Scritto: Giovedì, 02 Gennaio 2014 05:56 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11

Marte: un mondo dinamico anche sotto la superficie


Dopo decenni di osservazioni, di certo Marte non può più essere definito un pianeta morto.
Tempeste e diavoli di polvere, dune in movimento, frane, fratture, nuvole e precipitazioni rendono la superficie estremamente dinamica e mutevole con il trascorrere delle stagioni.

Ora, gli scienziati sospettano che un'attività altrettanto ricca possa essere presente anche nel sottosuolo.

Rate this item
(0 votes)

Marte: pompa planetaria

Credit: de Beule, et al. ©2013 Macmillan Publishers Limited. All rights reserved

Dopo decenni di osservazioni, di certo Marte non può più essere definito un pianeta morto.
Tempeste e diavoli di polvere, dune in movimento, frane, fratture, nuvole e precipitazioni rendono la superficie estremamente dinamica e mutevole con il trascorrere delle stagioni.

Ora, gli scienziati sospettano che un'attività altrettanto ricca possa essere presente anche nel sottosuolo.

La bassa pressione atmosferica e il terreno poroso potrebbero offrire, infatti, le condizioni ideali per trasformare il suolo in un'enorme pompa planetaria, in grado di muovere gas e particelle di polvere da sotto a sopra la superficie.

Se così fosse, quello scoperto, sarebbe un meccanismo unico di Marte, senza eguali conosciuti qui sulla Terra o in altri posti del nostro Sistema Solare.

Lo studio è stato seguito da Caroline de Beule, dell'Università di Duisburg-Essen in Duisburg, in Germania ed è stato pubblicato sulla rivista Nature Physics.

"L'idea che il suolo marziano possa agire come una pompa planetaria ci ha sorpreso davvero", ha detto de Beule. "Abbiamo trovato questo effetto per caso, studiando le eruzioni di polveri indotte dalla luce in condizioni di microgravità. Abbiamo visto le particelle erose muoversi dal basso verso superficie, senza convezione termica, così abbiamo concluso che doveva esserci un flusso di gas che attraversava il terreno".

Tutto questo sarebbe possibile grazie alla bassa pressione superficiele di Marte, in media 6 mbar, cioè meno dell'1% della pressione sulla superficie terrestre, una delle caratteristiche che lo rendono così diverso dal nostro pianeta.
L'atmosfera, su Marte, consiste principalmente in anidride carbonica le cui molecole, a questa pressione superficiale, hanno un percorso libero medio (cioè, la distanza media tra urti successivi l'una con l'altra) di 10 micron e, 10 micron è anche la dimensione media delle particelle di polvere e dei pori nel terreno marziano.

In queste condizioni, quando il percorso libero medio è paragonabile alla dimensione delle particelle e dei pori, può verificarsi un effetto chiamato scorrimento termico.
Quando un lato del poro è più caldo rispetto al lato opposto, il poro stesso agisce come una pompa efficiente e trasporta il gas dal suo lato freddo al lato caldo.

Marte: pompa planetaria

Credit: de Beule, et al. ©2013 Macmillan Publishers Limited. All rights reserved

Gli scienziati ritengono, perciò, che lo scorrimento termico possa svolgere un ruolo significativo nel trasporto di gas e polveri su Marte.
In un tale scenario, il Sole riscalderebbe gli strati superiori di terreno ovunque, tranne che nelle zone in ombra, dove il suolo rimarrebbe più fresco. In questi luoghi ombreggiati, le molecole di gas verrebbero assorbite dai pori nel terreno. Quindi, fluirebbero attraverso i pori sotterranei, per essere spinte nuovamente in superficie nelle aree riscaldate.

Per testare il processo in condizioni marziane, i ricercatori hanno fatto cadere un campione di polvere basaltica, racchiusa in una camera sotto vuoto con pressione di 4 mbar, illuminandola e riscaldandola con un laser rosso. Il laser ha provocato un gradiente di temperatura in grado di spingere le particelle di polvere verso l'alto ad una velocità di circa 10 cm/s, con una ricaduta di circa 1 cm/s.
Le traiettorie osservate negli esperimenti erano simili a quelle simulate per il flusso di un gas.
Secondo gli scienziati, la velocità media delle particelle su Marte sarebbe di circa 1,6 cm/s, legata ad un gradiente termico inferiore rispetto a quello simulato.

Marte: pompa planetaria - schema esperimento

Credit: de Beule, et al. ©2013 Macmillan Publishers Limited. All rights reserved

Questa ricerca potrebbe rilevarsi molto importate.
Sappiamo che nel sottosuolo di Marte esiste ghiaccio sepolto, più volte si è parlato di possibili tracce di fluidi risaliti in superficie e noi abbiamo anche ipotizzato la presenza di acque fossili. Ora, potremmo immaginare che, grazie allo scorrimento termico, anche il vapore acqueo venga trasportato in superficie.
Tutti elementi, questi, che aggiungono tasselli e mettono in moto altre riflessioni, per esempio sulle fessurazioni di cui abbiamo tanto parlato, o su quella nebbiolina che rende i paesaggi così profondi e prospettici.

"Accanto ad un ciclo della polvere e ad un ciclo del biossido di carbonio, la maggiore applicazione del nostro lavoro è un grande passo in avanti per la comprensione del ciclo globale dell'acqua su Marte che è ovviamente collegato agli altri due cicli", spiega de Beule.
"Per esempio, il tasso di trasporto del vapore acqueo attraverso la polverosa superficie di Marte, determina i tempi dell'esistenza di ghiaccio nel sottosuolo".
"Considerando il fatto che Marte potrebbe essere stato abitabile qualche miliardo di anni fa, il ciclo annuale del vapore acqueo di oggi, riflette il comportamento presente e passato dell'acqua, è quindi può essere un punto chiave circa lo studio dei possibili ambienti abitabili antichi di Marte".

Maggiori informazioni:
- Caroline de Beule, et al. "The martian soil as a planetary gas pump." Nature Physics. DOI: 10.1038/NPHYS2821

Read 2577 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS