteorologia", ha detto Masato Nakamura, project manager della missione, in accordo con l'articolo di Kenneth Chang pubblicato su nytimes.com. "Se sapessimo che cosa genera tale super-rotazione, avremo una comprensione più profonda delle dinamiche atmosferiche, non solo su Venere, ma anche sul clima della Terra".

Dopo essere stata studiata dalla sonda Magellano della NASA e, ancor di più, da Venus Express dell'ESA, ora è la volta di Akatsuki che dopo varie peripezie, il 7 dicembre 2015 è entrata in orbita attorna attorno al pianeta.
Takehiko Satoh, uno degli scienziati della missione, ha detto che "uno dei risultati più emozionanti e sorprendenti" è arrivato immediatamente dopo.

LIR: venatura bianca a forma di arco - Crediti: ISAS/JAXALa fotocamera ad infrarossi LIR (Longwave Infrared Camera) ha scoperto una vena bianca a forma di arco, estesa per circa 10.000 chilometri dal polo nord al polo sud.
Curiosamente, questa caratteristica atmosferica gigante non si muove con l'atmosfera ma "sembra essere fissata al suolo", ha detto Satoh. Si trova sopra Aphrodite Terra, una regione grande quanto l'Africa, fatta di altipiani che raggiungono anche quote di 5 chilometri.
Interessante è che gli scienziati che lavorano sui dati di Venus Express hanno registrato un risultato simile.
Una possibile spiegazione è che i venti che soffiano in questa zona interagiscano con la topografia, spingendo e bloccando le nuvole in alto.

Per quanto riguarda la super-rotazione, Satoh ha dichiarato che al momento esistono due idee principali: la prima è che l'energia proveniente dal Sole accelera il vento, la seconda è che atmosfera è così spessa da rallentare gradualmente la rotazione del pianeta ma forse le risposte arriveranno solo continuando ad analizzare i dati.

Per ora, l'obiettivo di Akatsuki è quello di continuare ad operare almeno fino ad aprile 2018, o forse più, a seconda del carburante ancora disponibile.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2106 volta/e Ultima modifica Domenica, 06 Novembre 2016 12:27
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista