Scritto: Sabato, 02 Luglio 2016 17:12 Ultima modifica: Sabato, 02 Luglio 2016 20:30

La Cina prepara la sua Stazione Spaziale


La Cina sta per lanciare la sua stazione spaziale ma non sarà una vera e propria rivale della ISS (Stazione Spaziale Internazionale) perché gli Stati Uniti e probabilmente altri stati, potranno condurvi esperimenti ed inviare astronauti.

Rate this item
(0 votes)

Anche se la Cina ha sempre mostrato interesse verso la ISS e la sua partecipazione è stata invece ostacolata dagli Stati Uniti, sembra che da parte sua non disdegni una collaborazione internazionale, firmando accordi con l'Office for Outer Space Affairs (UNOOSA) delle Nazione Unite, l’ESA e l'agenzia russa Roscosmos.

La stazione spaziale cinese sarà composta da un modulo centrale e da due moduli laterali che serviranno come laboratori.

Il razzo Long March-7, un potente vettore progettato per la futura manutenzione della nuova casa orbitante, è decollato per la prima volta sabato 25 giugno da un nuovo sito di lancio a Wenchang nel sud della Cina. In accordo con il comunicato, il razzo ha portato con sé una serie di satellite ed un modello in scala della capsula per l'equipaggio che è rimasta in orbita per 20 ore prima di tornare a Terra ed atterrare con paracadute nel deserto Badain Jaran in Mongolia.

Gli astronauti cinesi attualmente utilizzano lo Shenzhou per le loro missioni, una copia della Soyuz russa. Ma il nuovo veicolo sarà in grado di trasportare equipaggi più grandi, di andare nell'orbita terrestre, sulla Luna ed oltre.

La Cina prevede di lanciare un modulo sperimentale entro la fine dell'anno, probabilmente a settembre, prima di iniziare la costruzione di una stazione spaziale in piena regola nel 2018 con il lancio del corpo centrale della Tiangong-2 (*). La stazione dovrebbe essere operativo entro il 2020 - 2022 e rimarrà tale per una decina di anni con un equipaggio permanete di tre astronauti che si alterneranno ogni sei mesi.

 

* Dopo essere stato in orbita 1.630 giorni, aver portato avanti esperimenti ed aver testato con successo gli agganci con tre Shenzhou, il Tiangong-1 ("Palazzo Celeste"), da 8,5 tonnellate, ha terminato la sua missione e rientrerà in atmosfera. Quando e dove è tema di dibattito ma alcune stime parlano addirittura di fine 2017.
Mentre i funzionari cinesi assicurano che è tutto programmato e stanno conducendo un rientro controllato, ci sono speculazioni secondo cui la Cina avrebbe perso i contatti con il modulo.

Qui sotto, un grafico della luminosità e uno stack di frame tratti da un video di Thomas Dorman del 25 giugno 2016, i quali dimostrerebbero che la Tiangong-1 è in rotazione e fuori controllo. Sotto, una ripresa del modulo del 28 giugno di @LoVecchio68

Tiangong 1 

Crediti: Thomas Dorman

Tiangong 1

Crediti @LoVecchio68

Altre informazioni su questo articolo

Read 1776 times Ultima modifica Sabato, 02 Luglio 2016 20:30
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS