Scritto: Giovedì, 12 Settembre 2013 06:40 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11

NASA: le fotocamere dei prossimi rover saranno occhi intelligenti


Ogni rover che vaga su Marte porta con sé un bagaglio tecnologico estremamente costoso, che implica anche un complicato lavoro umano di revisione da terra.
Ma una nuova fotocamera, chiamata TextureCam dovrebbe sovvertire la situazione, snellendo la robotica per l'esplorazione planetaria, dotando i futuri rover della capacità di scegliere gli obiettivi scientifici più interessanti.

Rate this item
(0 votes)

TextureCam

Credit: Kiri Wagstaff

Ogni rover che vaga su Marte porta con sé un bagaglio tecnologico estremamente costoso, che implica anche un complicato lavoro umano di revisione da terra.
Ma una nuova fotocamera, chiamata TextureCam dovrebbe sovvertire la situazione, snellendo la robotica per l'esplorazione planetaria, dotando i futuri rover della capacità di scegliere gli obiettivi scientifici più interessanti.

La nuova tecnologia, mirata a rendere i robot interplanetari più capaci, è stata sviluppata presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California.

La distaza - luce tra Marte e la Terra è di circa 20 minuti, introducendo già ritardi tra messaggio ed esecuzione.
Per ovviare a questo, il team pianifica le attività, inviando poi al rover una sequenza di comandi.
La situazione, poi, diventa ancora più difficile per missioni più distanti, come potrebbe essere l'esplorazione della luna ghiacciata di Giove, Europa.

I primi test della nuova fotocamera sono avvenuti nel deserto del Mojave in California, famoso set per le simulazioni di ambienti extraterrestri.
I risultati, anche se siamo solo in una fase iniziale, hanno mostrato che la tecnologia potrebbe dare la giusta priorità alle rocce scientificamente più interessanti.

I rover del futuro avrebbero così più intelligenza rispetto al moderno Curiosity, che attualmente sta esplorando il Pianeta Rosso, diregendosi verso le pendici del monte Sharp.

Anche se grazie ai recenti aggiornamenti software, Curiosity è in grado di operare in modalità autonav per la prima volta su Marte, non è in grado di scegliere le rocce migliori ma ha necessariamente bisogno dei suggerimenti del suo team da Terra. Se Curiosity è fuori portata di un orbiter marziano, i caricamenti sono dolorosamente lenti, circa 250 volte più lenti di una tipica rete di telefonia cellulare 3G terrestre.

TextureCam, invece, al rover basterebbero poche informazioni iniziali, per capire cosa cercare: sarebbe capace di scattare foto 3D con telecamere stereo ed individuare le texture per capire cosa ha fotografato.

Il processore potrebbe anche determinare la dimensione delle rocce e la loro distanza.

A questo punto, la sua decisione per selezionare gli obiettivi più interessanti, potrebbe avere la priorità i sui comandi inviati da Terra.

La ricerca è stata dettagliata nell'edizione del 27 agosto delle rivista Geophysical Research Letters.

Letto: 2325 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista