Scritto: Venerdì, 04 Settembre 2015 21:20 Ultima modifica: Venerdì, 04 Settembre 2015 21:42

Hedgehog: il robot per esplorare comete ed asteroidi


Il Jet Propulsion Laboratory, la Stanford University e il Massachusetts Institute of Technology hanno progettato un nuovo robot per lavorare in condizioni di microgravità, adatto ai piccoli corpi celesti, come asteroidi e comete.

Rate this item
(0 votes)
Hedgehog: il robot per esplorare comete ed asteroidi Credits: NASA/JPL-Caltech/Stanford

Si chiama "Hedgehog" ("Riccio") e sarà in grado di saltellare, rotolare e rovesciarsi, lavorando anche capovolto, tutte manovre che i classici rover utilizzati nell'esplorazione spaziale non compiono.

"Hedgehog è un tipo diverso di robot che saltella e cade sulla superficie invece di rotolare sulle classiche ruote. Ha la forma di un cubo e può funzionare in qualunque modo, non importa da quale parte si fermi", ha detto Issa Nesnas, capo della squadra del JPL.

Il robot "riccio" è un cubo con delle punte ed utilizza volani interni per frenare.
Le punte, che potrebbero contenere anche della strumentazione scientifica, una sonda termica ad esempio, hanno la duplice funzione di proteggere il corpo del robot e di fungere da piedi mentre si muove sul terreno. Dopo aver puntato verso una direzione il robot può raggiungere grandi distanze saltando oppure brevi distanze rotolando da una faccia all'altra.

Due prototipi, uno realizzato a Stanford e l'altro al JPL, sono stati provati a giugno 2015 a bordo del C-9, un aeromobile della NASA appositamente allestito per testare condizioni di microgravità.
Durante le 180 parabole, nel corso di 4 voli, Hedgehog ha sfoggiato le sue prestazioni con vari tipi di manovre su diversi materiali per simulare una vasta gamma di superfici, sabbiose, aspre e rocciose, scivolose e ghiacciate, morbide e friabile.

HedgehogUna delle manovre più semplici per Hedgehog è stata la cosiddetta "imbardata", praticamente un giro sul posto. Ma durante uno degli esperimenti, ha dimostrato di saper eseguire anche una manovra "tornado" con cui gira energicamente per lanciarsi da una superficie, un'abilità che potrebbe risultare utile per sfuggire da una voragine o da una duna di sabbia.

Il prototipo del JPL ha 8 punte e 3 volani e pesa 5 chilogrammi ma potrebbe arrivare a 9 con tutto il payload; quello di Stanford è leggermente più piccolo e leggero. Anche i meccanismi frenanti sono un po' diversi: il primo usa freni a disco, l'altro utilizza delle cinghie per fermare bruscamente i volani. Controllando la frenata è possibile regolare l'angolo dei salti.

La geometria delle punte, invece, ha una grande influenza sulla traiettoria.
"Abbiamo sperimentato diverse configurazioni per la punta, trovando che la forma a cubo è quella che offre le migliori prestazioni. La struttura a cubo è anche facile da produrre e si adatta ad essere inserita in un veicolo spaziale", ha detto Benjamin Hockman, ingegnere responsabile del progetto a Stanford.

I ricercatori stanno ora lavorando per rendere il robot il più possibile autonomo ed indipendente dalle sequenze dei comandi inviate da Terra.
Il lavoro di Hedgehog potrebbe essere affiancato da un orbiter sia per le comunicazioni, così come avviene per i rover Opportunity e Curiosity su Marte, che per supporto, per indicare al robot la strada migliore e la sua esatta posizione.

Fonte: https://youtu.be/bDmoqjNQAu8

 

Riferimenti:
- http://www.nasa.gov/feature/jpl/hedgehog-robots-hop-tumble-in-microgravity

Altre informazioni su questo articolo

Read 2254 times Ultima modifica Venerdì, 04 Settembre 2015 21:42
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/11 - Sol 712] - Meteor...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista