Scritto: Martedì, 07 Aprile 2015 05:13 Ultima modifica: Martedì, 07 Aprile 2015 06:46

Il sesto senso delle piante


Potrebbero non avere i cinque sensi (vista, udito, olfatto, gusto e tatto) come noi li intendiamo ma di sicuro le piante ne hanno un sesto, il senso della gravità, quello che i ricercatori dell'Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA) cercheranno di studiare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Rate this item
(0 votes)
Colture dell'esperimento Plant Gravity Sensing Colture dell'esperimento Plant Gravity Sensing Credit: European Space Agency/S. Corvaja

L'obiettivo dell'esperimento Plant Gravity Sensing è determinare come le piante percepiscono la loro direzione di crescita in assenza di gravità.
I risultati potranno essere particolarmente utili per la resa delle colture durante le missioni spaziali di lunga durata ed inoltre, la comprensione dei processi cellulari vegetali durante lo sviluppo, porterà ad una migliore conoscenza di quelli che avvengono nel corpo umano.

Arabidopsis thaliana - Credit: Alberto Salguero Quiles en Getafe (Madrid), EspañaL'indagine si concentrerà sulla Arabidopsis thaliana, detta anche arabetta comune, una piccola pianta erbacea fiorita che fa parte della famiglia delle Brassicacee, spesso presa come organismo modello per le scienze vegetali. La conoscenza approfondita già acquisita di questa pianta permetterà agli scienziati di riconoscere facilmente i cambiamenti che si verificano a seguito dell'adattamento in microgravità.

In particolare, il team analizzerà come si comporteranno le concentrazioni di calcio nelle cellule delle piante, inizialmente coltivate in microgravità, quando saranno di nuovo esposte ad un ambiente ad 1g, ossia ad una gravità simile a quella terrestre. Sulla Terra, questi valori hanno già dimostrato di cambiare in risposta alle temperature e di adattarsi alla direzione di crescita.

ISS: Plant Gravity Sensing

Immagine A, disco di coltura della Arabidopsis; Immagine B, emissione di fotoni durante la centrifuga ed aumento delle concentrazioni di ioni di calcio; Immagine C, impianto di rilevamento delle emissioni di fotoni.
Credit: JAXA/Hitoshi Tatsumi

"La piante coltivate nello spazio non hanno esperienza con la gravità o la direzione della gravità e non possono essere in grado di formare dei sensori di gravità che rispondano ad una direzione specifica", ha detto Hitoshi Tatsumi, ricercatore principale dell'esperimento e professore presso l'Università di Nagoya a Nagoya, Giappone.

ISS: modulo Kibo - Credit: NASAPer simulare la gravità terrestre, i ricercatori utilizzeranno la centrifuga Cell Biology Experiment Facility all'interno del modulo Kibo.

Lo studio potrebbe avere implicazioni importanti anche sul nostro pianeta: "Potremmo progettare piante in grado di rispondere più rapidamente ai cambiamenti vettoriali della gravità", ha spiegato Tatsumi. "Queste piante sarebbero in grado di riprendersi dal collasso causato dai venti o dalle inondazioni più velocemente rispetto a quelle selvatiche. Così, la produzione agricola aumenterebbe notevolmente".

 

Letto: 2576 volta/e Ultima modifica Martedì, 07 Aprile 2015 06:46
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista