Scritto: Domenica, 29 Maggio 2016 10:30 Ultima modifica: Domenica, 29 Maggio 2016 11:50

Terzo successo della SpaceX: il primo stadio del Falcon 9 centra la nave drone


La SpaceX ce la fa ancora. Il 27 maggio, in occasione del lancio del satellite per le telecomunicazioni Thai ed il suo trasferimento in orbita geostazionaria (GTO, geostationary transfer orbit), il primo stadio del Falcon 9 è atterrato con successo 9 minuti più tardi sulla nave-drone "Of Course I Still Love You", 680 chilometri al largo delle coste della Florida nell'Oceano Atlantico.

Rate this item
(0 votes)
SpaceX: atterraggio sulla nave-drone, 27 maggio 2016. SpaceX: atterraggio sulla nave-drone, 27 maggio 2016.

Il lancio è avvenuto dallo Space Launch Complex 40 della Cape Canaveral Air Force Station, in Florida, alle 21:40 GMT.
Dopo 2,5 minuti i due stadi del razzo si sono separati ed il primo ha iniziato le accensioni per tornare sulla Terra.

SpaceX lancio 27 maggio 2016

Crediti: SpaceX

Questa volta il successo non era affatto a portata di mano: l'orbita geostazionaria è piuttosto lontano dalla Terra ed il rientro del Falcon 9, quindi, è stato "caldo e veloce", ha commentato la SpaceX via Twitter.

"Rocket landing speed was close to design max & used up contingency crush core, hence back & forth motion. Prob ok, but some risk of tipping", ha commentato Elon Musk, CEO fondatore della SpaceX, su Twitter.

Dopo il primo atterraggio riuscito sulla terraferma a dicembre 2015, questo successo è il terzo in mare, dopo l'invio della Dragon verso la ISS del 16 aprile 2016 ed il lancio del satellite giapponese per le comunicazioni JCSAT-14 del 6 maggio. Il primo, però, era avvenuto a velocità molto più basse: il cargo, infatti, era stato spinto nella bassa orbita terrestre a circa 386 chilometri di quota, contro i 35.800 chilometri dell'orbita geostazionaria.

La SpceX non è sola compagnia a puntare ad una tecnologia riutilizzabile.
La Blue Origin, la società gestita dal fondatore di Amazon.com Jeff Bezos, ha lanciato e fatto atterrare con successo il suo razzio New Shepard dopo voli suborbitali, per tre volte da novembre 2015 di cui l'ultima il 3 aprile di quest'anno.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2157 volta/e Ultima modifica Domenica, 29 Maggio 2016 11:50
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Claudio Costerni Domenica, 29 Maggio 2016 15:53 posted by Claudio Costerni

    La frase di Elon Musk significa:

    "la velocità di atterraggio sarà molto vicina a quella limite di progetto nella quale interviene il "crush core" per il movimento di avanti-indietro [su-giù].
    Probabilmente andrà bene, tuttavia il rischio di ribaltamento c'è"
    -----
    Nel primo stadio c'è un unità deformabile di alluminio (il crush core) con una struttura a nido d'ape ed è utilizzata per ciascun attuatore telescopico delle gambe.
    Serve ad assorbire gli urti più forti nel momento del touch down quando la velocità è eccessiva. 
    Nel progetto di riutilizzo dei primi stadi del vettore Falcon 9, questo crush core è uno degli elementi facilmente sostituibili prima del volo successivo; se il primo stadio effettua un atterraggio troppo violento il crush core, assorbendo l'energia in eccesso, si deforma ed evita danni strutturali più importanti.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista