Scritto: Martedì, 07 Luglio 2015 06:21 Ultima modifica: Martedì, 07 Luglio 2015 06:43

Da LUCID, una mappa dei raggi cosmici e del vento solare


Un esperimento satellitare per studiare i raggi cosmici ed il vento solare, ideato dagli studenti, sta raccogliendo con successo i primi dati.

Rate this item
(0 votes)
Da LUCID, una mappa dei raggi cosmici e del vento solare Credit: Langton Star Centre

LUCID (Langton Ultimate Cosmic ray Intensity Detector) utilizza i rivelatori di particelle del CERN per studiare l'ambiente di radiazione nella bassa orbita terrestre. I risultati sono stati presentati ieri al National Astronomy Meeting 2015 a Llandudno, dal sedicenne Cal Hewitt.

Il satellite traccia la direzione dei raggi cosmici e del vento solare in tre dimensioni e determina il tipo di particella, l'energia trasportata e la dose di radiazione risultante. Il monitoraggio di questi dati è importante per la meteorologia spaziale e proteggere gli astronauti in orbita.

Fino ad oggi, LUCID ha catturato mezzo milione di fotogrammi dal lancio dell'8 luglio 2014 ed altri 250.000 sono in programma entro l'estate, per restituire una mappa completa delle radiazioni. E' stato progettato dagli studenti del Langton Star Centre, il centro di ricerca della Simon Langton Grammar School a Kent, nel 2008 e costruito dalla Surrey Satellite Technology Ltd.

"Quando orbita nel versante soleggiato della Terra, LUCID rileva il vento solare ma quando è al riparo dal Sole, siamo in grado di identificare gli eventi di raggi cosmici", ha detto Hewitt.

"LUCID è stato sviluppato dai pixel detector utilizzati al LHC, originariamente progettati per l'imaging medico. Questo tipo di sensore non era mai stato utilizzato prima in uno spazio aperto. All'inizio i nostri dati erano estremamente rumorosi ma poi, abbiamo ottimizzato le impostazioni del rilevatore per il giorno e la notte", ha spiegato Hewitt.

 

Press release:
- https://www.ras.org.uk/news-and-press/2665-first-results-from-lucid-schools-start-mapping-cosmic-rays-and-solar-wind

Letto: 2408 volta/e Ultima modifica Martedì, 07 Luglio 2015 06:43
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista