Scritto: Mercoledì, 02 Settembre 2015 06:04 Ultima modifica: Venerdì, 04 Settembre 2015 08:41

Comet Hitchhiker: a pesca di asteroidi e comete


Come la nave stellare Enterprise NX-01, la prossima sonda che vagabonderà per il Sistema Solare potrebbe essere dotata di arpioni per atterrare su asteroidi e comete.

Rate this item
(0 votes)
Comet Hitchhiker: a pesca di asteroidi e comete Credits: NASA/JPL-Caltech/Cornelius Dammrich

Il nuovo concetto, chiamato "Comet Hitchhiker", sviluppato dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, propone di sfruttare l'energia cinetica dei corpi, ossia l'energia che possiede un oggetto per il movimento.

"Fare l'autostop ad un corpo celeste non è così semplice come porgere il pollice perché vola ad una certa velocità astronomica e non si ferma per venirvi a prendere. Invece di un pollice, la nostra idea è quella di utilizzare un arpione e una pastoia", ha detto Masahiro Ono, ricercatore principale del progetto, presentando i risultati ad una conferenza presso l'American Institute of Aeronautics and Astronautics SPACE.

Alla base del concetto, un sistema di funi riutilizzabili sostituirebbe la necessità di consumare propellente per l'inserimento in orbita e l'atterraggio intorno a corpi con bassa attrazione gravitazionale (vale la pena di ricordare che, vista l'esperienza di Philae, gli arpioni non ci hanno finora lasciato un buon ricordo! N.d.R.).
La tecnica sarebbe piuttosto simile a quella utilizzata dai pescatori sulla Terra quando, per catturare una preda piuttosto grossa che ha abboccato, rilasciano più lenza per moderare la tensione e non far spezzare il filo, mentre la barca si avvicina. Analogamente, da una distanza compresa tra i 100 ed i 1.000 chilometri, la sonda sgancerebbe una sorta di "fiocina" per comete dotata di una pastoia in nanotubo di carbonio. Nel frattempo, un meccanismo frenante raccoglierebbe l'energia cinetica dal target. Una volta che la velocità del veicolo corrisponde a quella del "pesce", cioè a quella dell'asteroide o della cometa, si è pronti a sbarcare avvolgendo la cavezza e scendendo dolcemente. Quando è il momento di passare ad un altro target, la sonda sfrutterebbe l'energia raccolta per staccarsi rapidamente e sfrecciare lontano.

Comet Hitchhiker - concetto"Questo tipo di autostop potrebbe essere utilizzato per più destinazioni nella fascia principale degli asteroidi o nela fascia di Kuiper, da 5 a 10 in una sola missione", ha detto Ono.

Il team, per ora, ha studiato la fattibilità dell'idea per capire se un arpione e una fune possano effettivamente tollerare un impatto del genere.
Tramite simulazioni computerizzate, hanno creato quella che viene chiamata Space Hitchhike Equation, che riguarda la forza specifica della pastoia, il rapporto di massa tra il veicolo spaziale e la pastoia e la variazione di velocità necessaria per compiere la manovra.

La fune dovrebbe sopportare l'enorme tensione e calore generato dalla rapida diminuzione della velocità per entrare in orbita ed atterrare ma, a quanto pare, esistono già materiali in grado di farlo, come lo Zylon o il Kevlar o l'ideale potrebbe essere una pastoia in nanotubo di carbonio e un arpione di diamante per andare sul sicuro.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1990 volta/e Ultima modifica Venerdì, 04 Settembre 2015 08:41
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista