Scritto: Giovedì, 04 Febbraio 2016 16:01 Ultima modifica: Giovedì, 04 Febbraio 2016 16:05

LISA Pathfinder rilascia i cubi di prova del LISA Technology Package (LTP)


Giunta a distinazione nel punto di Lagrange L1 del sistema Sole-Terra il 22 gennaio, la sonda dell'ESA LISA Pathfinder ha rilasciato con successo i due cubi di prova dell'esperimento LISA Technology Package (LTP). Le due masse, durante il viaggio, erano agganciate alla navicella con 16 blocchi ed ora sono quasi pronte per iniziare le operazioni scientifiche il 1 marzo.

Rate this item
(0 votes)
LISA Pathfinder rilascia i cubi di prova del LISA Technology Package (LTP) Copyright: ESA–C.Carreau

Il LTP si trova nel ventre di LISA PF.
Contiene due masse di prova, due cubi di oro e platino di 46 millimetri, che saranno messe in caduta libera nello spazio, con una precisione senza precedenti. I due cubi fluttueranno in due contenitori sottovuoto ad una distanza di 38 centimetri l'uno dall'altro; i sensori inerziali sensibili a movimenti di un milionesimo di millimetro (un nanometro) ed il sistema di micro-propulsori annulleranno l'effetto di qualsiasi forza esterna, mentre ogni altro debole movimento verrà misurato da un interferometro laser sensibile a variazioni picometriche (cioè nell'ordine di un millesimo di un milionesimo di millimetro).

LISA Pathfinder - rappresentazione della sezione scientifica con le due masse di prova e l'interferometro laser.

LISA Pathfinder - rappresentazione della sezione scientifica con le due masse di prova e l'interferometro laser.
Credit: ESA

L'ambizioso progetto fa parte del programma scientifico Cosmic Vision, dedicato alle ricerca delle onde gravitazionali, le increspature nello spazio-tempo previste dalla Teoria della Relatività di Albert Einstein oltre un secolo fa, ancora in attesa di essere dimostrate.

"Durante le settimane a Terra, durante il lancio e la fase di crociera ogni cubo era bloccato con otto fermi meccanici, uno per ogni spigolo", ha spiegato nel report César García Marirrodriga, respondabile del progetto LISA Pathfinder all'ESA.
"Oggi abbiamo lasciato la presa con successo, affidando i cubi al Grabbing, Positioning and Release Mechanism (GPRM), due elementi meccanici aggiuntivi che tengono dolcemente le facce opposte di ogni cubo".

Il rilascio delle due masse di test è una procedura cruciale per la riuscita della missione.
Una volta liberati completamente, i due cubi disteranno solo 4 millimetri dalle pareti dei rispettivi alloggiamenti e per posizionarli correttamente, il meccanismo deve rilasciarli con una precisione di circa 200 micron rispetto al centro geometrico in tutte e tre le direzioni. Inoltre, per evitare che tocchino le pareti durante la fase di sblocco, dovranno essere sganciati ad una velocità inferiore a 5 micron al secondo, pari al 18 millimetri all'ora, il che significa che impiegherebbero circa un quarto d'ora per coprire la distanza che li separa dalle pareti del contenitore.

Questa delicata operazione sta avvenendo in due fasi.
Per ora, i dispositivi di blocco sono stati rimossi contemporaneamente all'apertura di una saracinesca per pompare verso l'esterno eventuali molecole di gas residue ma ricreare un ambiente realmente vuoto attorno alle due masse di prova richiederà un paio di settimane. Il 15 febbraio verrà retratto anche il GPRM così i due cubi non saranno più in contatto fisico con la sonda e potranno fluttuare nello spazio.

"Siamo eccitati per il rilascio finale delle masse di prova perché le impercettibili forze in gioco e le velocità coinvolte non potevano essere testate sulla Terra, in presenza della gravità", ha detto Hans Rozemeijer, ingegnere del payload di LISA PF.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1448 volta/e Ultima modifica Giovedì, 04 Febbraio 2016 16:05
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista