Scritto: Lunedì, 13 Giugno 2016 06:59 Ultima modifica: Martedì, 14 Giugno 2016 15:58

Elon Musk e i viaggi su Marte


Elon Musk, il fondatore miliardario e CEO della compagnia aerospaziale privata SpaceX, dopo aver recentemente affermato di voler inviare essere umani su Marte nel 2024, ha ora anticipato qualche dettaglio sui primi voli senza equipaggio, propedeutici per la futura colonizzazione.

Rate this item
(0 votes)
Elon Musk e i viaggi su Marte Crediti: SpaceX

Terminati i voli di rifornimento per la Stazione Spaziale (ISS), la SpaceX proseguirà la collaborazione con la NASA per un viaggio della Dragon verso il Pianeta Rosso nel 2018 ma non è ancora chiaro se l'Agenzia Spaziale Statunitense sia coinvolta anche nei piani di colonizzazione di Musk, i quali verrebbero attuati con largo anticipo rispetto al programma stesso della NASA che per ora indica come data tutt'altro che definitiva il 2030.

Ad accompagnare i pionieristici coloni, una grande quantità di strumenti consentirebbe la produzione di fertilizzanti, di metano ed ossigeno direttamente sfruttando le risorse atmosferiche e sotterranee del pianeta. Nel frattempo, delle grandi cupole trasparenti consentirebbero la coltivazione di colture terrestri su suolo marziano. Una volta diventato autosufficiente, il primo nucleo di esploratori potrebbe essere ampliato.
Il viaggio storico non verrà però affidato alla Dragon ma forse al Mars Colonial Transporter (MCT), un grande razzo riutilizzabile, evoluzione del Falcon 9, con capsula per il trasporto di esseri umani di cui ancora si sa molto poco. Il biglietto costerebbe circa 500.000 dollari ma secondo le stime di Musk, degli 8 miliardi di persone che popoleranno la Terra solo 1 su 100.000 sarebbe disposto a partire per un potenziale equipaggio complessivo di 80.000 migranti.

Nel frattempo, però, mentre la colonizzazione richiede ancora molti punti da definire e svelare, l'imprenditore ha annunciato alcuni dettagli sui voli senza equipaggio in un'intervista sul The Washington Post.

Il viaggio sarà sicuramente "duro, rischioso, pericoloso e difficile" ha detto Musk che è comunque fiducioso che ci saranno molte persone disposte a partire spinte da quello stesso spirito pionieristico che guidò le prime colonie inglesi. Ma prima che ciò avvenga, sarà necessario trovare un modo per inviare con successo cargo di forniture sul Pianeta Rosso. Con i primi lanci in programma per il 2020, questi rifornimenti saranno puntuali come un "treno merci" in partenza ogni 26 mesi, quando le orbite della Terra e di Marte saranno più vicine. "Se gli scienziati di tutto il mondo sapranno che possono contare su questo potranno pianificare molti esperimenti", ha aggiunto Musk.

Altri dettagli verranno forniti nel mese di settembre.
Per riuscire nell'impresa, però "ci vorrà fortuna e che le cose vadano secondo i piani".
"La prima missione [MCT] non trasporterebbe comunque un gran numero di persone perché se qualcosa andasse storto vogliamo rischiare il minor numero di vite possibile".
"Ma voglio sottolineare che non si tratta di un paio di missioni su Marte", ha continuato. "Si tratta di studiare un'architettura che consenta di avere una città autosufficiente con l'obiettivo di trasformare il genere umano in una specie multi planetaria, una vera e propria civiltà spaziale".

Letto: 1449 volta/e Ultima modifica Martedì, 14 Giugno 2016 15:58
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

4 commenti

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Venerdì, 17 Giugno 2016 18:02 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Leopoldo, bellissima trasmissione che peraltro non conoscevo (ovviamente va in onda alle 5 di mattina!).
    Si, la delusione c'è stata ma era inevitabile, la vita si è sviluppata sulla Terra e, soprattutto gli organismi più complessi come noi, sono fragilissimi e fortemente specializzati, adatti solo a questo ambiente particolare!
    Questo, se ci pensiamo bene, è stato il vero ostacolo alla espansione dell'uomo nello spazio... le varie motivazioni economiche, politiche o di rischio eccessivo sono conseguenza della nostra difficoltà di adattamento ad ambienti e situazioni davvero estreme, nonostante il supporto della tecnologia!

  • Comment Link leopoldo Venerdì, 17 Giugno 2016 16:06 posted by leopoldo

    mi riferisco, che la luna marte, ecc.. in prossimita del sasso dove siamo non sono abitabili liberamente come siamo abituati a fare. Perciò una esistenza umana anche limitata è sorgente di grandi difficoltà e richieste di alta ingegneria e robotica a supporto umano.

    CMQ diversi autori si sono espresi sull'argomento un dibattito rimane al margine ed eluso un po' da chiunque..
    qui una sintesi:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-9a1790d5-32a6-404d-8a79-d45aca304d2c.html

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Mercoledì, 15 Giugno 2016 15:37 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Leopoldo, a cosa ti riferisci esattamente?

  • Comment Link leopoldo Martedì, 14 Giugno 2016 16:34 posted by leopoldo

    non è che siamo di fronte alla nuova delusione della luna?

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista