Scritto: Domenica, 12 Ottobre 2014 08:29 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11

Trasforma il tuo smartphone in un rilevatore di raggi cosmici


Volete sentirvi uno scienziato e studiare le particelle ad alta energia che attraversano il cosmo sfiorando la velocità della luce? Ebbene, non dovrete faticare più di tanto, adesso c'è un'app che fa per voi!

Si chiama Distributed Electronic Cosmic-Ray Observatory (DECO) e trasformerà il vostro smartphone in un rilevatore di particelle tascabile, quasi come quelli che costano milioni di dollari ospitati nei grandi laboratori.

Rate this item
(0 votes)

DEMO screenshot

Crediti: Justin Vandenbroucke

Volete sentirvi uno scienziato e studiare le particelle ad alta energia che attraversano il cosmo sfiorando la velocità della luce? Ebbene, non dovrete faticare più di tanto, adesso c'è un'app che fa per voi!

Si chiama Distributed Electronic Cosmic-Ray Observatory (DECO) e trasformerà il vostro smartphone in un rilevatore di particelle tascabile, quasi come quelli che costano milioni di dollari ospitati nei grandi laboratori.

Per iniziare basta poco: dovrete munirvi solo di uno smartphone, di una connessione ad Internet e di un pezzo di nastro adesivo.
Ora, scaricate le due applicazioni, per ora disponibili solo per Androiddata logger app e DECO (ma non disperate, iOS è in fase di sviluppo), ed attaccate il nastro adesivo sulla lente della fotocamera per bloccare la luce.
E voilà, il gioco è fatto!

"Queste applicazioni fondamentalmente trasformano il telefono in un rilevatore di particelle ad alta energia," spiega l'ideatore Justin Vandenbroucke, professore di fisica presso il Wisconsin IceCube Particle Astrophysics Center, in una dichiarazione. "Esso utilizza gli stessi principi come questi grandi esperimenti".

I raggi cosmici sono molto studiati in astrofisica.
Attraversano lo spazio giungendo fino a noi, originati probabilmente da eventi molto potenti che coinvolgono buchi neri e supernove. Bombardano anche l'atmosfera terrestre rilasciando un flusso di particelle ad alta energia. La maggior parte sono protoni, accompagnati da cocktail di altre particelle.

Ma come fa una semplice applicazione a trasformare il nostro cellulare in un mini-laboratorio di fisica?
Quando i raggi cosmici interagiscono con la nostra atmosfera, nel cocktail troviamo anche una particolare particella chiamata muone, una particella fondamentale (ossia un costituente indivisibile della materia).
DECO è in grado di rilevare i muoni sfruttando i chip di silicio incorporati nelle fotocamere dei smartphone.

I muoni sono particelle debolmente interagenti.
Possono passare attraverso la maggior parte dei materiali come soffitti e pareti e quindi possono raggiungere anche uno smartphone che sta eseguendo l'applicazione DECO.

Le fotocamere digitali utilizzano, al posto delle vecchie pellicole, un sensore (CCD o CMOS), dispositivi fotosensibili costituiti da una matrice di fotodiodi in grado di trasformare un segnale luminoso in un segnale elettrico. Anche il muone quando colpisce il silicio genera un segnale elettrico che si traduce in una firma digitale nei pixel. L'applicazione, quindi, va a cercare queste firme e, se ne trova, salva un'immagine e le informazioni su un database centrale, grazie al quale abbiamo una visione in real time di quello che sta accadendo nell'Universo vicino a noi. Semplice, no?!?!

Ovviamente, non montatevi la testa: questa app non sostituirà la sensibilità e la precisione dei rivelatori di particelle più grandi ma di sicuro è un modo per avvicinare il pubblico e soprattutto i giovani alla fisica!

DECO, the cosmic-ray detector in your pocket

The Distributed Electronic Cosmic-Ray Observatory (DECO) is an effort to harness the global network of mobile devices to detect cosmic radiation. DECO is part of the Global Sensor Web, a framework for collecting data from distributed sensors.
DECO is a cosmic-ray detector app that runs on Android OS (iOS is in development). Digital cameras are usually used to produce nice pictures by recording the photons that hit them, but they can also detect, or “see,” muons that are produced by the interaction of cosmic rays with the Earth´s atmosphere. DECO works by recording a camera image once every 1-2 seconds, when there´s no light reaching the camera (either in dark environments or just by taping the lens on the phone). Those images are then analyzed to identify cosmic-ray candidates and events.
WIPAC is currently working with high school teachers and students to improve the app and to create content and resources to foster the use of the app in the classroom.
The project is supported by the American Physical Society, the Knight Foundation, and the Simon-Strauss Foundation. Teacher participation is supported by QuarkNet.

Letto: 8695 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista