Scritto: Lunedì, 04 Maggio 2015 10:08 Ultima modifica: Lunedì, 04 Maggio 2015 13:18

Nuovi finestrini per l'Orion


Quando gli astronauti viaggeranno verso un asteroide o verso Marte dovranno poter godere di un bel panorama. Per questo motivo, gli ingegneri che stanno lavorando alla nuova capsula Orion, che donerà nuovamente agli Stati Uniti completa indipendenza nell'esplorazione spaziale, stanno riprogettando gli oblò in modo che siano strutturalmente validi, più leggeri e quindi meno costosi ed allo stesso tempo garantiscano una vista ad alta definizione.

Rate this item
(0 votes)
Nuovi finestrini per l'Orion Credit: NASA

Fino ad ora, sullo Space Shuttle o sulla Stazione Spaziale Internazionale, i finestrini sono stati realizzati con lastre di vetro.

"I vetri delle aperture sono stati da sempre parte integrante della scocca per mantenere in pressione la cabina ed in vita gli astronauti ed hanno anche fornito loro protezione termica durante il rientro in atmosfera", ha detto Lynda Estes, responsabile del sottosistema al Johnson Space Center della NASA a Houston. "Ma la cosa insidiosa sul vetro è che si tratta di un materiale strutturalmente povero. Se sottoposto a carichi, perde resistenza nel corso del tempo e se avviene un urto, la sua resistenza diminuisce drammaticamente. E il volo spaziale avviene in un ambiente che purtroppo può generare queste vulnerabilità".

Quindi, dato che il vetro non può essere di certo classificato come materiale ideale per una navicella spaziale, gli ingegneri sono andati alla ricerca di un'idea migliore.
Durante le prime fasi di progettazione della Orion, era stato preso in considerazione il policarbonato che tuttavia non ha qualità ottiche idonee. E' da tener presente, infatti, che qualsiasi componente viene posto tra il soggetto e l'hardware di ripresa, diventa un elemento ottico a tutti gli effetti, per il quale bisognar tener conto del parallelismo tra i piani, dell'omogeneità, dell'indice di rifrazione e così via. Il team, perciò, ha selezionato delle lastre acriliche, le stesse utilizzate dai grandi acquari, in grado di sopportare la spinta generata dall'acqua al loro interno e l'afflusso dei visitatori dall'esterno, che spesso si appoggiano insistentemente. Tale materiale offre una vista chiara ed una robustezza intrinseca che può essere quantificata.

Attualmente Orion ha quattro finestrini sul cono, ciascuno formato da tre lastre, ed altri supplementari verranno integrati sul portellone di attracco e sul portello laterale che verrà utilizzato dall'equipaggio. Le lastre acriliche hanno volato durante il primo volo di prova dell'Orion a dicembre 2014 e gli ingegneri hanno testato ulteriormente l'integrità termica quest'anno per determinare se Orion potrà avere dei finestrini formati da una lastra di vetro e due pannelli acrilici.

Orion immagine in infrarosso

Immagine in infrarosso del modulo Orion, galleggiante in acqua a largo di San Diego, dopo il volo di test di dicembre 2014.
Credit: NASA

Nei prossimi mesi Estes e il suo team metteranno nuovamente alla prova le lastre con un "creep test", valutando la loro risposta dopo averle sottoposte ad un carico per 270 giorni.

Finestrino della Orion sul banco di prova

Credits: Lynda Estes

Il lavoro svolto per integrare il materiale acrilico nei finestrini dell'Orion, aiuterà anche a rendere il veicolo spaziale più leggero e quindi ad abbassare i costi di missione.

Letto: 2206 volta/e Ultima modifica Lunedì, 04 Maggio 2015 13:18
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista