Scritto: Mercoledì, 18 Febbraio 2015 20:23 Ultima modifica: Sabato, 21 Febbraio 2015 08:34

Vita su Marte: jarosite ed alte temperature, una combinazione letale per i composti organici


Gli scienziati hanno scoperto che la jarosite distrugge i composti organici quando viene riscaldata.
Di per sé questa notizia potrebbe sembrare poco rilevante e soprattutto riservata ad un pubblico ristretto ma vale la pena ricordare che questo minerale, un solfato di ferro, è molto diffuso su Marte ed è stato individuato più volte da Curiosity nei campioni prelevati, come quello proveniente dall'ultimo drill su Mojave2, ad esempio.

Rate this item
(0 votes)
Curiosity MAHLI sol 868 "selfie" Curiosity MAHLI sol 868 "selfie" Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Il rover utilizza il suo Sample Analysis at Mars (SAM) per studiare sia l'atmosfera che i campioni solidi di rocce e terreno.
Il SAM contiene uno spettrometro di massa (QMS), un gascromatografo (GC) e uno spettrometro laser (TLS) e funziona praticamente come un piccolo forno, cuocendo i campioni progressivamente fino a 1.000° Celsius ed analizzando i gas emanati durante il processo.

Ora però, i ricercatori dell'Imperial College London e del Natural History Museum hanno replicato la tecnica usata da Curiosity per analizzare il terreno marziano e cercare composti organici, scoprendo che quando questi ultimi sono presenti insieme alla jarosite, intense raffiche di calore (flash-heating) abbattono il minerale in anidride solforosa e ossigeno, che a sua volta distrugge i composti organici senza lasciare tracce.
Davvero una pessima notizia!

Nel 2014, il professore Mark Sephton, del Department of Earth Science and Engineering presso l'Imperial College London e co-autore del documento pubblicato oggi sulla rivista Astrobiology, si era occupato del perclorato, un'altra spina nel fianco per la ricerca della vita. Anche questo minerale crea problemi se viene risclaldato, rompendosi e producendo ossigeno e cloro sotto forma di gas, che a sua volta reagisce con composti organici suddividendoli in anidride carbonica e acqua.

"Le proprietà distruttive di alcuni solfati di ferro e perclorati verso la materia organica possono spiegare perché le missioni attuali e precedenti non hanno finora offerto alcuna prova conclusiva di sostanze organiche conservate sulla superficie di Marte", ha dichiarato Sephton. "Questo nonostante gli scienziati sappiano da studi precedenti che i composti organici sono stati consegnati a Marte dalle comete, dai meteoriti e dalla polvere interplanetaria nel corso della sua storia".

Adesso il team sta studiando la possibilità di una nuova modalità operativa per Curiosity da adottare quando nella roccia sono presenti questi minerali. Il loro lavoro, quindi, potrebbe avere importanti implicazioni sia per la missione in corso che per le future, come ExoMars che dovrebbe prelevare campioni dal terreno ed analizzarli con lo stesso metodo usato finora.

James Lewis, sempre del Department of Earth Science and Engineering all'Imperial College London, co-author del documento, ha detto: "il nostro studio mostra che se la jarosite viene rilevata, allora è chiaro che gli esperimenti di riscaldamento alla ricerca di composti organici non possono essere efficaci".

Sulla Terra, però, solfati di ferro come la jarosite si formano nelle difficili acque acide che sgorgano da rocce ricche di zolfo dove, nonostante le avverse condizioni, si crea un habitat ideale per i microorganismi.
Lewis ha aggiunto: "Il problema è che la jarosite è la prova di sistemi che potrebbero aver sostenuto la vita, quindi non è un minerale che gli scienziati possono evitare completamente nella loro analisi dei terreni su Marte. Speriamo che il nostro studio aiuterà gli scienziati ad interpretare i dati ed a setacciare l'enorme quantità di eccellenti informazioni che Curiosity sta producendo, per trovare le prove che Marte una volta era in grado di sostenere la vita".

Riferimenti:
- http://phys.org/news/2015-02-scientists-mineral-compounds-implications-mars.html

Letto: 2805 volta/e Ultima modifica Sabato, 21 Febbraio 2015 08:34
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista