Scritto: Lunedì, 20 Giugno 2016 07:09 Ultima modifica: Mercoledì, 14 Settembre 2016 08:31

Gaia: il "grande calcolo" procede


Vediamo come procede la complessa elaborazione della enorme mole di dati, in vista della pubblicazione del primo catalogo astrometrico tra pochi mesi. Intanto si festeggia un compleanno...

Rate this item
(0 votes)
Una porzione di cielo esplorata da Gaia e visualizzata dal software IDT descritto nell'articolo (il riquadro è ingrandito in fondo all'articolo) Una porzione di cielo esplorata da Gaia e visualizzata dal software IDT descritto nell'articolo (il riquadro è ingrandito in fondo all'articolo) Credits: ESA/Gaia/DPAC/UB/IEEC - processing: M. Di Lorenzo (DILO)

 Il 9 giugno, a quasi due anni dall'inizio delle operazioni nominali di Gaia e a 10 anni dalla fondazione del consorzio DPAC (che si occupa dell'analisi dei dati inviati dal satellite astrometrico europeo), il sistema di trattamento iniziale dei dati (IDT) ha terminato la sua 1000° iterazione. Si tratta di una notevole pietra miliare per questo sistema critico responsabile del trattamento quotidiano dei dati Gaia.

 Il software IDT viene eseguito su qualcosa come 28 nodi di calcolo presso il Science Operations Centre Gaia (SOC, a ESAC, nei pressi di Madrid), che riceve i dati grezzi dal veicolo spaziale attraverso il Centro Operativo della Missione ed elabora i dati di scentifici e telemetrici necessari a ricavare misure astrometriche, fotometriche e spettroscopiche utili. Inoltre, fa ricorso a complessi algoritmi per determinare "i dati intermedi" sul veicolo (orientamento fine, variazioni dell' "angolo di base", ecc) ed effettuare una prima identificazione di oggetti in riferimento ai cataloghi esistenti.

 Questi algoritmi richiedono diverse calibrazioni strumentali, determinate da IDT stesso o da altri sistemi a disposizione del DPAC. Tutto ciò deve avvenire in tempo reale, su base giornaliera e durante tutta la missione, per una prima diagnostica e calibrazione. Il trattamento iniziale dei dati è organizzato in "iterazioni" (runs), che consentono di gestire ed eleaborare una serie di misure nel corso di un determinato intervallo di tempo. In genere, IDT fa una iterazione ogni circa 23 ore di osservazione poichè questo permette di accumulare dati sufficienti per ottenere un output auto-consistente ed eseguire una diagnostica rappresentativa; durante i primi mesi della missione, le iterazioni erano più brevi per accelerare la diagnosi e valutare la salute del satellite e dei sistemi di elaborazione dati a terra. IDT effettua le sue diagnosi, generando oltre 9000 grafici e le statistiche ogni giorno per determinare la qualità e le tendenze dei dati; questo consente di rilevare eventuali incongruenze o difficoltà prima che possano diventare un vero problema (sia a bordo che a terra).

20160609a enhanced hi

La schermata principale IDT nel momento in cui la millesima iterazione si è conclusa - Credits: ESA/Gaia/DPAC/UB/IEEC

 Un modo per identificare le misure di Gaia è quello basato sul momento di acquisizione, espresso in 'rivoluzioni di missione' (rotazioni di Gaia attorno al suo asse di rotazione). I quattro grafici principali della figura qui sopra illustrano il tempo di missione (assi verticali) dei diversi tipi di dati ricevuti o trasformati in un dato istante dell'orologio (assi orizzontali). Qui IDT si stava riprendendo da un downtime per eseguire alcune operazioni di manutenzione, raggiungendo in breve tempo di nuovo la 'linea in tempo reale' (la linea tratteggiata diagonale su ogni plot). Le linee verticali tratteggiate indicano le iterazioni concluse.

runswat

La strisciata di cielo esplorata durante una singola iterazione (coordinate equatoriali); la porzione in basso a sinistra è ingrandita nell'immagine d'apertura - Credits: ESA/Gaia/DPAC/UB/IEEC

 Per illustrare il carico di lavoro quotidiano e l'accuratezza del sistema IDT la figura qui sopra mostra che, nella regione di cielo coperta (evidenziata in grigio) nell'arco di 24 ore Gaia ha riconosciuto "solo" 43 milioni di oggetti (in alcuni giorni si può andare oltre un centinaio di milioni di oggetti). Le coordinate celesti sono quelle determinate da IDT in tempo reale e sono già molto accurate (entro 0,1 secondi d'arco). L'immagine completa della strisciata contiene ben 603 megapixel e ne forniamo una porzione in scala ridotta come immagine di apertura, insieme ad un dettaglio ingrandito qui sotto nella scala originale. Quando si ingrandisce, si intravedono le "strisce" scura al bordo di diverse scansioni di Gaia mentre ruota (una rivoluzione ogni 6 ore). Se ingrandiamo ulteriormente, come è stato fatto nella porzione sottostante, si vedono finalmente le singole stelle identificate da Gaia anche in zone affollate come il centro di due ammassi globulari. Si tenga presente che Gaia normalmente NON trasmette a terra immagini del cielo ma solo le informazioni e le micro-immagini relative ai singoli oggetti stellari che entrano nel suo campo visivo!

runenlargement

Ulteriore ingrandimento sulla porzione precedente, sono visibili i due ammassi globulari NGC 1831 e NGC 1866; a destra in alto un ulteriore ingrandimento su uno di essi - Credits: ESA/Gaia/DPAC/UB/IEEC - processing: M. Di Lorenzo (DILO)

 

Fonte: http://www.cosmos.esa.int/web/gaia/iow_20160610

 

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2457 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 14 Settembre 2016 08:31
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 27/01/21). Le manovre della so...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista