Scritto: Domenica, 29 Novembre 2015 05:51 Ultima modifica: Mercoledì, 02 Dicembre 2015 05:32

LISA Pathfinder: pronta per "ascoltare" l'Universo


Il 2 dicembre alle 4:15 UTC, dalla base di Kourou nella Guyana Francese, l'Agenzia Spaziale Europea ESA darà il via ad una nuova importante missione: LISA Pathfinder, la sonda apripista al futuro osservatorio spaziale di onde gravitazionali.

Rate this item
(0 votes)
LISA Pathfinder: pronta per "ascoltare" l'Universo Credit: ESA

Tutta la nostra conoscenza attuale dell'Universo si basa sullo studio delle onde elettromagnetiche, come la luce visibile, i raggi infrarossi, gli ultravioletti, le onde radio, i raggi X e i raggi gamma ma LISA offrirà nuovi scenari che consentiranno agli astrofisici di rispondere a molte domande sui grandi eventi del cosmo e ne solleveranno delle nuove.

L'ambizioso progetto fa parte del programma scientifico Cosmic Vision, dedicato alle onde gravitazionali, le increspature nello spazio-tempo previste dalla Teoria della Relatività di Albert Einstein oltre un secolo fa, ancora in attesa di essere dimostrate.

Il nome, "LISA", sta per Laser Interferometer Space Antenna, evolutosi poi in Evolved Laser Interferometer Space Antenna (eLISA), un progetto nato da una collaborazione ESA / NASA per la realizzazione del primo osservatorio spaziale per le onde gravitazionali.
Nel 2011 la NASA interruppe la partnership a causa delle annuali restrizioni di budget. LISA Patfinder (LPF) è perciò scaturita da una revisione dei piani iniziali ed avrà lo scopo di collaudare sul campo concetti e tecnologie.

Grazie ad un sistema di metrologia laser, sensori inerziali e ad un sistema di micro-propulsori per il controllo dell'assetto, LISA PF metterà due masse di prova in caduta libera nello spazio interplanetario, con una precisione senza precedenti.
L'obiettivo è dimostrare che, nell'ambiente spaziale, i corpi in caduta libera seguono moti geodetici nello spazio-tempo.

LISA Pathfinder - rappresentazione delle due masse di prova

LISA Pathfinder - rappresentazione della sezione scientifica con le due masse di prova e l'interferometro laser.
Credit: ESA

Una volta in orbita, la sonda si porterà ad un milione e mezzo di chilometri dalla Terra, nel punto di Lagrange L1 del sistema Sole-Terra, adeguatamente lontano dal nostro pianeta per non subirne l'influenza gravitazionale.
Mentre i sensori inerziali, sensibili a movimenti di un milionesimo di millimetro (un nanometro) ed il sistema di micro-propulsori saranno in grado di annullare l'effetto di qualsiasi forza esterna, come il vento solare, LISA PF resterà concentrata sulle due masse di prova, due cubi di oro e platino di 46 millimetri, alloggiati in contenitori sottovuoto a 38 centimetri di distanza l'uno dall'altro. In questo ambiente incredibilmente stabile, i corpi rimarranno in perfetta caduta libera e potenzialmente influenzati dalle sole onde gravitazionali. LISA PF non potrà rilevarle direttamente ma misurerà le differenze picometriche (cioè nell'ordine di un millesimo di un milionesimo di millimetro) testando un interferometro laser molto sensibile, formato da due raggi laser e 22 specchi che, posto tra i due cubi ne misurerà costantemente la distanza.
Il vero ascolto delle onde gravitazionali avverrà con il futuro osservatorio, dove le masse saranno separate da milioni di chilometri.

La fase operativa di LISA Pathfinder durerà sei mesi, con la possibilità di essere estesa ad un anno.

La sonda porta con sé un importante contributo italiano: i sensori inerziali prodotti dalla Compagnia Generale dello Spazio (CGS spa) con il finanziamento dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e su progetto dell’Università di Trento, supportato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

 

Aggiornamento 2 dicembre 2015

Il lancio di LISA Pathfinder è stato inviato almeno di 24 ore  a causa di un problema tecnico nell'ultimo stadio del vettore Vega.
La prossima opportunità (da confermare) potrebbe essere domani mattina sempre alle 4:15 UTC (5:15 ora italiana).

 

Approfondimenti:
- http://www.esa.int/Our_Activities/Space_Science/LISA_Pathfinder_overview
- http://www.asi.it/it/attivita/cosmologia-e-fisica-fondamentale/lisa-pathfinder

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1864 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 02 Dicembre 2015 05:32
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista