Scritto: Domenica, 14 Agosto 2016 07:52 Ultima modifica: Domenica, 14 Agosto 2016 09:10

Prospector-1: la prima missione mineraria interplanetaria


Prospector-1 sarà la prima sonda mineraria commerciale interplanetaria del mondo.
Progetto della Deep Space Industries (DSI), una compagnia americana nel settore dell'industria mineraria spaziale co-finanziata dal fondatore di Google Larry Page, si incontrerà con un asteroide vicino alla Terra per valutare l'oggetto come fonte di risorse.

Rate this item
(0 votes)
Prospector-1: la prima missione mineraria interplanetaria Crediti: Deep Space Industries

Recentemente l'azienda e il suo partner e sostenitore, il governo del Lussemburgo, hanno annunciato la missione sperimentale Prospector-X prevista per il 2017, una navicella che volerà nella bassa orbita terrestre per mettere alla prova le tecnologie chiave.
Il piccolo stato europeo aveva anche riferito circa l'imminente elaborazione di una legge per facilitare l'estrazione di metalli preziosi, minerali rari e altre materie prime dagli asteroidi: "Sarà garantito agli operatori il diritto sulle risorse raccolte nello spazio esterno in conformità con il diritto internazionale", aveva detto il ministero. L'obiettivo sono i NEO (Near Earth Object) di tipo C.
La legge, che dovrebbe entrare in vigore anch'essa nel 2017, sarà solo a livello nazionale ma verrà estesa alle società estere che hanno scelto il Granducato per stabilire la loro sede.

"Deep Space Industries ha lavorato diligentemente per arrivare a questo punto ed ora possiamo dire con certezza di avere la tecnologia giusta, la squadra giusta ed il piano giusto per eseguire questa missione storica", ha detto Rick Tumlinson, presidente del consiglio e co-fondatore della compagnia. "Sulla base della nostra missione Prospector-X, Prospector-1 sarà il nostro prossimo passo".

Prospector-1 sarà un piccolo veicolo spaziale da 50 chilogrammi compreso il carburante; utilizzerà un sistema di propulsione ad acqua che espelle il vapore acqueo surriscaldato per generare spinta. L'acqua sarà proprio il primo prodotto dell'industria mineraria spaziale e come tale verrà utilizzata come propellente e garantirà il rifornimento direttamente durante le missioni.

"Con il prossimo decennio inizieremo la raccolta delle risorse spaziali dagli asteroidi", ha affermato Daniel Faber, CEO della Deep Space Industries.

Il target ancora non è stato selezionato.
Una volta giunta a destinazione, Prospector-1 mapperà la superficie ed il sottosuolo almeno fino ad un metro di profondità. Terminata poi la campagna osservativa, tenterà l'atterraggio.

"Prospector-1 non è solo la prima missione interplanetaria commerciale, è anche una pietra miliare nella nostra ricerca di aprire una nuova frontiera", ha dichiarato Tumlinson. "Imparando a vivere dalla terra nello spazio, la Deep Space Industries sta inaugurando una nuova era di espansione economica illimitata".

I piani della DSI prendono forma mentre la compagnia privata, la Moon Express, fondata dal magnate indiano Naveen Jain, ha raggiunto un altro importante traguardo, ottenendo il permesso dal governo degli Stati Uniti di atterrare sulla Luna.
La missione sarà la prima spedizione privata a sbarcare sul nostro satellite nel 2017, con il lancio del lander MX-1 a bordo del razzo Rocket Lab Electron della Rocket Lab. Oltre a testare le tecnologie necessarie per le imprese future, Moon Express raccoglierà campioni nell'ottica di uno sfruttamento minerario della Luna.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1546 volta/e Ultima modifica Domenica, 14 Agosto 2016 09:10
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link leopoldo Sabato, 20 Agosto 2016 12:18 posted by leopoldo

    tenendo presente che una risorsa, sopra tutto quelle minerarie, hanno valore quando entrano nel circuito economico, il quale prevalentemente si svolge attualmente sulla terra e nelle futuro decadi continurà così. Che fine avranno queste risorse minerarie? Le importeranno al suolo? Fino ad ora il capitale ha trasformato materia e mosso merci la cui massa è già presente sul sasso. Conoscendo la capacità della avidita umana, non si corre un rischio di entropia della massa?-:-))

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista