Scritto: Lunedì, 18 Gennaio 2016 08:16 Ultima modifica: Mercoledì, 27 Gennaio 2016 07:07

SpaceX ci riprova con la missione Jason-3: lancio perfetto ma atterraggio fallito


Dopo aver fatto atterrare con successo il primo stadio di un razzo in verticale e dopo averne testato il funzionamento pochi giorni fa, la SpaceX ieri ci ha riprovato con la missione Jason-3. Questa volta la zona di atterraggio non era una sulla terra ferma a Cape Canaveral ma su una chiatta robotizzata nell'Ocenao Pacifico, come nei primi due tentativi falliti. E anche stavolta qualcosa sembra essere andato storto...

Rate this item
(0 votes)
Il Falcon-9 appena partito da Vanderberg, California Il Falcon-9 appena partito da Vanderberg, California Credit: SpaceX

 Attenzione: questo articolo è stato aggiornato a metà mattina (si veda in fondo) 

Come nei lanci precedenti, l'obiettivo primario della missione era comunque portare i orbita il carico utile, il rientro controllato del primo stadio era un obiettivo secondario o un "bonus".

23814494264 b976009ab0 o

Il Falcon-9 poco dopo il decollo di ieri - Credit: NASA/Bill Ingalls

 In questo caso, il carico utile era un satellite di telerilevamento ambientale, il Jason-3, frutto di una collaborazione internazionale e gestito dal National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA); esso contribuirà a  proseguire le misure globali sul livello degli oceani.

jason3 1024x768

il satellite Jason-3 - Credit: NASA

 Jason-3 è stato costruito da Thales Alenia in France. E' il frutto della collaborazione tra quattro agenzia (le americane NOAA e NASA, il CNES francese e Eumetsat europea); è stato immesso su un'orbita polare medio-bassa (1366 km) dalla quale effettuerà un monitoraggio estremamente preciso della topografia degli oceani, controllando l’evoluzione dei cicloni tropicali e dando un supporto per le previsioni metereologiche stagionali.

 Ieri sera (erano le 19.42 in Italia) il lancio è stato perfetto, con partenza dalla stazione di Vanderberg in California (la stessa località in cui sono atterrate molte missioni dello Shuttle). Dopo quasi un'ora dal lancio, il satellite si è separato dal secondo stadio ed ha aperto i pannelli solari lunghi 10 metri (il video del lancio può essere rivisto qui).

f10bcf3c f4d7 45e2 a083 d5a7bff2f354 640x480

La piattaforma automatizzata per l'atterraggio del primo stadio del Falcon-9. Credits: SpaceX

crs6 landing4.3

Il primo tentativo fallito di atterraggio ad Aprile - credit: Space-X

 Purtroppo, la diretta dalla piattaforma "drone" nel pacifico si è interrotta poco prima che il primo stadio del Falcon effettuasse l'atterraggio. Come si ricorderà, già nell'aprile scorso un primo tentativo su quella piattaforma fallì miseramente. Secondo un comunicato diffuso ieri sera, anche stavolta non si è trattato di un atterraggio morbido; a quanto pare, una delle zampe di supporto si è danneggiata per l'urto e il vettore si è adagiato su un fianco senza esplodere; ecco l'immagine da poco pubblicata da SpaceX:

CY8 PdyU0AABqaa.jpg large

Il vettore danneggiato ieri dalla rottura di una delle zampe, durante le operazioni di recupero sulla piattaforma automatica. Credit: Space-X

 Il lancio di ieri era l'ultimo con la versione 1.1 del Falcon-9, un vettore che Space-X ha utilizzato ben 15 volte da Settembre 2013; è stato anche il primo di 4 lanci previsti dalla California.

Adesso, Space-X ha intenzione di puntare sulla nuova versione ‘Full Thrust’ basata su motori più potenti nel primo stadio, i "Merlin 1D"; si tratta della versione già impiegata lo scorso 21 dicembre, quando avvenne lo storico rientro autonomo del primo stadio in Florida. Qui sotto riportiamo una immagine suggestiva, relativa all'ispezione e al recente test di quel vettore.

12391080 10156867227795131 1834189875165032947 n

Credit: Space-X

 

Riferimenti:
http://www.universetoday.com/126846/jason-3-launch/
http://www.asi.it/it/news/falcon-9-di-nuovo-alla-prova
http://www.spacex.com/news

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1815 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 27 Gennaio 2016 07:07
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista