Scritto: Martedì, 20 Novembre 2012 06:47 Ultima modifica: Sabato, 02 Gennaio 2016 10:00

LADEE, la sonda che studierà i segreti dell'atmosfera della Luna


Mentre si discute sulle future missioni umane, un orbiter della NASA raccoglierà informazioni dettagliate sull’atmosfera del nostro satellite, nel corso del prossimo anno.

Rate this item
(0 votes)

Orizzonte lunare NASA Surveyor 7

Orizzonte lunare NASA Surveyor 7, 1968
Credit: NASA

Mentre si discute sulle future missioni umane, un orbiter della NASA raccoglierà informazioni dettagliate sull’atmosfera del nostro satellite, nel corso del prossimo anno.

Il Lunar Atmosphere and Dust Environment Explorer (LADEE) partirà alla volta della Luna ad agosto 2013, con il vettore Minotaur-V.

Il suo scopo sarà quello di analizzare la debole atmosfera lunare, la polvere di regolite in sospensione e verificare la sua iterazione con le particelle cariche provenienti dal Sole.
Nel dettaglio i suoi obiettivi saranno:
1) determinare la densità globale,la composizione e il tempo di variazione dell'atmosfera lunare, prima che venga modificata dall'attività umana
2) determinare la dimensione, la carica e la distribuzione dei grani di polvere e valutarne possibili effetti
Ulteriori indagini riguardano gli avvistamenti dei bagliori da parte degli astronauti delle missione Apollo.

L'orbiter avrà a bordo uno spettrometro di massa neutra, uno spettrometro ultravioletto / visibile e un rivelatore di polvere.
La massa totale carico scientifico sarà inferiore a 20 kg, con un'alimentazione normale tra i 60 W e i 100 W massimo.
LADEE ospiterà anche una dimostrazione tecnologica: il Lunar laser Communication Demonstration.
L'orbiter avrà una massa totale di circa 130 kg.

Dal 1960 si hanno diverse immagini che mostrano un bagliore crepuscolare persistente sull’orizzonte della Luna, dopo il tramonto. Inoltre, gli astronauti in orbita intorno al nostro satellite e dalla sua superficie, hanno visto dei raggi crepuscolari che avrebbe potuto essere luce diffusa dalle polveri elettricamente cariche, prima dell’alba o dopo il tramonto.
Alcuni scienziati hanno avanzato l’ipotesi che, anche i fenomeni transitori lunari osservati da Terra possano derivare dalla luce del Sole combinata con le polveri in sospensione.

Harrison "Jack" Schmitt, che camminò sul suolo lunare nel 1972, con l’ultima missione Apollo 17, afferma che non si stupirebbe affatto se LADEE non trovasse alcuna polvere nell’atmosfera della Luna perchè potrebbero essere i gas responsabili dei fenomeni osservati all’orizzonte.
Dalla sua testimonianza emerge infatti che le rocce sul suolo lunare sono essenzialmente pulite e prive di polveri: egli ritiene quindi che se queste particelle si staccano davvero dalla superficie, allora lasciano definitivamente la Luna. Schmitt sottolinea infatti che se la polvere semplicemente levitasse dal suolo allora si dovrebbe verderla scendere di nuovo.

LADEE, costruito presso l’Ames Research Center a Mountain View, in California, indagherà proprio su questi misteri.

Altre informazioni su questo articolo

Read 22817 times Ultima modifica Sabato, 02 Gennaio 2016 10:00
Marco Faccin

Principale image editor su https://www.flickr.com/photos/lunexit/ che condivido con Elisabetta Bonora.
Collaboratore su Alive Universe Images.
Sono un grande osservatore e un abile tecnico, affascinano dagli argomenti di cui l'uomo conosce ancora molto poco, come l'Universo. Da molti anni mi dedico, per hobby, ad analizzare il materiale messo a disposizione dalle Agenzie Spaziali Internazionali. Immagini, audio, video, non importa, io cerco di tirar fuori sempre il meglio da ogni sequenza di bit!

https://www.flickr.com/photos/lunexit/ | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 26 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Maggio [Last update: 05/26/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Maggio [Last update: 05/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 26/5/20 - Sol 532] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS