Scritto: Domenica, 08 Maggio 2022 05:32 Ultima modifica: Domenica, 08 Maggio 2022 06:41

Luna: fotosintesi extraterrestre per ottenere ossigeno dalle rocce


Gli scienziati dell'Università di Nanchino ritengono di poter utilizzare i composti trovati nel suolo lunare per produrre ossigeno in situ e carburante per supportare le missioni lunari con equipaggio.

Rate this item
(3 votes)
Luna: fotosintesi extraterrestre per ottenere ossigeno dalle rocce
Crediti: Yingfang Yao

I risultato arrivano dai campioni lunari restituiti sulla Terra dalla missione cinese Chang'e 5.
La strategia utilizzata, detta "fotosintesi extraterrestre", sfrutta i catalizzatori contenuti nel suolo lunare per avviare la fotosintesi di ossigeno e carburante a partire dall’acqua e dall’anidride carbonica, con il supporto della luce del Sole.

Il documento, pubblicato online sulla rivista Joule, fa parte della ricerca sull'utilizzo delle risorse presenti sulla Luna per supportare l'esplorazione umana. Essere in grado di produrre risorse vitali localmente ridurrebbe la costosa necessità di trasportarle dalla Terra.

Il nuovo studio potrebbe aprire importanti opportunità per la Cina che sta progettando una base lunare congiunta con la Russia. La International Lunar Research Station (ILRS) sarà inizialmente robotica ma si prevede che potrà ospitare astronauti entro la metà degli anni '30. Inoltre, la missione cinese Chang'e 8 dovrebbe essere lanciata entro la fine di questo decennio per testare la tecnologia per l'utilizzo delle risorse locali e la produzione con la stampa 3D.

Chang'e 5 è stata lanciata nel novembre 2020 e ha consegnato 1,731 chilogrammi di materiale lunare sulla Terra un mese dopo. Questo è stato il primo campione tornato con successo dalla Luna dalla missione Luna 24 dell'Unione Sovietica nel 1976.

 

Fotosintesi extraterrestre

Dopo aver analizzato il suolo lunare riportato dalla navicella spaziale cinese Chang'e 5, il team ha scoperto che il campione contiene composti, comprese sostanze ricche di ferro e titanio, che potrebbero fungere da catalizzatori per creare altri elementi fondamentali come l'ossigeno, senza utilizzare energia esterna ma solo luce solare. Alla fine, il sistema proposto sfrutta solo il ​​suolo lunare e la radiazione del Sole, due elementi ampiamente disponibili sulla Luna.

Sulla base dell'osservazione, il team ha proposto una strategia di fotosintesi extraterrestre. Il sistema utilizza il suolo lunare e la luce solare per l’elettrolisi dell’acqua estratta dalla Luna e dal vapore che insieme all'anidride carbonica viene prodotto dagli scarichi dei respiratori degli astronauti, per restituire ossigeno e idrogeno. Inoltre, sempre grazie ai catalizziatori presenti nel terreno selenico, anche l'anidride carbonica esalata dagli umani sulla Luna, può essere raccolta e combinata con l'idrogeno tramite idrogenazione per produrre idrocarburi e alcoli (ad esempio, metano e metanolo) normalmente impiegati come combustibili.

Un'idea da verificare

Il team sta cercando un'opportunità per testare il sistema nello spazio, probabilmente con le future missioni lunari cinesi con equipaggio.
"Utilizziamo risorse ambientali in situ per ridurre al minimo il carico utile dei razzi e la nostra strategia fornisce uno scenario per un ambiente di vita extraterrestre sostenibile e conveniente", ha affermato Yao.

Sebbene l'efficienza catalitica del suolo lunare sia inferiore ai catalizzatori disponibili sulla Terra, il team sta testando diversi approcci per migliorare il design, come la fusione del suolo lunare in un materiale nanostrutturato ad alta entropia, che sarebbe un catalizzatore migliore.

In precedenza, gli scienziati hanno proposto molte strategie per la sopravvivenza sul altri mondi ma la maggior parte dei progetti richiede fonti di energia supplementari. Ad esempio, il rover Perseverance Mars della NASA ha a bordo uno strumento in grado di utilizzare l'anidride carbonica nell'atmosfera del pianeta per produrre ossigeno, ma è alimentato da una batteria nucleare.

"Nel prossimo futuro, vedremo l'industria dei voli spaziali con equipaggio svilupparsi rapidamente", ha detto Yao. "Proprio come l'Era della Vela nel 1600, quando centinaia di navi si diressero verso il mare, entreremo in un'Era dello Spazio". Ma se vogliamo effettuare esplorazioni su larga scala dei mondi extraterrestri, "dovremo pensare a modi per ridurre il carico utile, il che significa fare affidamento sul minor numero possibile di rifornimenti dalla Terra e utilizzare invece risorse in situ".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 136 volta/e Ultima modifica Domenica, 08 Maggio 2022 06:41

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2022.

StatisticaMENTE

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 19 Maggio. ...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 18 maggio. Statistiche sul...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora